Cannaceae

Faro botanico indiano, Canna commestibile


Faro botanico indiano, canna commestibile

Faro botanico indiano, Canna commestibile, Canna brasiliensis

Canna brasiliensis una versione botanica di Canna indica edulis , la canna commestibile. Magnifica, questa pianta facile da vivere e da seminare si oppone alla sua leggera e tipica fioritura ai pesanti fiori della canna orticola. Inoltre, questa specie resistente può essere tenuta nel terreno.


Botanica

Nome latino: Canna brasiliensis Sinonimi : Canna edulis, Canna lutea, Canna patens

Famiglia : Cannacées

Origine: Sudamerica

Tempo di fioritura: da luglio a settembre

.
Colore del fiore: rosso e giallo
Tipo di impianto :
pianta erbacea rizomatosa, pianta delle zone umide, pianta commestibile

.
Tipo di vegetazione:
pianta perenne
.
Tipo di fogliame:
semipersistente

.
Altezza:
da 60cm a 150cm


Piantagione e coltivazione

Resistenza: duro, fino a -12°C

.
Esposizione: da sole a mezz’ombra

.
Tipo di suolo :
terreno ricco


da acido a neutro
.
Umidità del suolo:
umido

.
Uso:
vaso, terriccio pieno Impianto, vaso: impianto, divisione rizoma
.
Metodo di propagazione:
primavera, estate “Invia una foto


Generale

Canna brasiliensis, Canna indica, Canna edulis, tutte sinonimi di una singola specie. Ma Canna indica è stata così coltivata, così ibridata, che il nome latino di Canna brasiliensis permette di differenziare la pianta botanica (selvatica) dalle altre. La Canna brasiliensis è una pianta erbacea rizomatosa che appartiene alla famiglia delle Cannaceae. Le canne sono vicine allo zenzero e alle banane. La Canna brasiliensisindica è originaria del Sudamerica subtropicale. Viene coltivata in tutte le latitudini subtropicali come pianta commestibile e ornamentale.

La forma botanica di questa canna è facile da coltivare e più resistente della canna a fiore grande. Si acclimata molto bene al clima costiero come in Bretagna.


Descrizione del marcatore botanico indiano

La Canna brasiliensis è una pianta rizomatosa a crescita rapida. Il suo ceppo è in grado di produrre rizomi fibrosi lunghi fino a 60 cm. Da un ceppo di grandi dimensioni, diversi steli erbacei costituiti da baccelli attorcigliati crescono fino ad un’altezza di 60-150 o addirittura 180 cm. Può essere molto vigorosa quando le condizioni di coltivazione sono favorevoli. Le lame delle foglie sono ovali, lunghe da 15 a 40 cm, disposte alternativamente lungo il fusto.

Questa pianta è definita da un certo fascino esotico. Gli steli sono persistenti nei climi tropicali, ma diventano obsoleti non appena si congelano.

I fiori sono in picchi apicali. Al posto dei fiori pesanti nei toni del rosso delle Canna indicahybrides, sono molto delicati e di colore leggermente variabile, mescolando il rosso e il giallo in una fioritura chiaramente asimmetrica: 3 sepali liberi intrecciati e 3 petali irregolari fusi agli stami.

Autoimpollinanti, questi fiori che attirano gli insetti producono un frutto bulboso e verrucoso con semi grandi, rotondi e perlacei.


Come coltivare la Canna brasiliensis?

Il canna indicabotanico è facilmente resistente al gelo fino a -10°C. Può essere coltivata in grandi vasi, ma anche in campo aperto nelle zone costiere o in altre regioni con inverni miti. Tollera il tipo di suolo fino a quando è acido o neutro, ma preferisce terreni ricchi di humus in zone umide, o anche sul bordo di uno stagno o in un fosso. La siccità ne impedisce il pieno sviluppo; più è umida, meglio sopporta la luce del sole. In vaso, quindi, deve essere annaffiato abbondantemente con acqua dolce, regolarmente arricchita con fertilizzante.

Piantata all’aperto in primavera, cresce, fiorisce e poi rimuove i suoi steli non appena vengono danneggiati dalle prime gelate. Può essere poi dissotterrata e svernata non troppo asciutta, in cantina o in garage, oppure lasciata sul posto se il tempo lo permette (o entrambe le cose allo stesso tempo da testare).

In primavera, la vite ricomincia con la forza.


Come moltiplicare la Canna brasiliensis?

Le grandi viti vengono divise in primavera, prima che appaiano nuovi germogli. Ma anche la semina è molto interessante, perché una pianta iniziata all’inizio della primavera può fiorire nello stesso anno in cui viene seminata. A marzo, i grandi semi vengono delicatamente strofinati su carta abrasiva fine, poi messi a bagno per 23 giorni in acqua e infine sepolti nel terreno umido. Alla luce, germinano in 2-4 settimane a 25°C.


Specie e varietà di Canna

15 specie di questo genere

Mappe di piante dello stesso genere

  • Canna , Balisier

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *