Grossulariaceae

Cassissier (Grosella negra)


Ribes nero (ribes nero)


Botanica

Nome latino: Ribes nigrum

.
Famiglia: Grossulariaceae
Origine : Europa e Asia del Nord


Primavera

.
Colore del fiore: verde giallastro
.
Tipo di pianta : arbusto da frutta
.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
fino a 150 cm Tossicità : frutta commestibile


Piantagione e coltivazione

Resistenza : resistenza

Resistenza : resistenza
Esposizione: non in pieno sole, perché teme troppo sole come nel sud della Francia
Tipo di terreno :
ordinario, ricco di humus, drenato

.
Acidità del suolo:
neutro
.
Umidità del suolo:
normale uso: giardino di frutta

.
Piantare, reimpiantare:
primavera, autunno

Metodo di propagazione: Taglio autunnale, stratificazione Potatura: potare il ribes nero in inverno tagliando i rami principali a un terzo della loro lunghezza. Lasciare tre occhi sui rami secondari. Limitare il numero di rami cancellando quelli vecchi.

Malattie e parassiti: antracnosi, oidio, ittero, afidi.


Generale

Appartenente alla famiglia delle Grossulariaceae (ex Saxifragaceae), il ribes nero è per i botanici un ribes nero ( Ribes nigrum ). È diffuso in natura in tutta Europa, anche in Siberia e in Asia centrale. È un arbusto cespuglioso con foglie leggermente carminio che sprigiona il caratteristico profumo del frutto. Il ribes nero è originario dell’Europa ed è ampiamente coltivato in Borgogna e nella regione di Digione.

Il ribes nero ha bisogno di più freddo in inverno rispetto ai tradizionali alberi da frutta. Cresce meglio nel nord della Francia, ma le nuove varietà selezionate dall’INRA ad Angers sono meno esigenti. Le varietà classiche richiedono la presenza di una varietà di impollinazione, ma le varietà recenti sono autofertili. Sono accusati solo di essere abbastanza suscettibili all’oidio (malattia dell’oidio).


Frutti tonici

Il ribes nero è il più ricco di vitamina C (200 mg100 g) di tutti i frutti europei, il kiwi ne fornisce solo 80 mg e l’arancia 53 mg. Contiene anche molte fibre, il che lo rende molto digeribile. Il ribes nero viene utilizzato nella preparazione di liquori, sciroppi, succhi, gelati, sorbetti, torte, coulis, marmellate. Può essere mangiato come verdura, saltato in padella con carne di pollame. Prima di raccoglierne un mazzo, aspettate che tutta la frutta sia nera e aromatizzata per controllare. Il frutto può rimanere sulla pianta per circa dieci giorni senza perdere le sue qualità. Il ribes nero può essere conservato a 0°C per due o tre settimane senza alterazioni evidenti. La frutta può essere congelata e conservata per due anni. Contate da 2 a 4 kg per pianta per le piante di età superiore ai quattro anni.


Al sole, al riparo dai venti freddi, in un terreno non calcareo

Preparate il campo entro la fine dell’estate. Tutti i terreni sono adatti, tranne quelli molto calcarei. Pianta arbusti distanti 1 m l’uno dall’altro, steli distanti 60 cm. Esponetevi al sole in un luogo protetto dal gelo primaverile. Applicare un trattamento di fine inverno per proteggere le piante. Non trattare mai durante la fioritura.


Potatura invernale severa

La potatura viene effettuata da gennaio a febbraio. Il cespuglio rinnova costantemente il suo legno e può quindi resistere a forti potature. Dopo il primo anno, potare l’arbusto con due o tre occhi a terra. Ridurre gli steli fertili a 30 cm di lunghezza, rimuovere gli altri. Negli anni successivi, mantenere la forma cespugliosa e la forma della corona rimuovendo i rami più vecchi. Il ribes nero viene potato da adulto, i rami vengono tagliati a 45° dal tronco.


Perché i frutti del mio ribes nero cadono prima di essere maturi?

La caduta di frutti immaturi è dovuta ad una insufficiente fruttificazione dei fiori. I piccoli arbusti da frutto sono autofertili, ma questo accade spesso. In autunno, piantate un’altra varietà accanto a loro.


Cosa posso fare con gli uccelli che mangiano la mia frutta?

Lasciate cadere una bistecca dai vostri interruttori.


Lo sapevi?

  • Il ribes nero è coltivato come frutto da tavola fin dal 1571 e fu presto presentato come panacea. Da allora, viene coltivata nella regione di Digione. Solo nel 1749 la coltivazione si diffuse, sotto l’impulso dell’abate Bailly de Montaran, che dedicò un’opera al “cassis”.

  • Il liquore al ribes nero fu inventato nel 1841 da M. Lagoutte. Kir, un’associazione di liquore di ribes nero con vino bianco è stata creata dal Canon Kir, sindaco di Digione dopo la Liberazione.

  • La foglia di ribes nero, molto profumata, ha un effetto antireumatico. Il suo infuso di cenere e foglie di olmaria è sovrano contro l’artrite. Il bocciolo è molto ricco di oli essenziali. Ha proprietà antiallergiche, utilizzate in omeopatia.

  • I laboratori farmaceutici estraggono coloranti al ribes nero (antocianosidi) che hanno la proprietà di aumentare la visione notturna. La vitamina P contenuta nel frutto riduce la permeabilità dei capillari del sangue, che previene le malattie cardiovascolari.

  • Offrire un ramo di ribes nero significa dire: “tutti ti amano”, “sei la mia gioia” o “sei la mia felicità”. Un bel po’ di “un cipiglio mi ucciderebbe”. Questo simbolismo è identico per il lampone.


Specie e varietà di Ribes

Boskoop Giant e Noir de Bourgogne sono le varietà più coltivate e dovrebbero essere piantate insieme per garantire una buona impollinazione. Bigno : precoce, matura all’inizio di luglio ad Anjou. Arbusto autofertile, di medio vigore e resistente all’oidio. Frutta grande, gustosa, acida, fresca e commestibile. Andega, allevata dall’INRA, è una varietà di metà stagione che matura a metà luglio ad Anjou. Il cespuglio vigoroso è molto resistente all’oidio ed è autofertile. Frutta mediamente acida, poco aromatica, da utilizzare in sciroppo e marmellata.

Mappe di piante dello stesso genere

  • Ribes grossularia , Uva spina (uva spina)
  • , Uva spina , Uva spina
  • Ribes sanguineum , Ribes, ribes nero
  • Ribes x gordoneo , Uva spina
  • Ribes x nidigrolaria , Caseilier (Caseille), Casseillier (Casseille), Josta

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *