Patate

Cos’è il “ringspot” della patata? Riconoscimento del ringspot della patata

Corky ringspot è un problema che riguarda le patate e può causare problemi reali, soprattutto se le coltivate commercialmente. Anche se non uccide la pianta, fa sembrare le patate stesse sgradevoli, difficili da vendere e tutt’altro che ideali per il consumo. Continuate a leggere per saperne di più su come riconoscere e gestire le macchie di sughero sulle patate.

Sintomi di macchie di sughero ad anello sulle patate

Cos’è il “ringspot” della patata? La patata ringspot è causata da una malattia chiamata virus del sonaglio del tabacco. Questo virus è diffuso principalmente dai nematodi radicali, microscopici vermi che si nutrono delle radici delle piante. Questi nematodi si nutrono di radici infette e poi si spostano verso le radici delle piante non infette, diffondendo inconsapevolmente il virus nel sottosuolo.
Anche quando una patata è infettata dalla macchia ad anello di sughero, può passare inosservata, poiché i sintomi sono quasi sempre sottoterra. A volte le foglie della pianta appaiono più piccole, rugose e maculate. Tuttavia, i sintomi di solito compaiono solo all’interno della patata e si manifestano come anelli scuri e simili a sughero, curve e macchie all’interno della polpa del tubero.
Nei tuberi sottili o con la pelle chiara, queste aree scure sono visibili in superficie. In casi gravi, la forma del tubero può essere distorta.

Come maneggiare le patate con il virus del ringspot sughero

Purtroppo non c’è modo di trattare il ringspot di sughero nelle patate, soprattutto perché spesso non si sa se è presente prima della raccolta e del taglio dei tuberi.
La prevenzione è la chiave del successo con lo spot ad anello sughero. Acquistate solo tuberi-seme di patata certificati esenti da virus e non piantateli in terreni che hanno già dimostrato di contenere il virus. Quando si tagliano le patate da semina, sterilizzare frequentemente il coltello, anche se non si vedono sintomi. Il taglio dei tuberi infetti è un modo comune per diffondere il virus.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *