Famiglie

Ophiopogon nero, Barba di serpente nera, Barba del drago nero


Ophiopogon nero, Barba di serpente nera, Barba del drago nero

Ophiopogon nero, Barba di serpente nera, Barba di drago nero, Ophiopogon planiscapus Nigrescens


Botanica

Nome latino: Ophiopogon planiscapus Nigrescens

.
Sinonimo: Mondo planiscapum


Liliaceae

Origine: Varietà orticola giapponese

.
Tempo di fioritura:
estate, autunno

.
Colore del fiore: bianco-lilla

.
Tipo di pianta : pianta perenne

– Tipo di pianta : pianta perenne

.
Tipo di vegetazione:
erbacea

.
Tipo di fogliame:
perenne

.
Altezza:
da 15 a 20cm


Piantagione e coltivazione

Resistenza: resistente fino a -23°C
.
Esposizione: ombra da chiara a media

.
Tipo di terreno :
humus

.
Acidità del suolo:
da acido a neutro
.
Umidità del suolo:
normale per raffreddare Uso: vaso esterno, solido, copertura a terra

.
Piantare, reimpiantare:
quasi tutto l’anno

Metodo di propagazione: piantina, divisione “Invia una foto”.


Generale

L’Ophiopogon planiscapus Nigrescens è una varietà orticola di barba di serpente che si caratterizza per il colore nero del fogliame. La forma nera è di origine giapponese e la forma nera è una varietà giapponese, certamente più comunemente coltivata oggi rispetto alla forma verde.

Questa cultivar ha anche molti nomi commerciali: il suo nome originale era una parola giapponese, che è stata cambiata in Nigrescens, che è più significativo per noi occidentali. Ad eccezione del fatto che i nomi delle cultivar non dovrebbero più essere nomi latini (riservati alla nomenclatura delle specie naturali). Questo ophiopogon nero esiste quindi sotto altri nomi: Drago Nero, Cavaliere Ebano,…

L’ophiopogon nero è una pianta molto bella con fogliame scuro, certamente tra le più nere che ci siano. Anche se di solito è un po’ costoso da acquistare, questo perché ha una crescita lenta; in cambio, è una specie affidabile, facile da coltivare e molto soddisfacente.


Descrizione dell’Ophiopogon nero

Ophiopogon planiscapus Nigrescens produce piccoli gruppi di foglie dense, disposte faccia a faccia su ogni ripresa. Le foglie sono lunghe e piatte, larghe da 5 a 7 mm e di colore molto scuro. La pianta ha un rizoma sotterraneo da cui emergono diversi piccoli pennacchi che alla fine formano un manto di terra alto 15-20 cm (la forma nera è più piccola di quella verde).

I fiori appaiono su steli ripidi in estate o talvolta più tardi. Hanno piccole campanelle solide e semierette sulle punte, che appaiono bianche sul fogliame nero.

I frutti sono bacche nere. Contengono semi che possono germogliare spontaneamente se sono fortunati.


Come si coltiva l’ophiopogon nero?

L’Ophiopogo planiscapus Nigrescens può resistere all’esposizione a mezza ombra, poca ombra o ombra leggera. Tuttavia, è più compatto e meravigliosamente scuro quando riceve la luce del sole per una parte della giornata. Tollera la luce del sole dalla mattina a mezzogiorno in estate, o tutto il giorno in inverno, il che corrisponde ad esempio ad una facciata esposta a sud-est.

Apprezza i terreni leggermente drenanti che rimangono freschi anche d’estate: terriccio sabbioso o terriccio da giardino arricchito con compost. Il terreno semplice tenderà ad asciugarsi e a surriscaldarsi, ma non è tanto il sole o la siccità che vi spaventa, quanto piuttosto il fatto che il vostro terreno è riscaldato in estate. Questo può essere evitato innaffiando regolarmente (vasi), o ponendolo vicino alle rocce, sotto le quali le radici sono protette dal calore. Dà anche ottimi risultati in mezzo alla ghiaia.

La sua crescita, considerata un po’ troppo lenta, può essere accelerata dai fertilizzanti o dal compost, ma può essere poi un po’ meno compatta.

In un vaso, può essere utilizzato come composizione fogliare, il suo nero intenso contrasta con il verde di un tappeto di felce, con flicorno ( Ajuga reptansGolden Glow), giglio verde o giallo, o fogliame argenteo ( Cotula hipida, Salvia argentea , cineraria…) Può anche essere associato a giunchiglia testa a testa o mescolato con i crochi. La prossima estate sarà saggio seppellire il vaso o trapiantare la barba del serpente nel terreno.


Come moltiplicare l’ophiopogon nero?

I semi germinano e spesso producono piante nere.

Le divisioni sono possibili in primavera.


Specie e varietà di ophiopogon

Molte specie (circa 50) di questo genere

  • Ophiopogon wallichianum , fogliame verde brillante denso e sottile
  • Ophiopogon japonicus , con bacche blu
  • Ophiopogon bodinieri , con fioritura che esce dal fogliame

Mappe di piante dello stesso genere

  • Ophiopogon planiscapus , Ophiopogon , Testa di serpente, Barba di drago

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *