Shallot

Consigli per la coltivazione dello scalogno

Lo scalogno ( Allium cepa ascalonicum) , uno dei membri più facili da coltivare della famiglia delle cipolle, non solo matura più velocemente ma richiede meno spazio rispetto alle sue controparti. Coltivare scalogni nel vostro giardino è molto facile. Vediamo come si coltiva lo scalogno.

Cos’è uno scalogno?

Molti si chiedono: “Cos’è lo scalogno? Anche se spesso confuso con le cipolle verdi e altri, lo scalogno è molto diverso. Con il suo sapore di cipolla dolce e aglio, lo scalogno è considerato un ingrediente essenziale per insaporire quasi tutti i piatti. Il fattore più distintivo che distingue lo scalogno dagli altri membri della famiglia delle cipolle si trova esaminando attentamente i bulbi. A differenza delle cipolle o dei porri, lo scalogno ha zero spicchi – proprio come l’aglio. Per ottenere il massimo da queste gustose piante da giardino, può essere utile mettere in pratica alcuni importanti consigli sulla coltivazione dello scalogno.

Come coltivare lo scalogno

Gli scalogni si coltivano meglio in terreni sciolti e ben drenati, modificati con materia organica. Preferiscono anche

aree che ricevono la piena luce del sole. Gli scalogni sono spesso piantati all’inizio della primavera o non appena il terreno è gestibile nei climi più caldi. Piantarli da uno a due centimetri di profondità con le punte che sporgono leggermente sopra la superficie del terreno. Lo scalogno dello spazio è a circa 8 cm di distanza l’uno dall’altro per evitare il sovraffollamento.

Alcuni consigli per la coltivazione degli scalogni sono che richiedono un’annaffiatura completa una volta piantati, ma ne richiederanno meno man mano che maturano, tranne che in condizioni troppo secche. Una volta arrivata la primavera, è possibile esporre i bulbi di scalogno per facilitare il processo di maturazione, in quanto si sviluppano meglio nello strato superiore del terreno. Tuttavia, un leggero strato di pacciame aiuta a trattenere l’umidità limitando le erbacce.

Quando raccogliere scalogni

Il momento della raccolta dello scalogno può essere difficile per alcuni, in quanto di solito dipende da quando ha avuto luogo la piantagione. In generale, le piante autunnali sono pronte per essere raccolte in inverno o in primavera, mentre le piante primaverili possono essere raccolte da metà estate all’inizio dell’autunno.

Raccogliere lo scalogno quando i bulbi sono lunghi circa 14 pollici, ma attendere che le foglie diventino gialle prima di raccogliere. Per una stagione di raccolta prolungata, piantate e raccogliete prima gli scalogni più grandi, reimpiantando in loco i bulbi più piccoli per la raccolta successiva.

Come conservare lo scalogno

Una volta raccolti gli scalogni, i bulbi non utilizzati devono essere conservati. Scartare le lampadine che appaiono morbide o danneggiate. Una volta sciolto, agitare il terreno e lasciare che gli scalogni rimangano in un luogo caldo e asciutto per circa una settimana prima di riporli, quindi metterli in un sacchetto di rete e conservarli in un luogo fresco e asciutto.

La coltivazione dello scalogno è facile e richiede poca cura, a parte l’irrigazione occasionale. Questi robusti bulbi sono raramente colpiti da problemi; tuttavia, è opportuno ruotare la coltura circa ogni due anni, soprattutto nelle zone in cui le cipolle sono state coltivate in precedenza.

Seguendo questi consigli per la coltivazione dello scalogno, dovreste essere in grado di aggiungere facilmente queste deliziose verdure al vostro orto.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *