Idrocharitaceae

Elodea del Canada, Peste dell’acqua


Elodea, il flagello dell’acqua

Elodea canadensis, Parassiti degli uccelli acquatici, Elodea canadensis


Botanica

Nome latino: Elodea canadensis Sinonimi : Anacharis canadensis, Elodea latifolia < br>
Famiglia:
Hydrocharitaceae < br>
Origine: Nord America
Periodo di fioritura: da giugno a settembre
Colore del fiore: insignificante

.
Tipo di centro: impianto invasivo acquatico
.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
perenne

.
Altezza:
erbario da 0,50 a 1 m di altezza e 3-4 m di lunghezza


Piantagione e coltivazione

Forza : molto dura, fino a -29°C
.
Esposizione : wi-day-sunny”> sunny

Tipo di terreno : ricco di argilla, limo e terriccio

.
Acidità del suolo:
da neutro a basico
.
Umidità del suolo:
acquatico < br>
Uso:
acquario non riscaldato, laghetto impianto, vaso: primavera

.
Metodo di propagazione:
talee


Generale

Elodea canadensis , l’Aloe Vera, che è ancora conosciuta come il parassita dell’acqua, è una pianta perenne acquatica che appartiene alla famiglia delle Hydrocharitaceae. È originaria del Nord America, ma si è acclimatata in molte parti del mondo, prosperando sia nei fiumi che negli stagni.

In Europa è particolarmente invasiva e dannosa, ma è ancora comunemente scambiata per l’inverdimento degli stagni. Il parassita dell’acqua, molto vigoroso e particolarmente tollerante alle condizioni di vita, è comunque invasivo. Deve essere utilizzato solo in acquari non riscaldati.


Descrizione del coniglio canadese

L’Elodea canadenesis è una pianta che cresce completamente sommersa in acqua. Le sue piccole foglie, lunghe meno di un centimetro, sono attorcigliate per 3 attorno al fusto, i vortici sono separati da internodi visibili (che lo differenziano da Eregia densa , l’alodea densa, dove gli internodi sono molto piccoli). I suoi steli flessibili si ramificano più volte. Cresce in acqua stagnante, i suoi steli sono poi verticali, o in un ruscello, sviluppando erbari molto impressionanti, alti fino a 90cm, e allungandosi nella corrente di 3 a 4m. Questi prati verde scuro si increspano come un capello nel ruscello. Le radici fini affondano nel terreno e ancorano saldamente gli steli nel fango.

La fioritura della pulce del Canada è insignificante: i suoi minuscoli fiori bianchi sono portati in superficie dall’acqua da un lungo e flessibile stelo. La pianta è dioica, un singolo individuo è stato in grado di colonizzare tutta l’Europa per propagazione vegetativa. Pertanto, tutte le piante che sono state trasferite dal Canada alla Francia sono di sesso femminile.


Elodea cadanensis , un problema ecologico

Ogni piccolo frammento di pianta può formare un nuovo erbario se trova acqua stagnante o libera: un airone lo sposta da uno stagno all’altro, un piccolo ruscello invia delle talee a valle… sono possibili anche altri modi, che non ci vengono in mente, come ad esempio gli acquariofili che si liberano delle loro eccedenze. Troppo vigorosa e non sufficientemente limitata dalle condizioni ambientali, L’Elodea canadensisa sta gradualmente sostituendo gli erbari autoctoni ed è dannosa per la biodiversità. In uno stagno, è in grado di riempire quasi tutto lo spazio acquatico molto rapidamente. Sebbene sia un impianto ossigenante dove i pesci depongono le uova, è terribilmente invasivo e squilibra l’ecosistema.

Quando c’è troppo allodio in un corpo idrico, il ph dell’acqua può improvvisamente superare il 9: questo ph di base uccide i pesci e molte altre forme di vita.


L’acquario canadese

L’Elodea cadanensis è una buona pianta da acquario a freddo. Non tollera temperature superiori ai 20°C e non è quindi una pianta per acquari tropicali. In un acquario tropicale, è preferibile scegliere la sua controparte climatica calda , Dense Eregia .

Elodea canadensis preferisce l’acqua dura e la buona luce, che le conferisce un aspetto più denso. In acqua dolce, diventa più conico. È, per eccellenza, la pianta perfetta per osservare la posa di un pesce rosso in un acquario: in primavera, la luce diretta del sole sull’acquario con un bel ciuffo di elodea provoca l’ambientazione. Le uova si attaccano alle foglie e non vengono consumate immediatamente.


Bacino di Elodea cadanensisen

Invasiva, una gran parte di essa dovrà essere rimossa alla fine di ogni inverno, poi durante l’estate dovrà essere lasciata ad asciugare al sole e composta. La cosa più importante è impedirgli di fuggire nella natura. Non metterlo mai in un grande stagno. Preferisce le piante autoctone: achillea, achillea, alghe, acqua ranuncolo…


Specie e varietà di Elodea

12 specie di questo genere.
Elodea nutalli, foglie sottili e dure
.
Denso elodea , aggiornato a Denso eregia , più denso e gelido

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *