Famiglie

Hosta Funkia


Funkia


Botanica

Nome latino: Hosta

.

Cina, Giappone


.

.
fogliame decorativo, fiore

perenne

.
scade, il fogliame appare in primavera

.
da 20 a 60 cm a seconda della varietà


Piantagione e coltivazione

Sole non cocente, semi-ombra, ombra, più luce per le varietà con fogliame colorato

.
ricco di humus

.
neutro
.
suolo piuttosto fresco e umido
.
bordo, letto, copertura del terreno, vaso, secchio

.
primavera, evitare di spostarle una volta installate

.
lumache


Generale

Una PIANTA MOLTO TRENDING conosciuta dai giardinieri esperti e molto in voga tra i progettisti di giardini, la famiglia ospitante merita di essere meglio conosciuta anche dai giardinieri meno esperti. Sono apprezzati per il loro fogliame decorativo, fortemente venato, spesso colorato o marginale, che può essere opulento o molto piccolo a seconda della varietà. Offrono anche una fioritura estiva molto bella, che può durare fino a 8 settimane: piccole campanule viola o rosa pallido, a volte lilla con strisce viola.

È molto facile da coltivare e non richiede praticamente alcuna manutenzione.

MILLE UTILIZZATORI possono essere utilizzati per molti scopi, soprattutto in situazioni difficili. Saranno perfetti per l’esposizione a nord, in zone poco illuminate, ma anche, contrariamente alla loro reputazione, al sole, se non fa troppo caldo.

Hosta è una pianta che si diffonde naturalmente. Si dice che sia una pianta stolonifera. I suoi ciuffi si estendono per tutta la sua larghezza. Piantati come copertura del terreno, porteranno colore e luce in luoghi ombrosi. Le piccole locande sono a portata di mano ai bordi dei letti. Limitano lo spazio con il loro fogliame generoso. Le specie più grandi accompagnano altre piante perenni o anche arbusti in aiuole di ispirazione naturale.

Mille colori, dimensioni e texture A seconda delle specie e delle varietà, il fogliame di Hosta si presenta in una gamma infinita di colori, forme, texture e dimensioni. Scegliete le varietà mini o maxi, a seconda del vostro progetto. Foglie ovali o cuoriformi, verdi, gialle, blu, grigi-blu o variegate, venature più o meno marcate, la cosa più difficile è scegliere!

Tre stagioni di notevole presenza Le foglie appaiono abbastanza tardi ogni primavera, quando vengono delicatamente arrotolate su se stesse in forma conica. A luglio, gli steli senza foglie sono decorati con piccole campanelle bianche, rosa o viola, a volte deliziosamente profumate. Possono durare fino a 8 settimane. In autunno, le foglie assumono una bella tonalità dorata prima di scomparire completamente durante l’inverno.

Luce per balconi ombreggiati La maggior parte degli hostas danno ottimi risultati in un vaso. Le varietà più piccole possono accompagnare begonie impazienti e tuberose su balconi ombreggiati. Le forme più grandi possono essere utilizzate da sole in una vasca quadrata di 30 cm. Un buon terreno per i gerani è adatto. Evitate di posizionare i vostri ospiti troppo vicino ad una parete bianca, poiché il riflesso della luce può causare gravi ustioni al fogliame.

Buoni compagniGli ospiti sono i compagni preferiti degli astilbi con i loro fiori vaporosi e il loro fogliame leggero, molto dentato, con cui si combinano in un bel contrasto. È anche possibile piantare anemoni giapponesi intorno alle locande. Gli anemoni a fioritura tardiva, scavati, seguiranno bene le campane delle locande, con il fogliame di entrambe le piante che contrastano bene.

Ai piedi di grandi gruppi di rodiani, gigli o seringatos, l’effetto sarà anche sorprendente.

Per festeggiare la primavera e compensare l’assenza di foglie che scompaiono completamente in inverno, piantare qualche bulbo precoce che si naturalizzerà bene (narcisi, zafferano, muscaris, giacinti di bosco per esempio).

Mille fogliame sfaccettato per bouquet sontuosi Le foglie di Hostas possono essere utilizzate per realizzare mazzi di prestigio. Le foglie si inseriscono bene in un vaso e possono essere utilizzate elegantemente in una composizione Ikebana o anche come base per un bouquet più classico.

Consigli del vivaistaAcquista piante ben sviluppate in un contenitore, invece di piante molto giovani in secchielli, che spesso sono più difficili da raccogliere di nuovo.

Una volta che sono ben stabilite, non dovrebbero essere spostate, poiché le radici carnose sono piuttosto fragili. Tuttavia, è possibile dividerli ogni quattro o cinque anni.


Come moltiplicare il numero di ostelli nel modo più semplice?

Poiché la stragrande maggioranza degli ospiti coltivati sono ibridi, la pianta non riproduce fedelmente le caratteristiche della pianta madre. La propagazione viene quindi effettuata dividendo grandi gruppi in primavera (marzo-aprile) o a fine estate (settembre). Strappare la pianta con forchetta e vanga per non danneggiare le sue radici carnose, poi tagliare sezioni del ceppo con almeno un giovane germoglio radicato.


I caminetti sono resistenti al freddo?

Non avrai problemi con la durezza. Le locande possono facilmente resistere a inverni rigidi. Come per la maggior parte delle piante perenni, il fogliame scompare completamente in inverno e riappare, un po’ in ritardo ma fedelmente, ogni primavera.


Lo sapevi?

Hosta è una di quelle piante che ha avuto uno strano cambio di nome. La terminologia di Hosta risale al 1812. Si deve al botanico austriaco Leopold Trattnick (1764-1848), che ha voluto rendere omaggio a un altro botanico austriaco, Nicholas Thomas Host (1761-1834). Ma il nome Funkia fu dato alla pianta nel 1817 dal botanico tedesco Sprengel. E’ stato adottato rapidamente nella maggior parte delle lingue europee, poiché negli anni ’70 si chiamava ancora Funkia. Il nome rende omaggio al collezionista di piante Heinrich Christian Funk (1771-1829). Oggi il nome Hosta è diventato ufficiale a causa del suo status precedente, come richiesto dalla regola della nomenclatura botanica. Hosta è diventato un nome comune, ma il vecchio nome di funkia (con una piccola f) rimane il nome volgare.

Il genereHosta, che appartiene alla famiglia dei gigli (come Gloriosa, tulipano, cipolla, porro, porro, giglio, e circa 250 generi e più di 3.500 specie.), è una pianta sempreverde, con circa 70 specie e un gran numero di cultivar (varietà di origine orticola).

Gli inglesi chiamano l’hosta “giglio di piantaggine” per la forma delle sue foglie a foglie parallele che ricordano questa erba.

La storia degli ostelli come piante da giardino è iniziata in Giappone nel XVII secolo. Il famoso botanico olandese Engelbert Kaempfer (1651-1716) realizzò le prime incisioni e descrizioni delle locande (1712). Ma fu un francese, Charles de Guignes, console francese a Macao, a inviare i primi semi in Europa tra il 1784 e il 1789. Poiché la botanica non era ancora molto sviluppata, il famoso naturalista Lamarck diede alla pianta il nome di Hemerocallis plantaginea.

La maggior parte delle nuove varietà ospiti proviene dalla Spagna, dove le piante sono spesso propagate in vitro.


Specie e varietà ospiti

Circa 70 specie e molte varietà con diverse dimensioni, forme di fogliame e fiori – Hosta Golden Tiara che in estate ha steli lunghi 50 cm con fiori di campo- Hosta Halcyon con fiori grigio lavanda- Hostacrispula che ha steli lunghi da 75 a 90 cm con fiori bianchi colorati in blu-

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *