Lythraceae

Lilla indiano, fiore di garza, mirto, lagerose, fiore di carta crespata


Lilla indiano, fiore di garza, mirto crespato, lagerose, fiore di carta crespata

Fiori di lilla indiani


Botanica

Nome latino: La lagerstroemia indica
.
Famiglia: Lythraceae
Origine : Cina

Tempo di fioritura: estate

Colore del fiore : rosa, rosso, malva, viola, viola, bianco

Tipo di impianto : cespuglio fiorito

.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
da 5 a 7 m, ci sono forme nane Tossicità : I frutti hanno un’azione narcotizzante quando vengono ingeriti.


Piantagione e coltivazione

Forza: è resistente, teme il gelo pesante, soprattutto durante i primi cinque anni dopo la semina
.
Esposizione: in pieno sole, al riparo dal vento, può anche essere tralicciato lungo una parete esposta a sud. Un’atmosfera umida.

Tipo di terreno: leggero, profondo, ben drenato, senza umidità permanente
.
Acidità del suolo:
neutro
.
Umidità del suolo:
suolo fresco
.
Impiego:
isolato, vassoio

.
Piantare, reimpiantare:
In autunno, dopo la caduta delle foglie, nei climi temperati. Preferibilmente in primavera, quando il gelo non è più un problema, a nord della Loira. Potatura:
Ogni anno a febbraio o marzo potare i boccioli a fioritura molto corta, lasciando solo 4-6 boccioli (lunghi circa 8-15 cm). Nel caso delle coltivazioni a cespuglio, ciò equivale a tagliare il letto a una distanza da 20 a 30 cm dal suolo. Per le lagerstroemie degli alberi, ridurre tutti i rami secondari di 23 della loro lunghezza. Rimuovere i ramoscelli stentati e mal posizionati per mantenere un ramoscello ben bilanciato e arioso al centro.

Malattie e parassiti : cocciniglie, ragni rossi


Generale

Il miglior pregio del lillà indiano è, naturalmente, la sua impressionante fioritura estiva. Immaginate nel vostro giardino un gigantesco bouquet coperto da generosi mazzi di fiori dai colori vivaci che si rinnoveranno per settimane. In alcune varietà, i fiori sono così abbondanti che fanno sparire il fogliame. Il colore più comune è probabilmente il rosa in tonalità sottili, ma troverete anche rosso, viola, porpora, viola e persino lagerstromie bianche. Alla fine della giornata, vedrai le ombre oscurarsi. Al centro del fiore, un piccolo bouquet di stami giallo oro aggiunge un tocco di luce.

Ma la bellezza di questo cespuglio è già evidente in primavera. Le bellissime foglie verdi opache o lucide sono già decorative. Alla fine dell’estate, passeranno gradualmente ai colori autunnali del giallo e del porpora rossastro, mescolati con ocra e marrone, che sono ancora più brillanti nelle regioni più fredde.

In inverno, il giardiniere innamorato potrà riscoprire la sua bella e tortuosa silhouette e la sua morbidezza grigio-marrone o cannella mista a corteccia rosa. Nei soggetti adulti si sbriciola in piccole macchie (un po’ come una banana), lasciando segni gialli cangianti che gli conferiscono un aspetto molto decorativo.


La lagerstroemia è resistente al freddo?

Gli alberi maturi possono resistere a temperature fino a -15°C, ma la lagerstroemia produce i suoi bellissimi fiori solo in zone dove le estati sono piuttosto calde. Nel 1955, il Dr. John Creech dell’American National Arboretum, in collaborazione con un team di botanici americani, scoprì una nuova specie: la Lagerstroemia faurei. Questa specie endemica dell’isola giapponese di Yakushima è estremamente resistente al gelo e alle malattie fungine. Attraversando la disadorna Lagerstroemia faurei con la bella ma più delicata Lagerstroemia indica, il Dr. Donald Egolf dell’Arnold Arboretum di Washington, DC ha creato ibridi che fioriscono generosamente nel nostro clima, sono resistenti alle malattie e possono sopportare temperature fino a -20° C. Si chiamano Lagerstroemia x egolfii.


È possibile coltivare la lagerstroemia nella regione parigina?

Il suo bacino di origine è piuttosto il sud-ovest, la Dordogna, il Lot, Bordeaux, le Landes. Ma può adattarsi quasi ovunque a sud della Loira, anche nel Grande Ovest o nell’Ile de France, tanto più che le nuove varietà sono più resistenti ai climi più freddi. Scegliere preferibilmente la varietà ahâtive (che fiorisce precocemente) e collocarla vicino a un muro rivolto a sud. Una piccola visita al parco di André Citroën: vedrete degli esemplari molto belli.


La mia lagerstroemia fiorisce male, i boccioli dei fiori sono abortiti, perché?

È molto probabile che sia una pianta che si trova in un luogo con luce solare insufficiente o con correnti d’aria. Anche un’ombreggiatura parziale è dannosa per la formazione di infiorescenze. Rinvasare il vostro albero in autunno, così come il terreno troppo umido o troppo fertile, è dannoso per una buona fioritura (non fertilizzare mai dall’estate all’autunno). Lo stesso vale se il terreno è troppo asciutto.


