Peperoni

Peperoni italiani per friggere: Consigli per la coltivazione dei peperoni fritti italiani in Italia

Se siete abbastanza fortunati da aver mangiato peperoni fritti italiani, probabilmente vorrete coltivarne di vostri. Coltivare i propri peperoni italiani è probabilmente l’unico modo per molti di noi di replicare questa prelibatezza italiana, a meno che non si viva vicino a un mercato specializzato in cucina italiana, naturalmente. Chi di voi non ha mai mangiato questa prelibatezza può chiedere: “Cosa sono i peperoni italiani? Continuate a leggere per scoprire i peperoni italiani e le varietà di peperoni italiani disponibili.

Cosa sono i peperoni italiani per friggere?

I peperoni italiani per friggere sono un tipo di Capsicum annum chiamato in modo variabile cubanelle, Italianelles o peperoni dolci lunghi italiani. A differenza di molti peperoni immaturi che hanno un sapore amarognolo, i peperoni italiani sono dolci in tutte le fasi, dal verde al giallo al rosso. Il loro colore varia dal verde agrumato brillante al verde bosco intenso, all’arancione e poi al rosso a piena maturazione.

I peperoni fritti italiani sono una caratteristica comune della cucina italiana. Sono dolci e leggermente piccanti, lunghi circa 15 cm e stretti dal gambo alla punta. La polpa è più fine di quella dei peperoni e, con pochi semi, è perfetta per essere affettata e fritta. Crudi, sono croccanti e dolci, ma quando sono fritti, vengono delicatamente affumicati

.
gusto.

Esistono diverse varietà di peperoni italiani da frittura, ma la varietà più diffusa è quella di Jimmy Nardello, donata alla Borsa del Seme nel 1983 dalla famiglia Nardello. Furono portati dalla città costiera di Ruoti nel sud Italia nel 1887 da Giuseppe e Angela Nardello. La varietà prende il nome dal loro figlio, Jimmy.

La coltivazione di peperoni da frittura in Italia

La stagionatura dei peperoni italiani richiede dai 60 ai 70 giorni. Per approfittare di un raccolto più precoce, iniziate a piantare al chiuso otto settimane prima. Possono crescere nella maggior parte dei climi temperati con piogge moderate e prosperare nel caldo dell’estate. Dovrebbero essere coltivate in una zona con almeno 6 ore di sole al giorno.

Per far crescere i peperoni italiani, seminare i semi a circa ¼ cm di profondità in un terreno ben drenato e annaffiarli fino a quando il terreno è umido. Mantenere il terreno umido. Conservare il contenitore in un luogo in cui sia costantemente a 70-75 F. (21-24 C.) o più caldo.

Quando le piantine hanno due serie di foglie piene, assottigliare le piantine tagliandole a livello del terreno. Spostare le piante di peperone all’aperto quando la temperatura media notturna è di almeno 13°C. Permettere agli innesti di acclimatarsi alla temperatura esterna aumentando gradualmente il tempo trascorso all’aperto nel corso di una settimana.

Quando siete pronti a piantare gli innesti, scegliete un sito che riceva la piena luce del sole. Modificare il terreno del giardino con concime e letame in parti uguali. Con una zappa, creare solchi di piantagione a due metri di distanza l’uno dall’altro. Trapianti spaziali a 18 cm di distanza nei solchi.

Circondate le piante con pochi centimetri di pacciame per aiutare a trattenere l’umidità, ritardare le erbacce e isolare le radici. Collocare un paletto nel terreno vicino alla pianta e legare liberamente il fusto della pianta al sakè con un filo morbido.

Mantenere il terreno umido, almeno un pollice alla settimana a seconda delle condizioni atmosferiche. Concimare con un fertilizzante a piena potenza come 5-10-10 quando i fiori iniziano a formarsi, o spargere letame o compost alla base delle piante e irrigare accuratamente.

Quando i peperoni sono pronti, tagliateli dalla pianta. Ora devi solo decidere come cucinarli. Una semplice ricetta italiana per questi peperoni è quella di friggerli in una padella calda condita con sale e poi finirli con un po’ di parmigiano. Buon appetito!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *