Begoniacee

Gengionia venosa Gengionia venosa


begonia venosa


Botanica

Nome latino: Begonia venosa

.

Brasile


.
bianco
.
fiore

cespuglio perenne

.
perenne

.
100 cm


Piantumazione e coltivazione

Resistenza: 10°C, 20°C per tutto l’anno

.
luce brillante

.
limoso, ricco di humus, ben drenante, leggero

.
da neutro a leggermente acido
.
normale

.
pentola, fioriera

.
molla

smorzamento, oidio, oidio, botrite, lumache, afidi


Generale

Le begonie sono numerose e possono assumere forme molto diverse e originali. È proprio il caso della begonia venosa, una specie che ci arriva dal deserto del Sud America. Lo troverete solo molto raramente (non ha ancora raggiunto la popolarità di alcuni membri della sua grande famiglia); tuttavia, le sue qualità estetiche sono innegabili.

La begonia venosa è una specie di arbusto. Da 60 a 90 cm di altezza, cresce formando steli grandi, solidi e ramificati, ricoperti da grandi stipole traslucide e venate di rosso, che formano “zigzag” quando cambiano direzione tra i nodi. Lungo questi steli sono grandi, carnosi, quasi circolari (che ricordano una foglia di ninfea), foglie verdi coperte di piccoli peli bianchi. Infine, alla fine degli steli, c’è un bouquet di piccoli fiori piacevolmente profumati, i cui stami giallo brillante sono visibili soprattutto al centro dei 5 petali bianchi e arrotondati.


La begonia venosa: una begonia indoor

La begonia venosa è una pianta perenne se coltivata all’interno. Infatti, difficilmente può tollerare temperature inferiori ai 10°C. Ma con la giusta cura, vi ricompenserà con fiori tutto l’anno.

Piantare in un vaso riempito di marna leggera, dopo aver precedentemente steso sul fondo un buon strato drenante di perle di argilla.

Quindi collocarlo in una stanza luminosa, lontano dalla luce diretta del sole. Da maggio a settembre, tempo permettendo, può essere portato fuori sulla terrazza.

Tuttavia, attenzione agli sbalzi di temperatura. Alle begonie venose non piacciono, le foglie cadrebbero.

Tuttavia, la coltivazione all’aperto è possibile, se si considera la begonia venosa come una pianta annuale. Api e farfalle godranno della sua compagnia. Tuttavia, questa opzione non è ragionevole data la difficoltà di ottenere una copia.


Guarigione Begonia venosa

Nonostante la sua timidezza, la begonia venosan non è delicata; tollera anche abbastanza bene alcune omissioni. Inoltre, anche se si raccomanda di annaffiare regolarmente – ma non eccessivamente (lasciando asciugare il terreno prima di annaffiare di nuovo) – un periodo di siccità è sopportabile.

Suggerimento: aggiungere il fertilizzante all’acqua di irrigazione ogni due settimane durante la stagione di crescita.

Durante l’inverno, ridurre al minimo le infiltrazioni d’acqua. E alla fine della stagione, si possono pizzicare gli steli; questo aiuta a dare il corpo della pianta.


Lo sapevi?

Il conservatorio di begonie della città di Rochefort ospita una collezione di oltre 1500 begonie botaniche e ibride.


Specie e varietà di begonie

Il genere comprende più di 900 specie

Mappe di piante dello stesso genere

  • Begonia boliviensis , Begonia della Bolivia
  • Begonia grandis ssp. evansiana , Begonia perenne della signora Evans, Begonia Hardy
  • Begonia maculata , Begonia bambù, Tamaya
  • Begonia semperflorens , Begonia anual
  • Begonia x tuberhybrida , Begonia tuberosa
  • Begonia x Splendore d’argento , Begonia Splendore d’argento
  • Begonia x rex , Begonia rex ibrido

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *