Suggerimenti

Associazioni agrarie nell’orto biologico: cos’è, benefici ed esempi

Che cos’è l’associazione delle colture?

Si tratta di piantare ortaggi, piante medicinali e aromatiche, alberi da frutto, arbusti, ecc. in giardino in modo da creare tra loro una relazione benefica. L’associazione delle colture è una pratica che porta benefici importanti quanto la prevenzione di malattie e parassiti.

Più avanti vedremo perché è consigliabile utilizzare questa risorsa nell’agricoltura biologica e alcuni esempi in modo che tu sappia come mettere in pratica l’associazione delle colture nel tuo orto biologico.

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Quali sono i vantaggi dell’associazione delle colture?

L’associazione delle colture è una pratica fondamentale di qualsiasi orto agroecologico che ci aiuta a:

  • Ottimizzare lo spazio disponibile : la chiave è combinare piante a crescita orizzontale con altre a crescita verticale (rispettivamente porri e lattughe) o specie a crescita rapida (ravanelli e lattughe, ad esempio) con alcune a crescita lenta come carote e cavoli.
  • Ottimizzare l’ uso del substrato : la combinazione di alcune specie permette alle piante di non competere per gli stessi nutrienti dal terreno. Le verdure a foglia hanno radici poco profonde e consumano azoto dal terreno. Al contrario, le piante con radici più profonde estraggono soprattutto potassio.
  • Evitare la crescita di erbe infestanti o piante spontanee : utilizzando il terreno in modo intensivo, la superficie è ricoperta di vegetazione e le piante avventizie o incolte hanno meno spazio e luce per crescere.
  • Promuovere il controllo agroecologico degli insetti nocivi : le specie orticole possono essere raggruppate, con piante floreali o con specie aromatiche e medicinali. Alcune specie attirano nel giardino insetti utili (come impollinatori o uccelli insettivori ) e altre, soprattutto piante aromatiche, agiscono come repellenti per gli insetti dannosi.

Ad esempio, nell’associazione del mais con i fagioli (fagioli o fagioli) entrambi si completano a vicenda. I fagioli forniscono l’azoto di cui il mais ha bisogno per la sua crescita. La zucca o zucca trae giovamento sfruttando la materia organica semidecomposta che si era accumulata nelle stoppie precedenti e dalla pulizia delle erbe infestanti.

Il gambo di mais funge da supporto per il fagiolo, che cresce in esso. A sua volta la zucca, grazie alla sua crescita orizzontale, ricopre il terreno aiutando a controllare le erbacce.

Semina associata di primavera – estate

Possiamo realizzare due listoni o terrazzi e li utilizzeremo come segue:

  • Uno per varie verdure
  • Uno per i pomodori
  1. Nel listone o terrazzo per ortaggi, possiamo associare gli ortaggi a radice ( ravanelli , carote , barbabietole ), agli ortaggi a foglia ( lattuga , bietola , cavolo , ecc.), nel seguente modo: tre file di radici (a 0,50 m di distanza) e tra di loro, possiamo piantare lattuga, cavolo o spinaci e in testa all’asse, due file di prezzemolo .
  2. Sulla scheda pomodoro possiamo inserire tra le righe piante di basilico; Questo è un alleato naturale del pomodoro che aiuta a contrastare l’attacco degli insetti.

Non dimentichiamoci dei fiori (la pompadour , la calendula , il nasturzio , ecc.) che, posti alle estremità delle tavole, sono beneficamente coinvolti nel controllo dei parassiti, alcuni fungendo da “repellenti”, altri ospitando insetti. .

Qualche esempio:

  • La calendula sulle bacheche pomodoro, respinge i vermi del pomodoro.
  • Il basilico inserito tra le file di pomodoro, previene l’attacco degli insetti.
  • Il basilico è considerato pianta truffatrice degli Afidi e repellente per insetti in genere; con maggiore incidenza sulla cimice.
  • Piante di calendula tra i pomodori, evitare le tarme del pomodoro.

Leggi anche: 12 cose che puoi fare per prevenire i parassiti

Semina associata autunno – inverno

In inverno, la metà delle aiuole, dei terrazzi o dei tavolati del giardino servirà a ripristinare la fertilità . Per questo pianteremo due file di fave tra le quali faremo un fosso poco profondo per ammucchiare erbacce o erbe spontanee e resti vegetali come apporto di sostanza organica al terreno .

Nel resto dei taglieri potete unire porri o polenta all’aglio , cavoli, broccoli, cavolfiori e lattuga.

Qualche esempio:

  • Quando associamo l’ aneto a cavoli e carote, la quantità di vermi che attaccano il cavolo diminuisce.
  • La menta vicino ai germogli (broccoli, cavolfiori, cavoli, ecc.) lontano dai parassiti che attaccano queste piante.
  • La consociazione della salvia comune tra cavoli e carote tiene lontani i ditteri (mosche) attraverso un’azione repellente.
  • Le piante di timo sull’asse del cavolo, prevengono la presenza della lucertola foglia e della mosca del cavolo.
  • La semina della senape tra cavoli o cavoletti di Bruxelles regola la presenza dell’afide del cavolo. La senape funge da pianta trappola e attira anche gli insetti che mangiano e parassitano gli insetti parassiti.

Come distribuire queste specie in modo che si associno nel miglior modo possibile e utilizzino meglio lo spazio e il tempo?

Possiamo coltivare porri o cipolle nella parte centrale della tavola, in quanto sono colture di lunga durata (porri 6 mesi e cipolle 8 mesi). Ai lati si possono alternare cavoli, ad una distanza di 0,60 m. tra ciascuno. Mentre i cavoli crescono, cogliamo l’occasione per trapiantare le lattughe tra di loro (saranno pronte per essere raccolte due mesi dopo il trapianto). Graficamente, il taglio di una tavola o di un letto potrebbe assomigliare a questo:

Ecco una tabella in cui si può vedere la coltura (specie), se resiste o meno al gelo, quale distanza minima deve essere lasciata tra una pianta e l’altra, le sue dimensioni quando è adulta e con quali altre piante va associata.

Leggi altri articoli sull’agricoltura biologica

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *