Orti di cura generale

Piante morte, malate, morenti e danneggiate

Il 4D – Morto, malato, morente e danneggiato – abbiamo avuto tutti questi problemi con le nostre piante nei nostri giardini quest’anno.

Non voglio essere deprimente, ma quest’anno ho avuto così tante domande sul perché è morta una pianta così… cosa c’è di sbagliato in una pianta così… o perché le mie piante non crescono o non funzionano bene… che ho pensato che avrei dovuto cercare di spiegare cosa è successo quest’anno, perché ha avuto problemi e cercare di rassicurarla.

Attribuisco la maggior parte di questi problemi al clima, all’attuale clima di crescita e agli effetti che ha avuto sulle piante. Mentre scrivo, è la festa di agosto, il culmine dell’estate, e piove a catinelle… e fa freddo (12°C54°F). Questo non significa che sia “normale”, vero?

Le piante, a differenza degli animali, non possono raggiungere le radici e spostarsi in un luogo più protetto quando le condizioni climatiche avverse lo richiedono. Non possono svernare o entrare in letargo con il freddo, a meno che non siano coltivati in vaso e spostati fisicamente all’interno. Tutto quello che devono fare è sedersi e raccoglierlo. E, come te e me, quando sono stressati, sono più soggetti a parassiti, malattie e disturbi fisiologici – o problemi causati dalle condizioni locali, di solito il suolo, l’aspetto e il clima o il tempo.

Quest’anno il tempo era ovunque e le piante hanno mostrato segni di stress, oppure si sono semplicemente arrese e sono morte. E da qualche settimana alberi e arbusti hanno l’aspetto dell’autunno, cambiando colore e perdendo le foglie.

Potrebbe non essere lo stesso dove vivete voi, ma in molte parti del Regno Unito:

    < L'anno è iniziato con uno degli inverni più freddi mai registrati. Non solo le temperature erano basse, ma sono durate a lungo. I periodi di freddo prolungato sono sempre peggiori di uno schiocco di freddo rapido.
  • L’estate è stata fredda e umida. Inoltre, le temperature hanno subito fluttuazioni, spesso drammatiche da oggi. Durante i pochi giorni caldi che abbiamo avuto, la temperatura notturna è scesa notevolmente. Queste spettacolari variazioni di temperatura (anche se non sono affatto vicine al punto di congelamento) possono avere un impatto significativo sulle piante.

E gli effetti dell’inverno persistevano ancora e ancora. Alcune piante che non morivano di freddo sono state così gravemente colpite che non si sono più riprese e non si sono più riprese o sono morte nei mesi successivi.

Essendo l’inverno molto piovoso, il terreno si è intasato d’acqua e il conseguente problema del marciume delle radici del fosforo. E se le radici di una pianta marciscono, non possono assorbire acqua e la pianta muore, con sintomi simili alla siccità.

E, naturalmente, ci sono parassiti e malattie. Pensavamo tutti che il freddo invernale li avrebbe uccisi tutti. Ma non succederà. È stata una brutta annata per il viburno, per diverse seghe e cocciniglie, soprattutto per l’ortensia. E, naturalmente, sappiamo tutti l’effetto che il tempo ha avuto sull’impazienza di Lizzies quest’anno e sull’impaziente malattia della muffa.

Quindi se le vostre piante sembrano un po’ malate, non avete fatto bene come vi aspettavate – non incolpate subito voi stessi, fate quello che facciamo tutti – incolpate il tempo! Siate positivi – le cose possono solo migliorare l’anno prossimo…

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *