Famiglie

Lira gigante dell’Himalaya


Giglio gigante dell’Himalaya

Giglio gigante dell’Himalaya, Cardiocrinum giganteum var yunnanense


Botanica

Nome latino: Cardiocrinum giganteum

.
Famiglia: Liliaceae
Origine : Himalaya dell’India, Tibet, Nepal, Bhutan, Pakistan, Cina e Myanmar (Birmania)

.
Tempo di fioritura:
giugno-luglio

.
Colore del fiore: bianco
.
Tipo di impianto :
Impianto a bulbo

.
Tipo di vegetazione:
perenne

.
Tipo di fogliame:
deciduo

.
Altezza:
da 1,20 a 3m


Piantagione e coltivazione

Resistenza :

Esposizione: Ombreggiatura

.
Tipo di terreno :
ricco, umido e drenante


tollerante
.
Umidità del suolo :
normale

.
Utilizzo:
Letto d’ombra

.
Piantare, reimpiantare:
Settembre, ottobre o marzo-aprile

.
Metodo di propagazione:
semenzale, bulbi

.
Malattie e parassiti :
gigli, lumache e lumache in foglie giovani ” Invia una foto di Facebook Pinterest a Twitter


Generale

Il Cardiocrinum giganteum , il giglio gigante dell’Himalaya, è una pianta bulbosa appartenente alla famiglia delle Liliaceae, strettamente imparentata con il genere Lilium , i gigli. Viene coltivata sul suolo delle foreste himalayane, diffuse in India, Tibet, Nepal, Bhutan, Pakistan, Cina e Myanmar [Birmania]. Il giglio gigante dell’Himalaya è una pianta meravigliosa, sia per le sue dimensioni gigantesche e la sua bellezza, sia per la pazienza che richiede al giardiniere. Non può lasciare nessuno indifferente, e è una delle piante mitiche che ogni giardiniere appassionato sogna.


Descrizione dei gigli giganti dell’Himalaya

Il cardiocrinum giganteum mostra un imponente bulbo (fino a 20 cm di diametro), costruito come un giglio, ma fatto di alcune squame molto spesse. La pianta a riposo (in inverno) è conservata con i suoi folti peli delle radici.

Le sue foglie escono dal terreno verso la fine di marzo. Se la fioritura è l’obiettivo finale, è interessante anche il fogliame del giglio gigante, in attesa della fioritura. Produce un fusto dritto e ha delle belle foglie ovali, molto verdi, lunghe da 15 a 20 cm e larghe da 12 a 15 cm, con una bella tessitura.

Dal seme alla fioritura, cresce per circa 7 anni , per produrre finalmente la sua famosa spiga floreale che culmina tra i 2 e i 3 metri. Il gambo ha quindi un diametro di circa 5 cm. Il mazzo ha da 15 a 40 fiori a forma di tromba, lunghi da 15 a 20 cm. Sono molto freschi, da bianchi a leggermente verdi con una generosa gola violacea. Questi fiori sono profumati [al profumo di vaniglia] e autofertili, quindi producono costantemente baccelli di semi piatti, simili a papiri. Il cerbiatto rosso e i baccelli eretti sono ancora decorativi.

Dopo questa eccezionale fioritura, il cardiocre muore , perché è monocarpico, tuttavia, se le condizioni fossero favorevoli, avrà prodotto diversi giovani bulbi, che garantiranno la durata della pianta in giardino.


Come cresce il giglio gigante dell’Himalaya?

Il Cardiocrinum giganteumse cresce all’ombra di alberi ad alto fusto , che condizionano sia la freschezza dell’atmosfera e del suolo in estate che il drenaggio in inverno. Ha bisogno di un terreno profondo (ben arato), elastico e non compatto, ricco di humus, con tendenza all’acidità. Non esitate a portare lettiera fogliare e fertilizzante ben decomposto. Questo terreno non deve mai asciugarsi completamente, quindi la superficie sarà alla fine ricoperta di pacciame in estate.

Non sono i suoi requisiti ad essere complicati per Cardiocrinum giganteum , ma piuttosto da un lato il fatto che viene piantato per molti anni [il trapianto dovrebbe essere evitato a tutti i costi] e dall’altro il fatto che viene installato in giardino da bulbi che spesso vengono venduti senza le loro radici. Quando si acquista questo tipo di bulbo nudo, la pianta deve assolutamente riuscire a produrre nuove radici, cosa non sempre facile. Saranno piantati in primavera [marzo-aprile], in un letto di ghiaia poco profondo. Dovrebbero essere distanziati di almeno 70 cm.

È preferibile acquistare una pianta in vaso “verde”, ma questo è ancora più raro.

Le giovani foglie sono suscettibili alle lumache, e anche la ninfea dovrebbe essere monitorata.


Come moltiplicare il giglio gigante dell’Himalaya?

I semi vengono seminati in vasi di meno di 1 cm di terra umida che viene sempre mantenuta umida. Per fare questo, il barattolo può essere sigillato in un sacchetto del congelatore e lasciato all’esterno. Dopo il primo inverno, il seme germina sotto, dopo il secondo, un cotiledone emerge in superficie, il sacchetto deve essere rimosso non appena compaiono i cotiledoni. Finalmente, il primo vero fogliame si sviluppa dopo il terzo inverno!

Dopo la fioritura, lo stelo principale muore gradualmente, ma i bulbi vengono lasciati al loro posto fino alla primavera, quando compaiono i primi germogli. Questi giovani bulbi continuano a mettere radici e a svilupparsi per tutto l’inverno. Con una forchetta, l’intera zolla di radice viene accuratamente rimossa dal terreno e lavata con un getto d’acqua in modo che sia facile vedere le diverse piccole piante e separarle senza romperle. Vengono trapiantati immediatamente, con una separazione minima di 60-70 cm.


Specie e varietà di Cardiocrine

3 specie di questo genere

  • , Cordone del cuore , Occhio di agnello gigante
  • Cardiocrinum giganteumvar Yunnanensis, leggermente più piccolo, ma con fiori più bianchi
  • Cardiocrinum giganteumvar giganteum,la specie più comunemente coltivata

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *