piante d'appartamento

Ragioni per innamorarsi delle piante di aloe vera – Cosa c’è che non va nella mia pianta di aloe vera?

Quindi la tua aloe sembra essere stata invasa dagli alieni che l’hanno colonizzata? La causa primaria non è una malattia, ma un piccolo insetto. Le cadute sulle piante di aloe sono causate da acari, insetti così piccoli da non poter essere visti senza una lente d’ingrandimento. La loro attività provoca la deformazione della pianta di aloe vera nelle foglie. Gli urti verrucosimili possono verificarsi solo in pochi punti o su un’intera foglia, deformandola in una caricatura del suo vecchio e affascinante sé. La semplice deformazione delle foglie di aloe non uccide la pianta, ma ne distrugge definitivamente la bellezza naturale. Imparate a rilevare gli acari della polvere e a risolvere il problema.

Cosa c’è che non va nella mia pianta di aloe?

La deformazione della pianta di aloe vera nelle foglie e negli steli è causata da un piccolo mascalzone chiamato acaro eriofilo. Questi insetti quasi microscopici si riproducono rapidamente e si muovono su vento, acqua, insetti, uccelli e anche gli esseri umani. Una volta che la pianta ha gli insetti, è possibile che gli acari dell’aloe infestino altre piante simili. È interessante notare che non è la loro attività di tunneling a causare la deformazione delle foglie di aloe, ma l’iniezione di una potente tossina che modifica le strutture delle foglie e delle cellule della pianta.

La buona notizia è che le spaventose budella di aloe non uccideranno la pianta. La cattiva notizia è che è difficile liberarsi dell’acaro dell’aloe. Prima di tutto, sarà utile comprendere meglio queste creature quando si pianifica una strategia di attacco.

Riconoscere le irritanti piante di aloe vera

Gli acari dell’Aloe vera sono lunghi meno di 1.100 pollici. Le crescite irregolari che producono sono il risultato della saliva che iniettano nel tessuto vegetale durante l’alimentazione. È stato descritto come un regolatore della crescita delle piante con la potenza di un erbicida 2,4D. La saliva provoca una crescita anomala delle cellule vegetali, producendo vesciche sotto forma di appendici carnose e una crescita deformata dell’aloe. All’interno della vescica c’è un piccolo acaro che si nutre tranquillamente in casa. Gli acari dell’aloe vera svernano sulla pianta e iniziano a nutrirsi in primavera.

Le foglie deformate dell’aloe hanno un aspetto molto tipico. La polpa delle foglie si gonfia, si deforma e ha strani rigonfiamenti a bolla. Molti di questi biscotti avranno una colorazione verde con carne rosa. Nelle grandi popolazioni, il numero di branchie può sembrare che si sovrappongano. Inoltre, gli steli o i capezzoli crescono al di fuori dell’area interessata. Le foglie sono attorcigliate, la crescita delle foglie è ritardata e l’effetto complessivo è poco attraente.

Fortunatamente, anche le grandi popolazioni di acari difficilmente influenzeranno seriamente la salute dell’aloe. Il danno più grave è di natura estetica e può essere trattato in diversi modi.

Combattere la distorsione della pianta di Aloe Vera

Il metodo più semplice, se si hanno solo una o due foglie di aloe vera deformate, è semplicemente quello di tagliarle ed eliminare il materiale infetto. Utilizzare utensili da taglio puliti e affilati e lasciare che il taglio diventi un callo naturale.

Se l’impianto sembra straripante e il numero di galloni è enorme, ci sono poche altre opzioni. Applicare l’insetticida in primavera come bevanda per le radici in modo che possa essere assorbito sistematicamente. Carbaril, ortoene e dimetoato possono essere in grado di controllare la popolazione di acari. Le applicazioni topiche non possono raggiungere gli acari all’interno delle loro gallerie, quindi è necessaria un’applicazione sistemica.

Nel peggiore dei casi, se tutte le foglie sono colpite e il materiale vegetale non può essere rimosso senza danneggiare la pianta, decidete di convivere con i danni causati dagli acari o imbustate la pianta e gettatela via.

Le foglie deformate dell’aloe non sono una condanna a morte, ma una popolazione così numerosa potrebbe essere trasferita alle altre piante e causare danni ancora maggiori.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.