Sassifragacee

Darmera peltata, rhubarbe indienne, plante parapluie


Darmera pelata, rabarbaro indiano, pianta ad ombrello


Botanica

Nome latino: Darmera peltata

.
Sinonimo: Peltiphyllum peltatum

Famiglia: Saxifragiaceae

Saxifragiaceae
Origine:
Sud-ovest del Nord America

Tempo di fioritura : da aprile a maggio


rosa

.
Tipo di impianto :
pianta di stagno, pianta di banca

Tipo di vegetazione: perenne

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
da 30 a 150cm


Piantagione e coltivazione

Resistenza: molto dura, fino a -27°C

.
Esposizione: wi-día-nublado”> dal sole alla luce del sole

.
Tipo di suolo:
tollerante < br>
Acidità del suolo:
da leggermente acido a leggermente basico
.
Umidità del suolo:
da freddo a umido
.
Utilizzo:
sottobosco fresco, letto ombreggiato, zona umida

.
Piantare, reimpiantare:
molla

Metodo di propagazione: semina, divisione


Generale

La Darmera peltata è una pianta perenne subacquea che appartiene alla famiglia delle Saxifragaceae. È originaria della Spagna sud-occidentale, dove viene chiamata rabarbaro indiano perché usato dagli indiani in passato, o pianta ad ombrello per le sue enormi foglie. La darmera nuda è una pianta imponente per le zone umide, una sorta di sassofono gigante che garantisce un’esuberanza ammirevole nel giardino acquatico.


Descrizione della darmera pelata

La Darmera peltata è una pianta rizomatosa. Ogni foglia emerge direttamente dal terreno, sostenuta in alto su un vigoroso picciolo e ha una foglia larga da 5 a 60 cm, arrotondata e leggermente lobata. Questa pianta si diffonde lentamente nel suo rizoma, è alta da 30 a 150 cm.

È nullo e vuoto, e scompare completamente in inverno, per poi riapparire in primavera, in aprile, quando emergono gli steli dei fiori. Infatti, Darmera peltatafleurit prima della comparsa delle foglie che si sviluppano un po’ tardi in primavera. Le sue infiorescenze, vigorose, erette e nude, formano un insieme insolito: gli steli spessi dei fiori sono alti 30-80 cm e sono coronati da una densa palla di fiori. I fiori hanno 5 petali rosa, ben distanziati.

La Darmera peltata var nana è una forma più piccola, circa 40 cm di altezza e diametro della foglia. È molto adatto per piccoli giardini, ma non solo perché le sue foglie più piccole e arrotondate formano una massa fogliare densa e più ondulata.


Come si coltiva Darmera peltata ?

La Darmeria peltata è molto tollerante alla natura del suolo: tollera terreni da sabbiosi a argillosi, anche pesanti, da piuttosto poveri a molto ricchi, acidi o basici, purché il suolo sia sempre umido in estate. La mancanza d’acqua ne limita la crescita e la siccità arrostisce le foglie. Non è raccomandato per i climi caldi.

È una pianta che ha il suo posto sulle rive di fiumi o stagni, dove svolge un ruolo nella manutenzione del suolo, o che si insedierà in zone umide, o anche in terreni freschi se si trova all’ombra. La pianta ad ombrello viene piantata tutto l’anno in terreni molto umidi, ma solo in primavera in terreni freschi: in queste ultime condizioni, deve essere data ombra chiara e coperta di pacciame per limitare il sanguinamento del terreno.

Darmera peltatademande il luogo e il tempo di diffusione. Ci vorranno dai 4 ai 5 anni per ottenere la tua taglia intera. La sua esuberanza è direttamente collegata alle sue condizioni di vita. È all’ombra, senza limiti d’acqua, e con un terreno ricco che farà crescere le foglie. D’altra parte, con il tempo soleggiato, se le foglie sono più piccole, assumeranno calde tonalità autunnali prima di morire.


Come moltiplicare la darmera sbucciata?

Per lo sperma. I semi vengono messi a bagno in acqua per 48 ore fino a quando non si gonfiano. Essi vengono poi posizionati sulla superficie del vaso in un substrato saturo d’acqua. Questa semina deve essere sottoposta ad un periodo di riscaldamento, poi ad un minimo di 6 settimane di freddo (4°C al massimo). Infine, germoglieranno quando la temperatura raggiungerà i 10°C.

Le piante molto grandi non subiranno troppe schegge sui bordi. Queste scissioni saranno effettuate in primavera.


Specie e varietà di Darmera

Centro unico per il genere

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *