Rinforzo

Come preparare il rafano: perché il mio rafano non è caldo?

Mi piacciono le cose piccanti, come il piccante. Quattro stelle, avanti, fa caldo. Come potete immaginare, ho un debole per il rafano. Mi fa pensare a come fare il rafano.


Come fare il rafano

Il ravanello non è caldo? So cosa intendi. Ho mangiato piatti dove il ravanello non era caldo. Forse non c’era abbastanza salsa di ravanello o forse la salsa era vecchia. Comunque, ci sono alcuni consigli per fare il rafano.

Il rafano è una resistente pianta perenne, coltivata principalmente per la sua grande radice primaria, che è la fonte di tutto quel delizioso calore. Quando questa radice viene grattugiata o schiacciata, le cellule radicali rilasciano un olio pungente. Potete coltivarlo voi stessi o acquistarlo nella sezione prodotti freschi del mercato.

Il rafano deve essere piantato in un terreno ricco, umido, profondo, argilloso o sabbioso e argilloso. Si inizia con le radici laterali o radici secondarie chiamate insieme, non con il seme. Il pH del terreno dovrebbe essere compreso tra 6,0 e 6,8. Questo aiuterà la pianta ad assorbire il boro, che è importante per la salute delle radici del ravanello. Tuttavia, troppo azoto favorirà la crescita del fogliame e

poca crescita delle radici.


Consigli sul rafano

Se comprate il rafano, cercate radici solide e integre. Al taglio, la radice deve essere di colore bianco crema. La radice può essere conservata per diversi mesi ad una temperatura di 32-38 gradi F. (0-3 C.), ma per la salsa di rafano più calda, usatela al più presto. Il calore comincia ad affievolirsi man mano che viene immagazzinato. Allo stesso modo, se avete salsa di rafano o crema non calda, il motivo è probabilmente che è stata conservata troppo a lungo o è stata preparata in modo non corretto. La salsa stessa dovrebbe essere bianca e cremosa, e si scurisce e perde la sua forza con l’invecchiamento.

Per fare i propri ravanelli, lavorare all’aperto o in un locale ben ventilato. Sbucciare le radici e tagliarle o grattugiarle. La radice tagliata a fette può essere tritata in un robot da cucina, in un frullatore o in un tritacarne con una piccola quantità di acqua. Il rafano può essere grattugiato a mano o con la grattugia in un robot da cucina con un po’ d’acqua. Se drena troppo, scolare un po’ d’acqua; o se è troppo densa, aggiungerne un po’ di più. Fate attenzione. I vapori delle radici possono essere potenti! Il rafano appena tagliuzzato è più forte, ma una volta esposto all’aria, la sua piccantezza comincia a diminuire.

La chiave per fare il rafano, e intendo HOT, è finirlo con il prossimo ingrediente – l’aceto. L’aceto stabilizza il sapore e quando lo si aggiunge, influisce sul risultato piccante. Se si aggiunge l’aceto troppo presto, il rafano avrà un sapore più delicato. Per rendere le calze più calde, assicurarsi di attendere tre minuti prima di aggiungere 2-3 cucchiai di aceto bianco distillato (5%) e ½ cucchiaino di sale per ogni tazza di radice grattugiata.

Pertanto, per ottenere il rafano più caldo, utilizzare la radice più fresca possibile e avere pazienza; attendere tre minuti prima di aggiungere l’aceto e il sale. Inoltre, una volta che il rafano è finito, un adeguato stoccaggio è fondamentale per mantenere questo calore. Conservare in un contenitore a tenuta d’aria in frigorifero per quattro-sei settimane o nel congelatore per sei mesi o più.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Cerrar