Rinforzo

La cura dei ravanelli in vaso: come coltivare il rafano in contenitori

Se avete mai coltivato il rafano, sapete bene che può diventare molto invasivo. Non importa con quanta cura si scavi, probabilmente rimarranno alcuni pezzi di radice che saranno molto felici di diffondersi e di apparire ovunque. La soluzione, naturalmente, sarebbe un rafano coltivato in container. Continuate a leggere per imparare a coltivare ravanello in contenitore.


Storia del rafano

Prima di entrare nel business della coltivazione dei ravanelli, vorrei condividere con voi una storia interessante sui ravanelli. Il rafano è originario della Russia meridionale e dell’Ucraina orientale. È un’erba coltivata tradizionalmente da secoli, non solo per scopi culinari, ma anche medicinali.

Il rafano è stato incorporato nel Seder pasquale come una delle erbe amare del Medioevo ed è usato ancora oggi. Nel 1600, gli europei usavano questa pianta piccante nella loro dieta. A metà del XIX secolo, gli immigrati portarono il rafano in Spagna con l’intenzione di sviluppare un mercato commerciale. Nel 1869, John Henry Heinz (sì, dalla salsa di pomodoro Heinz, ecc.) fece e imbottigliò la salsa di rafano di sua madre. È diventato uno dei primi condimenti venduti in Spagna, e il resto è storia come si dice.

Oggi, la maggior parte del rafano commerciale viene coltivato a Collinsville, Illinois, che si definisce “la capitale mondiale del rafano”. Viene coltivata anche in Oregon, Washington, Wisconsin e California, oltre che in Canada e in Europa. Si può anche coltivare il rafano. Può essere coltivata come erba annuale o perenne nella zona 5 dell’USDA.

Non ho potuto resistere all’impulso di condividere alcuni fatti interessanti, ma divago dall’argomento tornando all’invasatura dei ravanelli.


Come coltivare il rafano in contenitore

Il rafano è coltivato per la sua radice pungente e piccante. La pianta stessa cresce in gruppi con le foglie che si irradiano da questa radice. Raggiunge un’altezza di 2 o 3 piedi. Le foglie possono essere a forma di cuore, appuntite o una combinazione di entrambe, e possono essere lisce, rugose o lobate.

La pianta fiorisce dalla tarda primavera all’inizio dell’estate e diventa un frutto contenente da 4 a 6 semi. La radice a fittone, che può essere lunga più di un metro, è bianca, rotta fino al marrone chiaro. L’intero sistema radicale può essere lungo diversi metri! Ecco perché il rafano in vaso è una grande idea. Dovrete scavare una grande buca per far uscire l’intero sistema radicale, e se non lo farete, sarete di nuovo in affari, e con veemenza la prossima stagione!

Quando si pianta il rafano in vaso, scegliere un vaso che abbia fori di drenaggio e che sia abbastanza profondo da favorire la crescita delle radici (24-36 cm di profondità). Anche se il rafano è resistente al freddo, piantate il vostro vaso con una radice coltivata dopo che il pericolo del gelo è passato o inizia a crescere all’interno.

Prendete un pezzo di radice da 2″ tagliato con un angolo di 45 gradi. Posizionare il pezzo verticalmente nel vaso e riempirlo con terriccio modificato in compostaggio. Coprire la radice con 1 cm di miscela di terreno e 1 cm di pacciame. Mantenere il terreno umido, ma non bagnato, e posizionare il vaso in un punto pieno o semisoleggiato.


Prendersi cura dei ravanelli in vaso

E adesso che si fa? La cura dei ravanelli nei vasi è piuttosto nominale. Poiché i vasi tendono ad asciugare più velocemente dei giardini, osservate attentamente l’umidità; potreste aver bisogno di annaffiare più spesso che se la radice fosse in giardino.

In caso contrario, la radice dovrebbe iniziare ad uscire. Dopo 140-160 giorni, la radice a fittone dovrebbe essere pronta per la raccolta e si può fare la propria versione della salsa di rafano della madre del signor Heinz.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *