Suggerimenti

Malattie della vite: [Caratteristiche, rilevamento ed effetti]

La vite è una delle piante con il più alto livello di sensibilità agli attacchi delle malattie e ciò significa che i coltivatori devono essere molto attenti.

Possono essere prodotti da funghi, batteri e virus e il loro trattamento varierà a seconda delle condizioni particolari di ciascuna malattia.

Se hai la vite tra le tue colture o hai intenzione di piantarla e vuoi stare attento a ciò che può influenzarla, fai attenzione perché qui ti diciamo tutto.

Peronospora

È una delle malattie più dolorose che colpiscono la vite e deve la sua origine a un fungo noto come Plasmopara Vitícola.

L’effetto nocivo si genera sulle parti verdi della pianta . Vale a dire sulle foglie in modo principale.

La sua presenza aumenta notevolmente quando si hanno climi caldi ma c’è anche un alto tasso di umidità.

Per rilevarlo sarà necessario valutare le caratteristiche delle foglie , che si vedranno con una sorta di sostanza oleosa nella parte visibile . Tuttavia, sul lato inferiore, ciò che sarà visibile è una polvere bianca prodotta dal fungo.

Quello che succede dopo è che la pianta inizia a degenerare a poco a poco, osservando i seguenti cambiamenti:

  1. Sulle foglie con le macchie oleose può verificarsi una necrosi che alla fine le farà cadere.
  2. I germogli nasceranno con deformazioni.
  3. I frutti risentono della polvere bianca sulla parte superiore o cambiano colore come se avessero marciume.

La buona notizia è che la malattia può essere attaccata con fungicidi e ottenere risultati positivi, purché sia ​​nelle sue fasi iniziali. Quindi, è fondamentale valutare le condizioni delle foglie e agire non appena si notano le macchie oleose.

oidio

È anche una malattia molto comune nel vigneto e che opera in diversi tipi di alberi da frutto. Inoltre è generato da un fungo e può colpire tutte le parti della pianta .

Il tempo preferito per svilupparsi è con temperature più o meno elevate (25º C) e necessita anche di una buona umidità.

Quindi, è così importante proteggere le piante dall’eccesso di acqua e, soprattutto, dal ristagno . Per rilevarlo, è necessario prestare molta attenzione a eventuali cambiamenti che si verificano nella struttura dell’impianto . Quindi abbiamo:

  1. Sulle foglie di solito è presente una polvere bianca o marrone che può essere localizzata sia nella parte anteriore che in quella inferiore.
  2. I boccioli si presentano in una tonalità di verde molto più scura che può diventare nera.
  3. Nei frutti è presente una polvere bianca che tende a screpolare la buccia degli acini e si perde la condizione di qualità del raccolto.

Questa malattia ha la caratteristica di essere endemica, per cui vanno valutate le caratteristiche del terreno e di tutte le fasi produttive, se presenti. Il trattamento prevede un processo di disinfezione mediante l’utilizzo di fungicidi.

marciume grigio

È una malattia prodotta da un fungo noto come botrite che è in grado di attaccare anche altri tipi di specie.

Può interessare l’intera struttura della pianta , ma il danno più deplorevole ed evidente si verifica sui frutti .

La Botrytis non ha una causa specifica di penetrazione nella pianta, poiché può avvenire attraverso un’eccessiva umidità ma anche attraverso una ferita.

Il marciume è evidente ad occhio nudo perché provoca un viraggio di colore, principalmente nei germogli che virano al marrone. Questa variazione di colore diventa nera e provoca la morte totale dell’area.

Le foglie possono anche essere colpite in una certa misura con piccole macchie sulle foglie, solitamente verso le punte. Da parte loro, i frutti sono solitamente visti con un rivestimento in polvere che prima o poi li fa marcire, perdendo rapidamente l’intero raccolto.

Poiché si trasmette per spore, è facile che più di una pianta venga colpita nello stesso periodo, se esiste .

antracnosi

È un’altra delle malattie che si verificano negli alberi da frutto e la vite non fa eccezione. È prodotto da un fungo che aderisce al legno e ha la capacità di ibernare, risvegliandosi la primavera successiva .

A differenza delle malattie precedenti, ciò di cui hai più bisogno per presentarti è l’umidità. Sebbene abbia una preferenza per il calore, non è decisivo.

Il sintomo principale si genera sulle foglie che iniziano con una macchia i cui bordi sono marroni . Successivamente, la parte della foglia che rimane al centro della macchia impallidisce e si secca, creando diverse zone morte in tutta la struttura.

Le foglie non cadono quindi spesso viene confuso con la presenza di insetti , quindi diventa molto più pericoloso. L’ultima fase della malattia attacca le bacche in cui si generano macchie grigie che provocano il distacco della pelle.

Un vigneto ben curato non dovrebbe causare grossi grattacapi ai suoi coltivatori, purché sia ​​tenuto molto ben controllato.

Bibliografia e riferimenti

  • Pearson, RC; Goheen, AC (1994). Parassiti e malattie della vite. Mundi-Press. Madrid, Spagna.
  • Ruiz Castro, Aurelio. (1965). Parassiti e malattie della vite. Istituto Nazionale di Ricerche Agronomiche. Madrid, Spagna.
  • Monis, Judit; Conestabile, Fiona; Habili, Nuredin. (2010). Progressi nello studio delle malattie della vite causate da virus. Rivista di Enologia. Riprodotto da: http://juditmonis.com/Espanol/icvg-2009-spanish-revista-enologia.pdf
  • Polakof, Ana Clara. (2011). I termini e le loro varianti agli albori della viticoltura uruguaiana: il caso delle malattie della vite . Linguaggio e discorso. Università delle Ande. Merida-Venezuela. Riprodotto da:  http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=511951371003

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.