Lo sapevi?

  • La Lagerstroemia non dovrebbe essere chiamata “lilla indiana”, ma piuttosto “lilla estiva”, nome dato anche alla Buddleja davidii . Deve il suo nome al fatto di essere stata coltivata in India per il suo legno, ma la Lagerstroemia indica è stata introdotta dalla Cina nel 1759. Il nome lilla indiano dovrebbe piuttosto essere riservato a Lagerstroemia indica , un albero tropicale originario dell’Asia orientale che si estende dall’India all’Australia o ad un altro albero cresciuto nel sud: Melia azedarach , con bellissimi grappoli di fiori rosa porpora chiaro.

  • Le prime lagerstromias sono coltivate in Francia dal 1760, ma la coltivazione vera e propria delle lagerstromias è stata sviluppata in Francia per mezzo secolo dai vivai Desmartis di Bergerac (24), che per molto tempo sono stati gli unici in Francia a creare nuove varietà. Hanno circa 30 varietà diverse nel loro catalogo, senza contare i nuovi ibridi americani, e hanno la National Collection of lagerstroemia . Jacques Desmartis e suo padre sono all’origine della maggior parte degli ibridi attualmente commercializzati in Francia. Ogni anno vengono seminati 3000 semi, nella speranza di scoprire LA novità che soddisfa tutti i criteri di seduzione: ottima fioritura, nuovi colori, buon adattamento ai climi freddi, ottima resistenza alle malattie … Pazienza, sostenibilità e know-how!

  • Il nome inglese Lagerstroemia significa “mirto crespo” a causa dei suoi fiori rugosi o “crepe myrtle”. Il nome “mirto” è dovuto alla somiglianza tra le foglie delle due piante. Gli inglesi danno alla Lagerstroemia speciosa il nome di “gloria dell’India”.

  • Il legno di Lagerstroemia speciosa è molto forte e resistente all’imputridimento, il che lo rende adatto all’uso come traversina ferroviaria nelle regioni tropicali. Di colore rosso, viene utilizzato anche nella costruzione navale, nella falegnameria, nell’impiallacciatura e nel bottaio. Questo legno duro a grana molto fine è commercializzato con il nome di “Bungur”.

  • Le lagerstroemie utilizzate come legname commerciale appartengono alle seguenti specie : Lagerstroemia angustifolia, L. cochinchinchinensis, L. duppereana , L. floribunda , L. ovalifolia , L. speciosa (o L. flos-reginae) . Il legno si chiama principalmente Bungur, ma prende anche i seguenti nomi: bang-lang, jarul, banaba, nana, bentak, bangor, bangor, pyinma, intanin, tabek e sralao. La lagerstroemia è una specie non protetta dalle norme CITES. L’albero viene sfruttato per il suo legno in India, Pakistan, Sri Lanka, Birmania, Thailandia, Laos, Vietnam, Cambogia, Malesia e Indonesia. Si tratta di un bosco con i caratteristici confini del cerchio. Il durame è di colore da marrone rosato a marrone porpora (tinto noce), con un colore diverso dall’alburno. La densità è di 0,81 gcm3. (thixag__1)

  • I giovani germogli di lagerstroemias sono a sezione quadrata!

  • La famiglia delle Lithraceae a cui appartiene la lagerstroemia è molto simile al mirto. Comprende 22 generi e circa 450 specie, quasi tutte di origine tropicale. Altre due piante sono comunemente coltivate: Lythrum(loosestrife viola) che ha dato il nome alla famiglia e Cuphea(fiore di sigaretta) che sempre più spesso viene piantata nei giardini del sud o nelle fioriere estive. Molte Lythraceae sono piante tintorie, la più conosciuta è Lawsonia inermis che dà l’henné.

  • La Lagerstroemia speciosa è utilizzata nella farmacopea indiana per le sue proprietà medicinali: la radice astringente, stimolante e febbrifugo è prescritta nel trattamento dei problemi di stomaco. Il fogliame viene utilizzato per ridurre i livelli di zucchero nel sangue. La corteccia sarebbe purgante e le capsule (frutti) vengono utilizzate in India nel trattamento delle afte.


Specie e varietà di Lagerstroemia

Il genere comprende 50 specie – Lagerstroemia indica Jacqueline Desmartis: grappoli piuttosto tardivi, grandi e compatti di una bella camelia rosa brillante – Lagerstroemia indica Jeanne Desmartis: compatta, densa, molto ramificata, da metà luglio a fine agosto una profusione di bande rosa bengala scure e di medie dimensioni. – Lagerstroemia indica Kimono: una delle migliori varietà bianche, con grappoli compattiAlcune varietà nane, ideali per la coltivazione in tubo- Lagerstroemia indica Eleanor dAquitaine rose – Lagerstroemia indica Piccola rete rossa

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *