Zamiacee

Le Cicladi di Moore


Le Cicladi di Moore

Le Cicladi di Moore, Macrozamia moorei in natura


Botanica

Nome latino: Macrozamia moorei

.
Famiglia: Zamiaceae
Origine: Australia

Tempo di fioritura: casuale

.
Colore del fiore: da verde a marrone coni
Tipo di pianta : pianta perenne

– Tipo di pianta : pianta perenne

.
Tipo di vegetazione:
cespuglio

.
Tipo di fogliame:
perenne

.
Altezza:
da 2 a 7 m


Piantagione e coltivazione

Forza: semi-duro, fino a -8-4°C

.
Esposizione: da soleggiato a semi-soleggiato

.
Tipo di terreno :
povero, drenante, sabbioso

.
Acidità del suolo:
da leggermente acido a leggermente basico
.
Umidità del suolo:
mai troppo bagnato, protegge dall’umidità invernale, resistente alla siccità
.
Uso:
pianta ornamentale “Invia una foto


Generale

Macrozamia moorei , le cicadi di Moore, è una pianta legnosa appartenente alla famiglia delle Zamiaceae, ordine Cycadales. Le cicadee assomigliano alle palme, ma sono molto diverse da loro dal punto di vista filogenetico, sono molto simili alle gimnosperme (conifere), sono molto primitive e sono tra le più antiche piante fossili esistenti. La loro popolazione, di 300 milioni di anni, è delicata e fragile. Macrozamia mooreiest nativo del Queensland centrale in Australia. Cresce in condizioni di siccità, spesso su scarpate rocciose.

Pianta longeva, a crescita lenta e poco resistente, le cicadee di Moore sono più un oggetto da collezione che una pianta ornamentale. Non che non sia decorativa, ma la sua coltivazione non è molto redditizia in termini di produzione, il che probabilmente implica il prelievo di campioni dall’ambiente naturale per scopi commerciali. Se siete interessati alle cicadi di Moore, evitate di acquistare piante grandi e mature, ma prendetele invece da piantine o da piante giovani.

Un grande esemplare è coltivato all’aperto tutto l’anno nel giardino botanico di Montpellier.


Descrizione delle cicadi di Moore

Macrozamia mooreiest è la più grande zamia del suo genere, con un’altezza da 4 a 6m e una larghezza di 3m. È una pianta legnosa primitiva, che produce uno pseudocaudex o pseudotronc molto spesso, “fino a 90 cm, circondato da cicatrici sulle foglie e riempito con un tessuto molle, una corteccia ricca di amido. Questo fusto spesso porta un unico meristema apicale che sviluppa una grande corona sferica di foglie molto aeree.

Le foglie delle cicadi di Moore sono lunghe fino a 2,50 m e hanno tra 100 e 250 foglioline sottili e rigide, lunghe da 20 a 30 cm e larghe da 0,5 a 1 cm. Queste foglie sono spinose.

Macrozamia moorei è dioica. Pertanto, i fiori maschili e femminili sono prodotti da piante di sesso diverso. Ci vogliono circa 15 anni di coltivazione per maturare e fiorire (di più in natura). Inoltre, non fiorisce ogni anno, ma risponde a periodi globali di fioritura di massa in popolazioni sincronizzate. I fiori non visibili sono raggruppati in lunghi coni da verdi a marroni che si sviluppano all’apice. L’impollinazione è solitamente effettuata da coleotteri. I semi sono lunghi 4 cm, con le ali, di colore rosso.

Le radici di Macrozamia mooreionthe molte relazioni simbiotiche con il suolo, funghi e batteri, permettendo loro di crescere in terreni difficili, aridi e poveri.


Come vengono coltivate le cicadee moorei?

Macrozamia mooreiest resiste fino a -6°C, ma si defoglia da -3°C. Viene quindi coltivata solo all’aperto in un clima mediterraneo, con un velo invernale sulla corona. Altrove, sarà conservata in vasi e svernata in condizioni di assenza di gelo.

Le cicadi di Moore richiedono un’esposizione calda, piuttosto a mezz’ombra. Deve essere installato in terreni non troppo ricchi e soprattutto ben drenati, in quanto il suo caudex è fragile all’umidità in eccesso. Resiste alla siccità, ma apprezza le annaffiature regolari in estate, che permettono al terreno di asciugarsi tra un’annaffiatura e l’altra. I fertilizzanti che disturbano la sua rizosfera sono evitati; è meglio rinnovare semplicemente il terreno sulla superficie dei vasi ogni anno.

La semina sarà preferibile all’acquisizione, perché anche se le cicadee di Moore crescono lentamente, la corteccia della pseudo-cisterna è fragile e molto fragile quando viene maneggiata, e quindi quando viene trapiantata.


Come moltiplicare i cicli di Moore?

Macrozamia mooreine si riproduce solo per semina. I semi grandi vengono seminati il più fresco possibile. Man mano che l’embrione si sviluppa, i semi perdono rapidamente il loro potere germinativo se non trovano le condizioni per svilupparsi favorevolmente. Germinano in pochi mesi in terreni drenanti e sabbiosi, mantenendosi umidi ma non troppo. In ogni vaso viene messo un solo seme per evitare qualsiasi trapianto.


Specie e varietà di Macrozamia

Circa 80 specie

  • Macrozamia johnsonii, simile ma più piccola
  • Macrozamia spiralis , una piccola specie con un caudex sotterraneo
  • Macrozamia miqueli, comunemente chiamata zamia

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *