Suggerimenti

Liquami organici: cosa sono, come agiscono, preparazione e conservazione.

Per migliorare il nostro sistema produttivo possiamo ricorrere ad una tecnica ancora meno diffusa ma molto efficace: la produzione di liquami. Ricordiamo che l’orto ecologico o biologico è un ecosistema e non solo un orto.

Con l’apporto del liquame aumentiamo notevolmente e manterremo la vitalità del nostro ecosistema produttivo.

Cosa sono i liquami?

Le purine sono fermenti preparati da erbe, resti vegetali o letame.

Come funzionano?

A seconda degli ingredienti, le purine hanno applicazioni diverse. Fondamentalmente forniscono enzimi, amminoacidi e altre sostanze al suolo e alle piante, aumentando la diversità e la disponibilità di nutrienti per loro.

Ma molto più importante di questo è il contributo dei microrganismi: preparando liquami siamo in grado di sviluppare «colture» di microrganismi, soprattutto batteri. Ogni liquame è una coltura specifica in cui determinati tipi di batteri si riproducono rapidamente in un ambiente favorevole al loro sviluppo. Quando innaffiamo il terreno con questi preparati, stiamo inoculando, «seminando» il terreno del nostro orto biologico con milioni di microrganismi che trasformeranno la materia organica del terreno in nutrienti specifici per le piante. Ciò migliorerà la disponibilità di nutrienti e quindi la salute, lo sviluppo e la produzione delle piante.

Quando si utilizza il liquame, si osserverà una diminuzione dei parassiti, un maggiore sviluppo delle radici nelle piante, una migliore crescita, una maggiore fissazione dell’azoto nel terreno e una maggiore disponibilità di carbonio nel terreno (colore più scuro della terra). Migliorerà, con l’applicazione regolare dello stesso, la struttura del suolo e la capacità di ritenzione dell’acqua.

La produzione di liquame facilita la propagazione e il mantenimento dei microrganismi necessari per un suolo sano. Permette di preparare un concentrato su una superficie ridotta che possiamo poi applicare su vaste aree di colture.

Le esperienze nella gestione dell’orto biologico con e senza l’applicazione di liquame hanno dimostrato che il numero di vermi è notevolmente maggiore se si utilizzano questi inoculanti. I test effettuati mostrano che i vermi migrano verso i settori in cui viene applicato il liquame.

Preparazione del liquame

La sospensione viene preparata in un contenitore non metallico. Può essere un secchio di plastica, un grande contenitore di vetro a bocca larga, un barattolo di ceramica o simili. Si mettono le erbe o altri ingredienti e si completa con acqua pulita, preferibilmente piovana (circa un chilo ogni dieci litri d’acqua). Se utilizziamo acqua del rubinetto che contiene cloro, la lasciamo riposare preventivamente per due giorni al sole.

Una volta preparati, i contenitori con la poltiglia e l’acqua vengono conservati in un luogo buio all’ombra, coperti in modo che non entri impurità ma possa entrare aria.

Ogni giorno il preparato viene mescolato energicamente per qualche minuto con l’aiuto di un bastoncino di legno, in modo che entri ossigeno in abbondanza, e si rivestisca.

Fasi del processo. Il processo di produzione può essere suddiviso in più fasi

1. Macerazione : inizia dal momento in cui iniziamo la preparazione. L’azione dell’acqua inizia ad estrarre le sostanze dal materiale vegetale e non c’è praticamente crescita batterica. Il processo di macerazione dura dalle dodici ore ai tre giorni, a seconda della temperatura ambiente.

Il preparato macerato viene utilizzato principalmente per applicare l’estratto delle erbe utilizzate, generalmente concentrato, e per combattere insetti o funghi infestanti.

2. Fermentazione: a causa dell’azione di funghi, lieviti e batteri, il materiale vegetale inizia a decomporsi. In questa fase cambia la composizione chimica del preparato, poiché le sostanze iniziali si trasformano in enzimi, amminoacidi e altri nutrienti per le piante. Con il progredire della fermentazione, le sostanze originarie diminuiscono, la popolazione dei batteri e i prodotti da essi ottenuti aumentano.

I preparati di fermentazione vengono utilizzati principalmente come fertilizzanti liquidi, per irrigare il terreno tra le piante o per irrorazione, generalmente non diluita, come fertilizzante fogliare.

3. Liquame maturo: Dopo una o due settimane i batteri hanno trasformato praticamente tutto il materiale disponibile. C’è una concentrazione minima di sostanze originarie, pochi nutrienti (anche questi sono stati consumati per la maggior parte dai batteri) e una concentrazione di batteri molto alta (da 300 a 2000 milioni di batteri aerobici per milligrammo di preparato). Se all’inizio potrebbe esserci una diversità di batteri, man mano che il processo di fermentazione progredisce, una specie sostituisce le altre. La coltura di batteri che si sviluppa dipende dal tipo di materiale vegetale che utilizziamo inizialmente. La preparazione è pronta quando il materiale originario è completamente sciolto (lasciando solo i gambi o altre parti dure).

Il liquame maturo viene generalmente utilizzato per inoculare i batteri nel terreno, innaffiando il preparato diluito in 10-20 parti di acqua (senza cloro, per evitare di uccidere i batteri). In alcuni casi viene spruzzato in forma concentrata per combattere i parassiti.

Conservazione:

Nel frutteto potremo solo conservare, per un tempo limitato, il liquame maturo.

Si conservano in un contenitore non metallico (ad esempio fusti o damigiane), in un luogo fresco e buio. Copriamo il contenitore in modo che non si contamini ma lasciamo entrare l’aria. Scrivere su ogni contenitore il contenuto dello stesso e la data di produzione.

.

Alcuni fanghi consigliati:

* Ortica

Quantità: U n Kilo foglie e steli di pianta fresca o 200 gr. ortica essiccata in 10 litri d’acqua

Macerato: Si applica puro su tronchi e rami come protezione contro gli afidi.

In fermentazione: All’inizio della primavera e nel tardo autunno viene spruzzato su rami e foglie per prevenire acari e afidi. Diluizione 1:50 in acqua.

Matura : in una diluizione 1:20, le tavole vengono annaffiate dopo la semina o il trapianto. Stimola la crescita. Se ne usiamo solo una piccola parte, reintegriamo l’acqua nel contenitore. In questo modo avremo liquame di ortica dalla primavera fino all’inverno inoltrato.

.

* Equiseto (Equisetum arvense)

Quantità: Mezzo chilo di equiseto fresco (o 150 gr secco) in 5 litri d’acqua. Si fa bollire per mezz’ora. Una volta freddo si versa nel recipiente a marinare e si aggiungono altri 5 litri di acqua.

Macerato: Si spruzza sulle piante per prevenire o combattere l’attacco di funghi e insetti

In fermentazione: può essere utilizzato per annaffiare piante e piantine appena trapiantate per prevenire funghi, in diluizione 1:20

Matura: in una diluizione 1:20, le tavole vengono annaffiate dopo la semina o il trapianto, ad una settimana dall’applicazione della poltiglia di ortica. Previene l’attacco di funghi e insetti.

Osservazioni: L’ equiseto va raccolto verso la fine dell’estate, quando inizia a ingiallire. Quindi ha il più alto contenuto di silice. Prestare attenzione quando si spruzza con oggetti di vetro (orologio, occhiali o occhiali), poiché potrebbero macchiarsi.

* Pomodoro (Lycopersicum suculentum)

Quantità: Un chilo di foglie e steli della pianta fresca in 10 litri d’acqua.

Macerato: Si applica sul cavolo cappuccio per prevenire l’attacco della mosca del cavolo cappuccio.

Matura: in diluizione 1:20 si annaffia intorno alle assi e sul perimetro di tutto il giardino. È un potente repellente per insetti (formiche).

* Camomilla: (Matricaria chamomilla)

Quantità: 500 g di fiori freschi o 50 g di fiori secchi in 10 litri d’acqua. Per accelerare il processo, vengono prima versati sui fiori due litri di acqua calda e lasciati raffreddare. Quindi si aggiunge il resto dell’acqua.

Macerare: quando si producono piantine o piantine, le talee e i segmenti vengono inumiditi nel macerato prima di piantarli. Anche le piantine appena fatte o trapiantate possono essere spruzzate per proteggerle dai funghi. Si consiglia di annaffiare il terreno delle piantine al momento della semina, soprattutto se utilizziamo il compost, per prevenire l’attacco dei funghi.

In fermentazione: Spruzzare durante l’inverno e l’estate su piante sensibili ai funghi (pomodori, zucca o zucca, ecc.). Diluizione 1:50 in acqua.

Matura: in una diluizione 1:20 le tavole vengono annaffiate, soprattutto quando abbiamo un eccesso di umidità, per prevenire i funghi.

* Paradiso

Quantità: 500 g di foglie verdi o frutti maturi (colore giallo) (a seconda del periodo dell’anno) in 10 litri d’acqua. Puoi aggiungere qualche rametto di timo e lavanda (fungicida)

Macerato: Si prepara allo stesso modo del letame di camomilla. Il macerato viene utilizzato puro per combattere l’attacco degli insetti in genere, in particolare delle formiche, spruzzando sulle piante attaccate. Viene utilizzato anche per lavare il pavimento di casa per le sue proprietà disinfettanti e perché combatte le pulci.

In fermentazione : La fermentazione è più lenta di quella delle altre purine, ed è accelerata con l’aggiunta di timo. Viene diluito 1 su 10 e annaffiato intorno alle tavole e sui sentieri delle formiche.

M aduro: Diluito 1 su 20, viene spruzzato sulle piante e scaricato nei formicai della formica nera.

Osservazioni: il paradiso è tossico per altri animali che possono vagare per il giardino (cani, gatti, ecc . ) .

* Ruda (maschio o femmina)

Quantità: 300 g di foglie fresche in 10 litri d’acqua

Macerato : Puro. Viene spruzzato per combattere gli afidi, specialmente quelli sui cavoli.

M aduro: Diluito 1 in 20, spruzzato contro gli afidi.

Rete di frutteti

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.