Suggerimenti

24 cose da non buttare nella compostiera

Il compostaggio è una parte cruciale per avere un giardino biologico, ed è un modo intelligente per ridurre la vostra impronta di carbonio – e chi non vuole farlo? Avere una pila di concime è una delle cose più potenti che si possono fare per creare uno stile di vita sostenibile, anche se non si ha un giardino. Se siete interessati al compostaggio, la cosa più importante è imparare ciò che non è compostaggio e ciò che è sicuro.

Anche se iniziare un programma di compostaggio può sembrare scoraggiante, si può tirare un sospiro di sollievo – è facile. Ci sono decine di cose con cui venite a contatto ogni settimana che sono totalmente sicure per la vostra compostiera, e le cose che non potete usare hanno senso una volta che sapete dove vi trovate.

Tecnicamente, si può concimare quasi tutto ciò che era una pianta viva, ma è meglio lasciare alcune cose fuori dal concime per un motivo o per l’altro. Comprendere le dinamiche e la composizione del compostaggio è essenziale per il successo, quindi cominciamo.


Perché alcune cose non sono sicure per il compostaggio?

Per creare un concime adeguato, gli elementi devono essere mantenuti in equilibrio. Il compostaggio richiede un equilibrio tra materiali verdi e marroni. I materiali verdi, come i ritagli di erba, sono ricchi di azoto, mentre i materiali marroni, come le foglie secche, sono ricchi di carbonio.

Oltre ai materiali bilanciati, il compostaggio richiede oggetti che possono essere decomposti entro un tempo prestabilito. Ogni volta che si sparge del compost finito sulle aiuole del giardino, non si vogliono trovare scarti di cibo in decomposizione o grandi rami ancora interi.

Inoltre, dobbiamo preoccuparci di aggiungere malattie o di introdurre parassiti nel nostro letame. Se si aggiunge qualcosa che è malato di batteri o funghi, potrebbe diffondersi nella compostiera. Poi, quando si sparge il compost finito sulle aiuole del giardino, si rischia di infettare tutta l’area!

Inoltre, non volete incoraggiare procioni, mosche, insetti o altri parassiti a visitare il vostro compost. Questo è uno dei motivi per cui alcuni vicini sono frustrati di dover fare il compostaggio vicino alla loro proprietà. Alcuni ingredienti incoraggiano i visitatori indesiderati, come topi e ratti, a venire nel quartiere.

Ecco perché è essenziale sapere cosa non concimare. Senza questa consapevolezza, si potrebbe rovinare tutto il compost finito o, peggio, infettare e uccidere i raccolti dell’anno prossimo.


Cosa non concimare


1. Escrementi di cani e gatti

Il concime può essere aggiunto in modo sicuro al compost, fornendo ulteriori sostanze nutritive per aiutare le piante a crescere. Il letame di cavallo, mucca, pollo e coniglio è un esempio di letame sicuro. Questi escrementi sono pieni di materia organica che arricchisce il suolo.

Gli escrementi di cane e di gatto non sono la stessa cosa. Bisogna evitare gli escrementi degli animali carnivori. I rifiuti contengono spesso microrganismi e parassiti che possono infettare le colture che alla fine si mangeranno.

Se volete concimare gli escrementi dei cani, dovete trattarli separatamente dalla vostra normale pila di concime. È anche possibile acquistare speciali compostatori per i rifiuti animali. Poi si può usare questo compost finito su colture non alimentari.


2. Scorze di agrumi

Lo so, probabilmente vi starete chiedendo se tutti gli avanzi di frutta e verdura sono al sicuro per la mia pila di concime fatto in casa. La risposta è che le bucce di agrumi sono aggiunte incomplete.

Le scorze di agrumi contengono sostanze chimiche naturali e un livello di acidità che uccide i vermi e altri microrganismi. Allo stesso tempo, le sostanze chimiche possono rallentare il processo di decomposizione.

Un altro problema è che le bucce di agrumi ci mettono un’eternità a decomporsi – pensate a quanto tempo ci vorrebbero diverse tazze di bucce di agrumi per decomporsi nella vostra pila di concime!

Aggiungere questi elementi alla tua pila una volta ogni tanto non è molto importante, ma non vuoi farlo sempre. Inoltre, se si pratica il vermicomposting, le bucce di agrumi sono un grande no-no. Fanno male ai vermi!


3. Bustine di tè e filtri per il caffè

I chicchi di caffè e le foglie di tè fanno parte della colonna degli ingredienti sicuri per il compostaggio. Questi elementi hanno alti livelli di azoto, potassio e fosforo, tutti elementi essenziali per la crescita delle piante.

Anche se questi articoli sono sicuri, i filtri per il caffè e le bustine di tè non sono una buona aggiunta alla batteria. I sacchi e i filtri spesso contengono fibre sintetiche che non si decompongono nel cumulo di compost così rapidamente come gli altri ingredienti. Ciò significa che state introducendo nel vostro terreno sostanze chimiche che potrebbero non essere sicure.

Idealmente, le foglie e la terra dovrebbero essere rimosse prima dello smaltimento. L’unico modo per compostare le bustine di tè o i filtri per il caffè è assicurarsi che siano fatti con materiali naturali come il cotone o la canapa.


4. Pane

Mentre i componenti del pane possono aggiungere sostanze nutritive al compost finito, il problema è che l’odore può attirare parassiti e insetti. Scartando gli avanzi di pane tostato è un ottimo modo per attirare procioni e altre creature affamate nel vostro cortile, creando un odore che nessuno nella zona apprezzerà.

Un po’ di pane ogni tanto non danneggia il fertilizzante, ma qualche crosta è diversa da una pagnotta ogni settimana.


5. Prodotti lattiero-caseari

Non aggiungere mai nulla del latte al fertilizzante. Questo include cose come yogurt, formaggio e gelato. L’odore dei latticini marci non solo attira i parassiti, ma cose come lo yogurt finiscono nei bidoni della spazzatura, diffondendo malattie.


6. Uova

Le uova sono un altro elemento che attira i parassiti. Detto questo, se avete il giusto mix di verde e marrone nel vostro compost, di solito potete aggiungere qualche uovo al contenitore.


7. Riso

Il riso rientra anche nella categoria degli alimenti che a prima vista potrebbe sembrare accettabile come fertilizzante, ma ripensateci. Promuove la proliferazione di batteri che possono essere dannosi per il fertilizzante. Il riso, cotto o meno, deve essere scartato (o dato in pasto al bestiame).


8. Cipolle e aglio

Se ci mettete qualche buccia di cipolla, vi prometto che non danneggerete il vostro compost, quindi non preoccupatevi. Ma le cipolle e l’aglio hanno un equilibrio chimico e un pH che sono dannosi per i vermi che lavorano duramente per rompere il vostro mucchio di concime. Lasciare gli scarti di cipolla e aglio nella spazzatura.


9. Carta lucida o patinata

Potete aggiungere alle vostre pile di compost molti prodotti di carta diversi, come giornali, vecchi tovaglioli di carta, fazzoletti di carta e cartone triturato. Dopotutto, la carta viene dagli alberi.

Detto questo, non tutte le carte sono create uguali. Molti tipi sono trattati con uno strato simile alla plastica, creando un aspetto lucido e lucido. Ad esempio, le riviste contengono carta patinata lucida. Le sostanze chimiche utilizzate per rivestire la carta contengono tossine e non sono adatte per un cumulo di compost.


10. Adesivi

Avete notato i diversi adesivi sulla frutta e sulla verdura? Gli adesivi possono essere usati per facilitare la spesa al supermercato, ma di solito sono in plastica o in vinile alimentare. Questo materiale non si biodegrada e queste piccole etichette sono facili da perdere. Ciò significa che bisogna fare attenzione quando si gettano i detriti di frutta nella compostiera.


11. Rifiuti di pesce e carne

È vietato qualsiasi prodotto proveniente da un animale, compresa la carne. Si stanno decomponendo bene. Storicamente, i nativi americani aggiungevano pezzi di pesce ai loro raccolti per aiutare la coltivazione del mais e di altri ortaggi. Il pesce e la carne sono biologici e portano sostanze nutritive nel vostro giardino, ma questo non elimina il problema più grande: l’odore.

L’odore di pesce e carne in putrefazione agisce come una calamita per ratti, volpi, gatti, procioni e altri parassiti locali. Questi animali saccheggeranno il vostro letame, alla ricerca di uno spuntino delizioso.

E poi, chi vuole avere a che fare con l’odore di carne e pesce marcio? Questo può essere fastidioso per i vostri vicini e per voi!


12. Ceneri di carbone

Non è una buona idea aggiungere le ceneri dei fuochi di carbone o le bricchette di carbone alla vostra pila di compost. Queste ceneri sono piene di zolfo, che può aumentare notevolmente il livello di acidità del vostro terreno. Rende le vostre piante dannose. Inoltre, le bricchette di carbone di legna sono spesso trattate con sostanze chimiche che non sono buone per il compostaggio.

Detto questo, potete aggiungere con moderazione la cenere di legna del vostro camino. Questa è la chiave del successo con la cenere – la moderazione. Anche queste ceneri sono un po’ ricche di zolfo, ma in genere non contengono sostanze chimiche.


13. Segatura trattata

Segatura e trucioli di legno sono utili aggiunte a una catasta di compost, ma devono provenire da legno non trattato. Se avete verniciato, tinto, dipinto o trattato a pressione il legno, non è sicuro aggiungerlo alla vostra pila di concime.

Tutti questi prodotti in legno contengono composti tossici che rallentano il processo di decomposizione o addirittura lo arrestano completamente. Inoltre, le sostanze chimiche possono penetrare nel terreno e interferire con i microrganismi. Questo potrebbe influire sulla salute delle piante quando lo aggiungete alle vostre aiuole.

Non mi credete? Il legno trattato a pressione contiene cadmio e arsenico, due tossine che non volete nel vostro giardino o nel vostro cibo!


14. Grandi filiali

I grandi rami sono una cattiva idea per un semplice motivo: ci vuole un’eternità per spezzarsi e decomporsi. In questo modo si ritarda il momento in cui è possibile utilizzarli nel lettino da giardino.

Potete ancora usare i rami nella vostra pila di compost, ma dovete coprirli di pacciame o spezzarli in pezzi più piccoli. Poi aggiungete questi piccoli pezzi di rami al vostro compost per farli decomporre più rapidamente.

I rami sono una buona fonte di carbonio, quindi non contarli tutti. Avrete bisogno di molto carbonio per bilanciare l’azoto quando aggiungerete tutti gli avanzi di frutta e verdura.


15. Prodotti chimici

Si vuole evitare il più possibile l’uso di prodotti chimici di sintesi. Ciò significa che tutto ciò che viene trattato con fertilizzanti sintetici, erbicidi o insetticidi deve essere tenuto fuori dalla compostiera. L’aggiunta di una qualsiasi di queste sostanze chimiche può causare problemi disturbando i microbi nel vostro terreno. Questo può danneggiare il prodotto finale del compost.


16. Prodotti per l’igiene personale

I prodotti per l’igiene, compresi gli assorbenti igienici, i panni e i tamponi, sono un terreno fertile per i batteri. Anche se alcuni prodotti possono sostenere di essere compostabili e biodegradabili, ciò non significa che possano essere aggiunti a una compostiera che alla fine finirà nel vostro giardino.


17. Strati

Probabilmente non penserete al compostaggio con i pannolini di plastica, ma anche i pannolini di stoffa non dovrebbero entrare nel compost. I batteri aderiscono agli strati e si infiltrano nell’intera pila di compost. L’ultima cosa che volete è un mucchio di concime finito pieno di batteri pericolosi che si diffonderanno alle verdure e alle erbe che nutrite la vostra famiglia.


18. Olio

Non versate olio da cucina o burro nella pila del compost. È un modo sicuro per invitare i parassiti a una festa.


19. Animali morti

Potreste pensare di poter gettare il vostro pesce rosso morto o il vostro topo morto dal vostro gatto nel concime, ma non è così. Per la stessa ragione per cui non si dovrebbero gettare i rifiuti di carne o pesce nella spazzatura, non cercare di concimare gli animali morti.


20. piante malate o invasive

Non volete perpetuare malattie o piantare inavvertitamente piante invasive nel vostro giardino mentre spargete il vostro concime, quindi non mettete piante malate o invasive nel contenitore.

Qualche foglia sana di edera inglese non farà male, ma le talee di rampicanti della Virginia o di piante di zucca malate possono diventare rapidamente un problema serio.


21. dadi

Le noci contengono juglone, che può essere tossico per le piante a dosi sufficientemente elevate. Non volete preoccuparvi di fare il concime, basta spargerlo nelle aiuole del giardino e danneggiare le piante che state cercando di coltivare.


22. panno

I coloranti, le sostanze chimiche e altre sostanze nocive presenti nei vecchi vestiti o nella biancheria possono influire sulla salute dei fertilizzanti. L’unica eccezione è il cotone biologico non tinto e non trattato. Sentitevi liberi di fare a pezzi e buttare via tutto quello che volete.


23. plastica

È ovvio che la plastica non deve andare nella compostiera, ma ciò che non è ovvio è quante cose contano come plastica. Gli indumenti in poliestere, nylon, rayon e acrilico sono tutti in plastica. Le gomme da masticare contengono plastica, proprio come i Tetra Pak (quei contenitori cerei, simili a carboidrati, in cui vengono inseriti frutta e succhi di frutta). La maggior parte dei contenitori biodegradabili contengono anche plastica.


24. lanugine di asciugatura

Alcuni dicono che si può fare il compost con la lanugine dell’asciugatrice, altri dicono che non si può. Potete provarlo e vedere come si adatta al vostro mucchio, ma sappiate che il vostro peluche probabilmente contiene della plastica (vedi sopra), a meno che non indossiate degli abiti di cotone.


Pensieri finali

Come potete vedere, sapere cosa non concimare è altrettanto importante, se non più importante, che sapere cosa è sicuro per il concime. Aggiungendo solo ingredienti sicuri al vostro compost, otterrete un compost finito, sano e ricco di sostanze nutritive che arricchirà il vostro giardino e vi permetterà di ottenere un raccolto più grande.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.