Poaceae

Phyllostachys bambusoides Bambusoides Bambù gigante


Bambù gigante


Botanica

Nome latino: Phyllostachys bambusoides

.
Famiglia: Poaceae, Erbe
Origine: Cina meridionale, India settentrionale
Tipo di centro : Fogliame decorativo

Tipo di vegetazione: perenne

.
Tipo di fogliame:
perenne

.
Altezza:
da 4 a 20 m Tossicità : Germogli non tossici e commestibili


Piantagione e coltivazione

Resistenza: da -18 a -20°C, molto resistente

.
Esposizione : wi-day-sunny”> Pieno sole

Tipo di terreno : Fertile e fresco

.
Acidità del terreno:
Acido neutro < br>.
Umidità del suolo:
fresco Uso: Recinzioni, recinzioni, foresta, vaso

.
Piantare, reimpiantare:
Tutto l’anno al di fuori del periodo di gelo per le piante in vaso

Metodo di propagazione: Tagliare il rizoma, dividere la mazza Dimensione: nessuna dimensione necessaria, attenzione allo sviluppo del rizoma < br>
Malattie e parassiti :
Afidi, ragni acari


Generale

Phyllostachys bambusoides è un bambù gigante originario della Cina. Le qualità ornamentali di questo bambù non mancano nel suo gigantismo. Le sue dimensioni possono essere notevoli se sono presenti le condizioni essenziali per la sua coltivazione (estate calda, terreno fertile e fresco).

Nel sud della Francia, questo bambù può raggiungere i 18-20 m di altezza con steli di 8-10 cm di diametro. Il suo fogliame abbondante, composto da foglie lunghe da 15 a 20 cm, porta la chioma sempre più spesso ogni anno. Il più delle volte, in un giardino della Francia centrale, può misurare più di 10 m se si lascia un po’ di spazio per lo sviluppo dei rizomi.

Il bambù Phyllostachys è un bambù da tracciare. I suoi rizomi ondulano appena sotto la superficie in un’area da 0 a – 20 cm circa. A differenza dei piccoli bambù, sono più grandi e meno numerosi. Affondano meno nel terreno e sono quindi più facili da domare. Anche se una barriera antiradice è una soluzione pronta all’uso, è comunque facile mantenerla sul suo territorio senza alcuna protezione, purché sia isolata e calpestabile. I pochi germogli annuali che si fanno strada attraverso la superficie saranno rotti (ad esempio falciando il prato) o raccolti.

Riprese di Phyllostachys bambusoidessort alla fine di giugno o anche luglio. Già di diametro pari a quello del gambo finale, sono di colore marrone ocra, coperti da macchie leggermente più scure che conferiscono loro un aspetto mimetico. Questo aspetto tardivo ha il vantaggio di crescere ancora più velocemente di altri bambù precedenti, poiché è favorito dal calore dell’estate. Sono i primi germogli che beneficiano di una buona crescita, sfruttando le riserve ancora intatte. Quelli che seguono potrebbero non crescere correttamente e non sopravvivere all’inverno.

Come tutti i bambù, questo gigante ha un debole per i dolci e apprezzerà una buona dose di fertilizzante in primavera e in estate (evitare i fertilizzanti in autunno che indebolirebbero il fogliame in inverno). Senza fertilizzante, il letame correttamente decomposto sparso alla fine dell’inverno sarà utile.


Lo sapevi?

È il secondo bambù più coltivato in questo paese per i suoi germogli commestibili, viene utilizzato anche per le impalcature. Il suo legno, particolarmente resistente e di buona qualità, viene utilizzato in Giappone per realizzare manufatti artigianali come lo shakuhachi (flauto dritto) o il chasen (battitazza).

Un picco di crescita di 1,08 m in 24 ore è stato osservato in un’epidemia di Phyllostachys bambusoides nel boschetto di bambù di Anduze.


Specie e varietà di Phyllostachys

Il genere comprende più di 80 specie.
Phyllostachys bambusoides Castillonis. Steli gialli con scanalatura internodale verde. <
Phyllostachys bambusoides Castilloni-inversa. Ramo verde con solco internodale giallo. <
Phyllostachys bambusoides Holocrysa. Radice completamente gialla.

Mappe di piante dello stesso genere

  • Phyllostachys nigra , Bambù nero
  • Phyllostachys sulphurea , Bambù

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *