Suggerimenti

Potare un gelsomino: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

La potatura del gelsomino corrisponde ad una delle cure più importanti che dobbiamo dare a una pianta di questo tipo per coccolarla e farla fiorire al meglio .

Questa è un’azione che normalmente dovrai eseguire una volta all’anno , anche se ciò non ti esime dall’applicare piccoli tagli in momenti specifici.

Il motivo principale è che la potatura annuale ha lo scopo di ridurre le dimensioni del cespuglio e aiutare la crescita di nuovi germogli, mentre nel resto dell’anno viene utilizzata per rimuovere le parti danneggiate.

Non preoccuparti se ti sembra troppo lavoro perché con i dati che ti proponiamo di seguito, lo farai bene e con poco sforzo. Andiamo avanti.

Perché potare il gelsomino?

La crescita accelerata del gelsomino è uno dei temi a cui devi prestare maggiore attenzione se hai deciso di goderne. Trattandosi di una specie che si sviluppa sotto forma di rampicante , avrai sicuramente uno spazio specifico per essa e vorrai che vi rimanga.

Quindi la potatura è l’unica strategia che ti aiuterà a raggiungere questo obiettivo. Inoltre, tieni presente che questa azione stimola la fioritura . Ciò accade perché la potatura aiuta a gestire meglio i nutrienti internamente e a crescere gli steli più forti.

La potatura, invece, rappresenta un’azione elementare attorno al problema sanitario per eliminare tutte quelle parti che appassiscono o si seccano.

Quando è meglio eseguire la potatura del gelsomino?

La cosa normale è quella di aspettare fino a quando il freddo invernale si è conclusa per procedere con la potatura. In effetti, l’ inizio della primavera è il più consigliato per i principianti.

Tuttavia, per i giardinieri già esperti e che conoscono molto bene il comportamento del loro gelsomino, è comune che la potatura venga effettuata in autunno .

Entrambi i periodi danno alla pianta la possibilità di riprendersi attorno alle sue ferite senza soffrire il gelo, ma in autunno il rischio è maggiore.

Quali strumenti dovremmo usare per potare il gelsomino?

Gli strumenti di base per potare il gelsomino sono un paio di forbici da giardinaggio affilate e preventivamente disinfettate e un paio di guanti .

Se vuoi evitare possibili danni agli occhi da eventuali residui, puoi usufruire anche di occhiali protettivi.

Quali considerazioni dobbiamo tenere in considerazione quando potiamo il gelsomino?

In questo caso la potatura può essere considerata come una cura di bassa difficoltà a causa della forma che sviluppa il gelsomino. Quindi le considerazioni iniziali non sono così numerose. Basterà solo osservare attentamente il cespuglio prima di iniziare a tagliare .

Applicando questa raccomandazione sarà molto più facile avere un’idea mentale di ciò che speri di ottenere quando il processo sarà completato.

Come potare il gelsomino senza danneggiare la pianta?

La potatura del gelsomino è una delle più facili da eseguire rispetto ad esempio ad alcune specie di alberi da frutto. Qui l’opportunità di fare tutto bene, anche per i principianti, è molto alta e devi solo seguire i passaggi indicati di seguito:

  1. Ringiovanire la boscaglia eliminando tutte quelle zone che presentano eventuali danni . È comune che dopo la fioritura rimangano alcuni fiori appassiti, diverse foglie si secchino o si notino rami che mostrano debolezza o che non sono sbocciati. Tutto questo, rimuovilo.
  2. Controlla se la pianta ha sviluppato polloni o qualche tipo di ricrescita alla base del cespuglio . Questi, sebbene sembrino elementi indifesi, in realtà influiscono notevolmente sulla capacità nutritiva dell’esemplare, per cui vanno eliminati senza pensarci due volte.
  3. Quando il gelsomino è in fase di sviluppo, bisogna ridurre i gambi fino a portarli a 1 metro di altezza . In questo modo, permetterai alla pianta di iniziare il processo di sviluppo con maggiore forza. Nel caso delle versioni adulte è necessario concentrarsi solo sulla potatura dei rami secondari perché i principali saranno già strutturanti la pianta.
  4. Controlla se ci sono steli che si trovano in una cattiva posizione, che si scontrino o si impigliano tra loro. Ciò provoca stress sul cespuglio e influisce negativamente sulla sua salute. Esercita anche un’influenza molto negativa sullo sviluppo di una grande fioritura.

Ci sono considerazioni speciali che vale la pena conoscere sul gelsomino. La prima cosa è che è una pianta molto resistente , il che implica che può essere sottoposta a potature severe (se lo merita) senza mettere a rischio la tua salute.

Quando invece si tratta di una pianta che cresce attaccata a una superficie e non come un cespuglio, è meglio iniziare la potatura dal basso verso l’alto. Quando il gelsomino è un arbusto, è molto importante pulire l’interno per consentire alla luce e all’aria di penetrare. In caso contrario, possono essere ospitati funghi o batteri.

La cosa migliore è che dopo essersi ripreso dalla potatura, il passo successivo sarà aspettare che generi una grande fioritura e che aromatizzi tutto l’ambiente.

  • Cura del gelsomino rampicante: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Cura del gelsomino: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Irrigazione del gelsomino: [necessità, frequenza e procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.