Suggerimenti

Chamaecyparis: [colture, associazioni, parassiti e malattie]

Punti importanti quando si semina Chamaecyparis
  • Dove seminare? Mezza ombra. Poca luce solare diretta. 
  • Quando? In primavera o in autunno. 
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso. Qualsiasi tipo di terreno. Leggermente acido, fertile con compost di sabbia e torba.
  • Come innaffiamo? Ideale, gocciolare . 
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate , una volta alla settimana. In inverno molto poco o quasi nulla.
  • Piaghe e malattie? Acari e cocciniglie. Phytophthora laterale.

Il genere chamaecyparis è integrato nella famiglia delle cupresáceae ed è composto da circa 6 specie di alberi originari del Giappone, dell’America e dell’isola di Formosa (Taiwan). 

Sono alberi simili ai cipressi, con chioma conica, ma con foglie più eleganti, aghiformi da giovani e squamose da adulti. 

Il suo nome deriva dal greco “chamai” (piccolo) e “kyparissia” (cipresso), sebbene non siano piante di piccole dimensioni . È conosciuto anche con il nome di “falso cipresso”.

Quando piantare una Chamaecyparis?

La semina di chamaecyparis dovrebbe essere effettuata durante la primavera o l’ autunno . Ma, essendo una pianta del genere cipresso, può essere facile coltivarla tutto l’anno, con particolare cura.

Se la semina viene effettuata nei mesi più caldi, occorre fare attenzione a controllare che il terreno della pianta sia sufficientemente umido. 

È molto importante che nei giorni molto caldi non si possa dimenticare l’irrigazione. Le piante , con temperature elevate, vanno anche a terra prima, ma bisogna darle da bere spesso.

Dopo aver raccolto la chamaecyparis, in autunno, i semi vanno lasciati asciugare bene in una stanza calda o in un forno ad una temperatura da 32 a 41°C. Stratificarli anche a 4-5°C. per 2 o tre mesi. Questo aiuta la germinazione.

Dove seminare una Chamaecyparis?

I Chamaecyparis necessitano di un’esposizione a mezz’ombra e un clima umido, poiché troppo sole diretto può danneggiare le foglie.

Sono utilizzati come frangivento, nei viali, nei giardini rocciosi o anche su balconi e terrazze (varietà nane). Sono adatti anche per bonsai. 

La specie Lawsoniana è un albero di Chamaecyparis perfetto da piantare in un prato, poiché fornirà una buona ombra e gli esemplari di dimensioni più piccole sono perfetti per decorare in giardini rocciosi e piccoli giardini. 

L’umidità dell’ambiente deve essere elevata. Questa parte non è del tutto complicata, poiché la stessa densità dei rami e delle foglie che ha aiuta a mantenere un alto grado di temperatura.

Come preparare il terreno?

Per quanto riguarda il terreno, Chamaecyparis lavora solitamente con substrati di qualsiasi tipo, anche se preferisce quelli leggermente acidi, fertili, sciolti e molto ben drenati.

La combinazione ideale per un terreno perfetto è che ha 1/3 di sabbia e 1/3 di torba. In questo modo, è garantito che abbia una consistenza morbida, ma non ci manca nella quantità di materia organica di cui ha bisogno per incorporare i nutrienti.

Come innaffiamo un Chamaecyparis?

L’irrigazione di questa pianta va fatta una volta alla settimana cercando di fare molta attenzione a non allagare, poiché ciò causerebbe problemi e malattie al Chamaecyparis. 

Se vengono rispettati i requisiti di sabbia e torba del terreno in cui verrà coltivata la Chamaecyparis, probabilmente sei già certo che ha un buon drenaggio. Se l’acqua di irrigazione si accumula, avremo problemi.

Lo strato superiore del terreno del vaso dovrebbe essere lasciato asciugare leggermente tra l’irrigazione e l’irrigazione. In inverno poca acqua. Non ama la calce in eccesso, quindi è importante annaffiare con acqua di qualità, con acqua piovana o acidulata con acido citrico .

Come seminiamo un Chamaecyparis passo dopo passo?

La pianta di chamaecyparis può riprodursi attraverso i semi, anche se questo è un processo complicato quindi si consiglia di acquisire gli esemplari nei vivai e nei garden center. 

Tutte le varietà di chamaecyparis si ottengono per talea , per margotta o per innesto. La cosa migliore è acquistare gli esemplari già cresciuti o in via di accrescimento e trapiantarli nell’orto o nello spazio che è stato designato.

Tuttavia, il modo migliore per propagare la chamaecyparis è tagliando talee lunghe 10 cm, con un pezzo di stelo attaccato, per tutta la primavera

Eliminate i germogli degli ultimi 2,5 cm e inserite le talee in vasi di 8 cm di diametro, riempiti di terriccio composto da parti uguali di torba e sabbia.

Riponete i contenitori in un ambiente fresco e quando avranno messo radici, piantateli in vasi con terriccio nero e riponeteli in un luogo fresco e riparato. In primavera, trapiantare di nuovo in vasi più grandi, con terriccio nero.

Quali associazioni favorevoli ha?

Come tutte le piante perenni , la chamaecyparis crescerà meglio senza altre piante intorno. 

Ma se le aiuole primaverili sono piantate nello stesso contenitore delle conifere nane, la chamaecyparis sarà adatta a questo scopo. 

Potete anche mettere la conifera in un contenitore e trapiantare l’altro vaso più grande in primavera, quando le radici avranno riempito il vaso.

Quali parassiti e malattie attaccano Chamaecyparis?

Si può dire che la chamaecyparis è una pianta abbastanza resistente che di solito non soffre di malattie.

Tuttavia, i bruchi a volte mangiano le loro foglie. Allo stesso modo, ci sono acari e cocciniglie che possono depositarsi nelle sue foglie. 

Nel suo ambiente naturale, la pianta è seriamente minacciata da una malattia delle radici causata dal fungo Phytophthora lateralis. Questa malattia è un problema per le piantagioni orticole in alcune parti del Nord America.

L’albero viene attaccato, anche se non nella stessa misura, da altre specie di Phytophthora. L’infezione da Phytophthora lateralis inizia quando il micelio, da una spora germinata, invade le radici e si diffonde attraverso la corteccia interna e si sposta intorno alla base dell’albero .  

Il tessuto infetto muore e circonda efficacemente l’albero. Gli alberi grandi hanno maggiori probabilità di essere infettati rispetto a quelli piccoli, a causa delle aree radicali più grandi (anche se tutti gli alberi soccombono ai bordi dei ruscelli).

Tuttavia, i grandi alberi possono spesso convivere con le infezioni per un periodo più lungo (fino a diversi anni). In caso di peste o malattia, l’ albero può essere pulito .

Per evitare questi problemi, bisogna tenerla in una zona abbastanza ventilata e prendersi cura della pianta dall’eccesso di umidità che può causare funghi.

Bibliografia e riferimenti

  • Lesniewicz, Paul. (1982). Bonsai: alberi in miniatura. Editoriale Reverté. Barcellona, ​​Spagna.
  • Scott, Katie; Willis, Kathy. (2017). Botanico . Traversata dell’Oceano. Città del Messico, Messico.
  • Buczacki, Stefan. (2000). Piante invernali . Edizioni AKAL. Madrid, Spagna.
  • Hernández Padilla, Hugo. (2006). Produzione e commercializzazione di cedrela (Chamaecyparis thyoides ericoides) e chimansimpar (Chamaecyparis lawoniana ellwoodii) nel comune di Xicotepec, Puebla. Università autonoma di Chapingo. Divisione di scienze forestali. Chapingo-Messico. Riprodotto da: http://files.departamento-de-productos-forest.webnode.es/200001676-7c5b77d54c/Hernandez%20Padilla%20Hugo%202006.pdf
  • Bahamonde, Héctor Alejandro; Peri, Pablo Luis; Gargaglione, Veronica Beatriz; Diaz, Boris Gaston; Monelos, Lucas; Almonacid, Leandro. (2018). Alberi urbani nella Patagonia meridionale. Specie principali e loro gestione . Consiglio Agrario Provinciale. Santa Cruz-Argentina. Riprodotto da: https://inta.gob.ar/sites/default/files/inta_arbolado_urbano_en_patagonia_sur_919.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *