Piante

Guida ai bisogni dell’albero di Catalpa

Il genere catalpa comprende una serie di alberi di origine americana molto caratteristici della zona, dove il massimo rappresentante è la catalpa comune, il cui nome scientifico è  Catalpa bignonioides.

Vi mostreremo le principali caratteristiche di questo albero che offre un’ombra maestosa ed è particolarmente adatto per parchi e giardini dove possono essere proposte attività sportive, passeggiate, ecc.

Sebbene la sua origine sia americana, la climatologia dell’area di Florida, Georgia, Louisiana, Alabama e stati adiacenti è paragonabile a molti altri paesi, come la Spagna.

Quindi può essere una buona opzione averlo nel giardino di casa per offrire una piacevole ombra che apprezzerai molto nei caldi mesi estivi.

Caratteristiche della Catalpa

L’albero della catalpa ( catalpa bignoides) è un esemplare di grandi dimensioni (supera i 15 metri in età adulta) che, ben potato nella parte inferiore, offre un’ombra decisa grazie alla disposizione e al volume fogliare delle sue foglie.

Questi sono grandi, di colore verde brillante, leggermente giallino (non sempre per clorosi ferrica). Si distingue anche il suo tronco, dal colore grigiastro tipico del genere catalpa.

Fiore

La fioritura dell’albero della catalpa offre un impatto visivo molto gradevole, con infiorescenze bianche raggruppate insieme

Frutta

I frutti sono capsule, simili al carrubo. Da lì puoi moltiplicare per semi, anche se ci sono altri modi più pratici per ottenere nuovi esemplari.

In fase di produzione emette molti baccelli, perché anche la sua fioritura è multipla ed estesa.

L’uso principale della catalpa è ornamentale. Come puoi vedere nelle immagini (corrispondenti a diversi parchi e giardini in Spagna), offre una magnifica ombra quando l’esemplare è adulto, mostrando un tronco abbastanza verticale che ti permette di attraversarlo senza disagio.

Ha il vantaggio di adattarsi facilmente alla coltivazione in città, sopportando un’ampia escursione termica e resistendo in modo accettabile all’inquinamento urbano.

Invece negli USA (che praticamente sfrutta tutto) viene utilizzato per scopi di legname, per traversine ferroviarie e pali del telefono o della luce.

cura dell’albero di catalpa

Per la sua coltivazione in un orto privato, abbiamo bisogno di conoscere alcuni consigli, soprattutto nei primi anni di sviluppo, dove è necessario svolgere compiti come potatura di allevamento, irrigazione e concimazione adeguata (con apporti di sostanza organica) e osservare le possibile incidenza di parassiti e malattie.

Condizioni meteo

Sebbene l’origine della catalpa sia il sud-ovest degli Stati Uniti, zone praticamente calde, è stata sviluppata in molti paesi freddi, come il Canada. Oggi possiamo vederlo in molte città, comprese quelle spagnole, crescere senza problemi apparenti.

Accetta un’ampia gamma di temperature ed è resistente al gelo. Il periodo più critico è quello della piena fioritura, anche se solitamente non coincide con periodi freddi.

Di solito viene coltivata in pieno sole, cosa facile perché supera facilmente i 10 metri di altezza. Una buona illuminazione favorisce la massima produzione di fiori e, quindi, di frutti futuri.

caratteristiche del suolo

I suoli urbani sono caratterizzati dall’essere poveri e poco profondi. L’albero della catalpa si è adattato senza grosse difficoltà a queste esigenze. È abituato ad un terreno medio limoso, con pH variabile tra 6 e 8,5 (anche se preferisce terreni leggermente acidi per la maggiore solubilità dei nutrienti).

I terreni migliori sono sciolti e leggermente incrostati, ma può crescere in quelli di tipo sassoso o dove l’albero cittadino non lascia molto spazio.

Nel nostro giardino cercheremo di applicare un po’ di sostanza organica (tra 5 e 10 kg) nella buca di impianto, ben miscelata con il terreno. Ciò consentirà un maggiore sviluppo delle radici iniziali e un migliore adattamento nei primi anni.

Irrigazione e concimazione

Catalpa è una specie che si adatta bene ai periodi di siccità. Pertanto, nel nostro giardino cercheremo di svolgere i seguenti rischi di manutenzione durante i primi anni di vita.

Irrigazione in clima primaverile ed estivo:  2 irrigazioni a settimana (10 L/irrigazione e albero).

Irrigazione in inverno e autunno:  1 irrigazione a settimana (10 L/albero) senza precipitazioni o per niente con pioggia.

Controlla l’irrigazione e l’umidità del suolo, soprattutto durante la stagione della fioritura, quando ne ha più bisogno, per mantenere anche la massa fogliare.

Non è molto impegnativo per il fertilizzante, anche se nei primi anni di sviluppo ne incoraggeremo la crescita fornendo tra 2 e 3 kg di fertilizzante granulato NPK.

Raccomandazione: un concime appropriato per questa tipologia di albero può essere il concime granulare NPK 12-8-16 con inibitore della nitrificazione, per consentire una disponibilità controllata di azoto.

Piaghe e malattie

Catalpa non è una specie che riceve molte visite dagli insetti, se non nei periodi di germogliamento e fioritura. Le specie di insetti più comuni da trovare sono gli afidi (li potete vedere sui nuovi germogli) e la cocciniglia, che succhia il succo cellulare e indebolisce l’albero.

I trattamenti fogliari con sapone di potassio sono efficaci nell’ammorbidire il loro esoscheletro e ridurre la popolazione, anche se dovrai fare diverse applicazioni per eliminare completamente il parassita.

Le malattie più comuni sono associate ai funghi del legno. Nello specifico è spesso colpito da funghi del genere Polyporus.

Data la forma specifica delle sue foglie, è anche comune vedere una caratteristica polvere da bianca a grigiastra, nota come oidio. Per combatterla, la soluzione più ecologica è l’uso di zolfo spruzzato sulle foglie.

Fare attenzione a non applicarlo nei mesi estivi (temperature superiori a 30 ºC) perché può bruciare le foglie e causare tossicità.

Potatura

La potatura della Catalpa è consigliata nei primi anni di crescita, dove bisogna controllarne lo sviluppo e favorire i rami principali.

A seconda della disposizione in giardino, cercheremo di dargli uno sviluppo più verticale (per poterci passare sotto senza ostacoli) o più ramificato nella parte inferiore.

Allo stato adulto, non è conveniente fare potature intense perché si ridurrà notevolmente la fioritura, fatta eccezione per i rami colpiti, incrociati o attaccati da parassiti e malattie.

Moltiplicazione

Un modo classico per moltiplicare questo albero è attraverso i semi, che avranno bisogno di tempo e cure per germogliare.

La moltiplicazione può essere effettuata alla fine dell’inverno (inizio primavera), ed è consigliabile provare diversi semi (l’albero produce molto) per aumentare le possibilità di germinazione.

L’emergere della piantina di catalpa attraverso il seme avviene, in media, nelle 3 settimane successive alla semina.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.