Piante

Informazioni sul cavolo riccio: Come coltivare il cavolo riccio napini in giardino

Avrete sentito parlare della famiglia delle rape, un membro della famiglia delle rape che assomiglia a un minuscolo broccolo a foglia con piccoli fiori gialli. Famoso nella cucina italiana, ha recentemente attraversato l’oceano. Rapini si chiama spesso Grelos qui, ne avrete sentito parlare anche voi con questo nome, ma che dire di napini? Cos’è napini? Napini a volte viene chiamato cavolo rapa, quindi si vede che si sta facendo confusione. Non preoccupatevi, le seguenti informazioni sul cavolo rapa vi diranno tutto su di esso, così come gli usi del cavolo cappuccio napini e come coltivare il proprio.

Informazioni sul cavolo riccio

Il cavolo riccio è un membro della famiglia Brassica, che comprende broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavoli, cavoli, cavolfiori e persino ravanelli. Ognuna di queste piante è coltivata appositamente per una caratteristica particolare, sia per le sue foglie gustose, sia per il gambo commestibile, verde piccante o radice speziata. Anche se una specifica coltura di Brassica è coltivata per una particolare caratteristica, a volte anche altre parti della pianta sono commestibili.

Quindi il cavolo è generalmente coltivato per le sue foglie nutrienti, ma che dire delle altre parti del cavolo? Sono commestibili? Quando le verdure iniziano a fiorire, di solito vengono chiamate “bulloni” e questo non è necessariamente un bene. La fioritura di solito rende i verdi amari. Nel caso del cavolo riccio, la fioritura è un’ottima cosa. Quando sbocciano, gli steli, i fiori e le foglie di cavolo riccio sono succosi, gustosi, e si chiamano napini, che non vanno confusi con i rapini.

Come coltivare la napa

Molte varietà di cavoli producono napini, ma alcuni sono allevati appositamente per questo prodotto. I cavoli russi siberiani ( Brassica napus ) sono più miti rispetto ai loro omologhi europei ( B. oleracea ), il che li rende adatti alla coltivazione di piante di napini. Questi cavoli russo-siberiani sono incredibilmente resistenti al gelo fino a -10 F. (-23 C.) e vengono piantati in autunno, in inverno e possono produrre i loro densi, morbidi e teneri boccioli di fiori.

Dopo l’inverno, non appena la giornata supera le 12 ore, il napini prende il volo. A seconda della regione, la coltivazione del napini può iniziare già a marzo e continuare fino alla tarda primavera o all’inizio dell’estate, a seconda della cultivar di cavolo.

Per la coltivazione di napini, seminare direttamente i semi a fine estate o all’inizio dell’autunno. Coprire i semi con ½ pollice di terra. Mantenere la zona seminata umida e priva di erbacce. Se c’è neve nella vostra zona, coprite i cavoli con pacciame o paglia per proteggerli. Napini dovrebbe essere pronto per la raccolta a marzo o all’inizio dell’estate, a seconda del tipo di cavolo.

Usi del cavolo riccio di Napini

Il colore della nappa può variare dal verde al viola, ma diventerà verde scuro indipendentemente dalla cottura. È estremamente ricco di sostanze nutritive, ricco di calcio e contiene tutte le vitamine A, C e K della dieta quotidiana di una persona.

Alcuni chiamano napini i fiori primaverili di una pianta di brassica. Mentre i fiori primaverili di altri brassica sono anch’essi commestibili, napini si riferisce ai boccioli del cavolo nero. Questo ortaggio è così dolce e delicato che ha una varietà di usi.

Non è necessario aggiungere troppi ingredienti ai napini. Un semplice soffritto con olio d’oliva, aglio, sale e pepe può essere finito con un po’ di limone fresco e il gioco è fatto. Si può anche essere più creativi e aggiungere napini tritati alle tortillas e alle frittate. Aggiungerlo al riso pilaf o al risotto durante gli ultimi minuti di cottura. Non cuocere troppo i napini. Cuocetelo come un broccolo con un rapido soffritto o cuocetelo al vapore.

Napini si sposa molto bene con la pasta o i fagioli bianchi con un tocco di limone e una raschiatura di Pecorino Romano. In sostanza, i napini possono essere sostituiti in qualsiasi ricetta che richieda una verdura brassica come i broccoli o anche gli asparagi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *