Ninfanacee

Ibrido resistente alle ninfee


Ibrido rustico di ninfea

Una robusta ninfea ibrida in fiore in uno stagno.


Botanica

Nome latino: Ninfa x

.
Famiglia: Ninfea
Origine : Europa


estate

.
Colore del fiore: bianco, rosa, rosso, giallo, … <... Tipo di impianto :
pianta acquatica

Tipo di vegetazione: perenne

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza: fino a 1 m dal suolo


Piantagione e coltivazione

Resistenza: resistenza fino a -19°C, ma controllare la resistenza per la varietà scelta
.
Esposizione: sole

.
Tipo di suolo:
terreno ricco di terra o acqua

.
Acidità del suolo:
da leggermente acido a neutro
.
Umidità del suolo:
piede sommerso Uso: stagno
< br>.
Piantare, reimpiantare:
primavera, autunno

Metodo di propagazione: divisione dei rizomi in primavera, estate, autunno, semina di specie botaniche di Pinterest su Facebook Twitter


Generale

Le robuste ninfee ibride, Nymphaea Xrustic, sono ninfee a fiore grande che possono essere coltivate molto facilmente nei nostri stagni. Queste ninfee orticole sono il risultato di un incrocio tra specie a clima temperato come Nymphaea alba, Nymphaea candida, Nymphaea odorata e una specie Nymphaea teragona. Queste ninfee si adattano perfettamente al nostro clima: vigorose e fiorite, sono il fiore all’occhiello dei nostri corpi idrici, pur essendo favorevoli alla fauna degli stagni.

Ninfea è un termine generico che copre diversi generi.


Descrizione della Ninfea Ninfea ibrida

Le ninfee sono piante acquatiche: i loro corti e spessi rizomi crescono a filo del terreno sul fondo del corpo idrico: le loro radici affondano nel fango mentre le foglie si posano sulla superficie dell’acqua o salgono leggermente al di sopra di essa. Queste foglie hanno un lungo picciolo, che le rende relativamente adattabili all’altezza dell’acqua disponibile. La lama della foglia è rotonda, divisa alla base, liscia, spessa, da verde scuro a verde chiaro o rossiccio, a volte screziata. Le foglie sono molto decorative, soprattutto quando galleggiano sulla superficie dell’acqua. Le foglie emergenti sono più curve e formano dei nascondigli per le rane o altri animali selvatici locali.

I fiori sbocciano per tutta l’estate. Le resistenti ninfee ibride hanno fiori belli, piatti, larghi da 8 a 20 cm, da doppi a molto doppi, con un gran numero di petali che si fondono in un cuore di stame giallo-arancio. Il più delle volte galleggiano sull’acqua. Essi vengono fertilizzati dagli scarafaggi e affondano sotto l’acqua per sviluppare i loro frutti.

Le robuste ninfee ibride sono obsolete. Le foglie muoiono alla fine di ogni stagione.

Esistono in un grandissimo numero di varietà con bianco, giallo, rosa, rosso…

Le ninfee tropicali, spesso ancora più imponenti per dimensioni e colore, soprattutto le affascinanti tonalità viola e blu, non sono proprio adatte alle nostre piscine all’aperto. Tuttavia, i nuovi ibridi tra ninfee temperate e tropicali hanno dato origine a varietà blu più tolleranti per i nostri inverni.


Come si fa a coltivare l’ibrido ninfea resistente?

Le ninfee rustiche richiedono un’esposizione il più possibile soleggiata con un minimo di 6 ore di sole al giorno. Essi beneficiano di acqua calma, quasi priva di correnti d’aria con un pH da leggermente acido a neutro. Essendo avidi, hanno bisogno di acqua ricca di nutrienti (come nei vecchi stagni) o di fertilizzanti a lento rilascio (come nei nuovi stagni). Vengono installati direttamente nel terreno in vecchi stagni di sedimentazione, o in un grande vaso, profondo almeno 30 cm, dove vengono piantati nel terreno del giardino con uno strato di ghiaia.

Il vaso viene installato dove ha un’altezza dell’acqua corrispondente all’altezza della pianta.

Ben nutrita, la ninfea mostra una crescita vigorosa e diventa fiorifera. Se trabocca dal vaso, sarà rinvasato ogni 3 o 4 anni in primavera o alla fine della crescita in settembre.


Come scegliere la vostra robusta ninfea ibrida?

Oltre alle nuove varietà blu, il cui limite di durezza è ancora poco conosciuto, le ninfee nei climi temperati sono molto resistenti (facilmente fino a -19°C) e sono protette dal gelo dal livello dell’acqua. Non è necessario portarli fuori dallo stagno in inverno.

Il primo criterio per scegliere la ninfea è l’altezza dell’acqua disponibile, quindi le dimensioni della ninfea e le sue dimensioni.

Solo allora, tra quelli che corrispondono alla profondità del vostro stagno, sceglierete quello che vi piace in termini di colore e forma del fiore.

Queste piante sono piuttosto costose, quindi se comprate la vostra ninfea da un coltivatore serio, eviterete di rimanere delusi dalla veridicità della varietà etichettata.


Come moltiplicare la resistente ninfea ibrida?

Quando la ninfea si è sviluppata bene, può essere divisa; il momento scelto è o in primavera, prima che la vegetazione ricresca, o alla fine del ciclo, intorno a settembre. In estate è possibile anche la ripresa, ma le foglie vengono facilmente danneggiate dalla manipolazione, sia nella pianta madre che nella divisione: il risultato non è molto estetico.

La divisione si fa infine togliendo tutte le ninfee dall’acqua (ma è pesante) o meglio entrando nell’acqua, sondando e tagliando sezioni di rizomi con un becco da pappagallo o un buon paio di forbici da potatura.


Specie e varietà di ninfei

Il genere comprende molte specie e ibridi

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.