Suggerimenti

Come far ricrescere le verdure dell’orto: 4 piante che si possono far ricrescere

Buoni Agrohuerters, oggi vi mostreremo quanto è facile far germogliare o far ricrescere le verdure, poiché non possono essere ottenute solo attraverso il seme.

1 lattuga

Va utilizzata la parte inferiore del cespo di lattuga , che è quella che comunemente viene scartata, in quanto è più spessa e ha una pasta molto dura. Per cominciare, le foglie più esterne possono essere rimosse poiché ciò che interessa è la parte spessa.

Questa parte viene lasciata in un contenitore con un po’ d’acqua. La quantità d’acqua ideale è che ne copra poco meno della metà, ma non la copra mai tutta, perché altrimenti non germoglierà. E dovresti sempre avere acqua fino a quando non escono le radici e i germogli, che impiegheranno circa 10-15 giorni per uscire.

Il luogo ideale in cui trovarsi durante il processo è un luogo fresco con un po’ di luce. Una volta che avrà abbastanza radici procederemo al trapianto. Ti verranno somministrate annaffiature continue subito dopo il trapianto.

2. Carota

Bisogna tagliare in cima alle carote , quella che porta le foglie; Va tagliato con particolare cura per lasciare sempre una piccola parte della parte carnosa della carota, in modo che quando cresce abbia sufficienti riserve di nutrienti (come fanno i semi).

Quando vediamo che le radici sono germogliate, il che richiede molto tempo, viene trapiantato e vengono fatte abbondanti annaffiature.

3. Rosmarino

Prendete un rametto di rosmarino , che sarebbe una talea, tagliate la parte inferiore in modo smussato, cioè ad angolo. Non eseguire mai il taglio dritto, poiché in questo modo soffre meno e assorbe meglio i nutrienti.

Quindi lascialo in un contenitore con acqua e presto appariranno le radici, quando ha un numero sufficiente, fai il trapianto, puoi anche aggiungere un agente radicante, in modo che si sviluppino più velocemente e meglio. Dovresti anche annaffiarlo abbondantemente durante i primi giorni dopo il trapianto.

4. Zenzero

In questo caso possiamo prendere uno zenzero intero o spaccarlo, è l’unico di tutti che non ha bisogno di passare attraverso l’acqua. Anche se si consiglia di metterlo in acqua tiepida per un po’ prima di coltivarlo.

A questo punto si pone nel terreno o substrato che deve essere ricco di sostanze nutritive e poco compatto, si interra un po’, con terriccio sufficiente a coprirlo ma senza affondarlo, e si annaffia.

Essendo una pianta di origine asiatica, avrà bisogno di un luogo un po’ caldo durante il processo, una volta germogliata va annaffiata più frequentemente.

Il posto ideale dove lasciarlo è vicino a una finestra. Lo zenzero è uno dei tempi più lunghi per produrre radici, quindi devi avere un po’ di pazienza.

Una cosa importante , per tutte quelle verdure che necessitano di un primo processo di permanenza in acqua per un periodo di tempo è che l’acqua in cui si trovano deve essere cambiata giornalmente, perché ha bisogno di ossigeno.

E questo si ottiene cambiandolo quotidianamente o con un sistema di ricircolo (ma questo è troppo per quello che vuoi fare, che sarà anche in acqua per poco tempo).

Bisogna anche tener conto che le piante, finché non diventano adulte e danno una buona e abbondante produzione, impiegano tempo per crescere circa 10 mesi, proprio come se fossero seminate.

I vantaggi della coltivazione di ortaggi

  • È molto economico.
  • C’è una grande varietà di verdure che possono essere coltivate.
  • Con questo metodo non devi preoccuparti di ottenere semi.
  • Sai da dove provengono le verdure di origine, quindi può essere 100% biologico
  • È un ottimo modo per sfruttare gli avanzi di cibo.
  • È molto facile e veloce.
  • Insegna ai più piccoli come si può riciclare in natura e soprattutto cosa mangiano regolarmente perché non solo gli scarti vegetali vengono utilizzati per fare il compost.

Oggi abbiamo spiegato solo 5 tipi di ortaggi, ma ce ne sono molti di più di quelli che immagini e sono tutti molto simili quando si tratta di germinare, ma ognuno ha le sue peculiarità, quindi è sempre bene commentare ogni caso in particolare quindi puoi che in futuro parleremo di altri.

Non preoccuparti se non germoglia la prima volta che lo fai, dal momento che potrebbe non essere stato fornito con condizioni completamente ottimali o anche che sebbene il vegetale sia apparentemente buono, allora non è così, ed è per questo che non germina o ha grandi difficoltà a farlo. Ma ripeti il ​​processo con attenzione e voilà.

Agrohuerters Spero che provi a coltivare verdure e quindi a rendere il tuo giardino più grande. Saluti e alla prossima volta!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.