Zingiberaceae

Fiore della mia anima, Fiore del paradiso, Pan di zenzero, Lacrime della Vergine Maria


Fiore della mia anima, fiore del paradiso, conchiglia di pan di zenzero, lacrime della Vergine

Fiore della mia anima, Fiore del paradiso, Lumaca zenzero, Lacrime della vergine, Alpinia zerumbet

Ornamentale e relativamente resistente nonostante la sua origine tropicale, lo zenzero in guscio viene coltivato anche come pianta da casa o da terrazza.


Botanica

Nome latino: Alpinia zerumbet Sinonimi : Alpinia nutans, Alpinia fimbriata, Alpinia fluvatilis

.
Famiglia:
Zingiberaceae

Origine : Indonesia, Malesia, Birmania, Birmania, Indocina

<

Tempo di fioritura: da agosto a ottobre

.
Colore del fiore: bianco all’esterno, rosso e giallo all’interno
Tipo di impianto :
Impianto rizomatoso

.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
perenne

.
Altezza:
da 1,20 a 2,50 m


Piantagione e coltivazione

Resistenza: semi-dura, fino a -9°C

.
Esposizione: wi-cloudy”> ombra da chiara a media

.
Tipo di terreno :
piuttosto ricco

.
Acidità del suolo:
da acido a leggermente basico
.
Umidità del suolo:
da normale a freddo Uso: piante da interno o esterno, alimenti, medicinali
.
Piantare, reimpiantare:
molla

Metodo di propagazione: divisioni, semina ” Invia una foto


Generale

Alpiniazerumbet, chiamato pan di zenzero o più poeticamente il fiore della mia anima, è una pianta perenne subtropicale che appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae. Lo zenzero conchiglia è ampiamente distribuito in Asia orientale, dove è comunemente coltivato come specie commestibile e officinale. Ornamentale e relativamente resistente nonostante la sua origine tropicale, Alpinia zerumbet è anche coltivata come pianta da casa o da giardino d’inverno. In contenitori, lo zenzero nel suo guscio passa la stagione calda solo all’esterno, ma quando gli inverni sono miti, può essere coltivato all’aperto tutto l’anno.


Descrizione del pan di zenzero

Alpinia zerumbet è una pianta con brevi rizomi sotterranei, vicini alla superficie, che radicano in profondità. I suoi steli sono pseudo-fusti, fatti con la guaina di foglie arrotolate, come nel caso della banana o dello zenzero. La pianta, nella sua zona geografica di origine, produce un ciuffo di fusti alti talvolta fino a 3 m. In cultura, cresce generalmente tra 1,20 e 2 m, mentre la sua forma variegata è molto più compatta. Questi steli sono persistenti in un clima non gelato e vivono 2 o 3 anni ciascuno. Ogni anno porta il proprio lotto di nuovi steli.

Le foglie disposte faccia a faccia, cioè in 2 file, hanno una lama oblunga abbastanza larga. Sono leggermente pelose, di colore verde scuro, e formano una rigogliosa ed esotica massa di fogliame.

Le infiorescenze sono di solito in primavera, a volte in estate; compaiono sulla parte superiore di steli di 2 o 3 anni. I fiori sono molto decorativi e sono purtroppo molto rari al di fuori dei subtropi; si raggruppano in lunghe spighe arcuate con steli rossastri. I boccioli dei fiori sono di colore da bianco perlaceo a rosa. Il calice si apre su una corolla sorprendentemente contrastante, caratterizzata da un grande labello a forma di conchiglia giallo e rosso o giallo e rosa.

I fiori sono impollinati dagli insetti e si sviluppano in piccoli frutti rotondi, arancioni, leggermente appiattiti e scanalati come piccole zucche. Si aprono a maturità in bellissimi semi blu.

Alpinia zerumbet Variegata è la forma variegata del pan di zenzero. È quasi più comune nella coltivazione ornamentale rispetto alla forma verde. Di solito è alta solo 60 cm.


Come si coltivano i gusci di pan di zenzero?

Cresco nel terreno. Alpinia zerumbetest è persistente, ma se le sue foglie vengono distrutte dal gelo, ricomincia in primavera. Ha una resistenza evidente fino a -7 °C, e con l’aiuto (pacciamatura e protezione dall’umidità in inverno) fino a -12 °C; alcuni esempi hanno anche mostrato una resistenza al gelo fino a -16 °C. Crescere all’aperto tutto l’anno in un clima gelido impedisce la fioritura e limita l’altezza della pianta, ma permette di godere della sua bella e rigogliosa chioma.

Alpinia zerumbet viene piantata in giardino in marzo-aprile in un terreno preferibilmente leggermente acido, profondo, di consistenza morbida. Cresce in una situazione di ombra ma leggera, o in mezz’ombra, al riparo dal sole nel pomeriggio. Egli apprezza il suolo fertile. I suoi steli escono dal terreno in aprile e crescono vigorosamente fino a quando la stagione giusta è calda e annaffiata regolarmente. Una pianta ben consolidata diventa più resistente alla mancanza d’acqua.

In autunno, è più saggio tagliare gli steli a livello del suolo e coprire il ceppo con una pacciamatura spessa o anche con un parapioggia. Alcuni giardinieri tolgono i rizomi dal terreno e li ibernano in un luogo fresco come le dalie.

Composto per invasatura . Lo zenzero nel guscio deve essere collocato in un contenitore abbastanza grande, poiché le sue radici invadono rapidamente lo spazio a loro disposizione. In un vaso troppo piccolo, l’annaffiatura diventa una schiavitù: ogni giorno la pianta mostra che manca l’acqua arrotolando le foglie. La superficie del vaso non deve mai asciugarsi. La miscela ideale è composta da 13 terricci da giardino, 13 terricci o compost e 13 sabbia o ghiaia.

Il rinvaso permette a questa pianta di essere coltivata all’aperto durante l’estate e portata in inverno, permettendogli di rimanere sempreverde e quindi di fiorire.

In vaso o letto, Alpinia zerumbetsera paglia con fini resti vegetali per evitare che la superficie del terreno si secchi in estate.


Come moltiplicare il fiore del paradiso?

Le divisioni sono abbastanza facili in primavera quando sono collocate in vasi nella sabbia calda e bagnata. Una volta radicati, vengono trapiantati in terreni più ordinari.


Specie e varietà di Alpinia

Circa 200 specie di questo genere

  • Viola alpina , con orecchie rosse
  • Alpinia galanga , la galanga che produce una spezia
  • Alpinia officinarum , la piccola galanga
  • Alpinia japonica , altre specie abbastanza resistenti

Mappe di piante dello stesso genere

  • Viola alpina , Zenzero rosso,Lavanda rossa

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *