Suggerimenti

Come moltiplicare gli impianti a strati con un minimo di lavoro

Quando ho iniziato a lavorare nella fattoria, avevo solo circa un acro ¼ per coltivare il cibo. Ne ho conservato un po’ per usarlo come orto. Ho poi messo da parte il resto dello spazio per fare un mini orto di frutta ed erbe aromatiche.

Come il mio budget mi permetteva, ho comprato uno o due alberi da frutta, ho ordinato delle viti, ho raccolto delle erbe al negozio di ferramenta. In meno di un anno, piantando “qua e là”, avevo riempito la maggior parte del mio spazio.

Quando mi sono trasferito in una proprietà rurale di 10 acri, di cui due ettari e mezzo di terreno potenzialmente coltivabile, ho cercato di adottare lo stesso approccio. Un anno dopo, avevo riempito solo ¼ con un ettaro o 110 dei nostri terreni sgomberati.

Se avessi continuato con questa strategia, mi ci sarebbero voluti dieci anni per trasformare la nostra casa in un incredibile paesaggio commestibile. Nel frattempo, avrei passato tutto il mio tempo a combattere le erbacce e a cercare di impedire che la foresta inghiottasse la nostra terra disboscata. Mi sarebbe anche mancato il paesaggio lussureggiante che avevo creato nel mio piccolo giardino.

Non sono una persona così paziente. Così ho preferito guardare nei libri – libri di giardinaggio – e ho scoperto come trasformare rapidamente alcune piante in poche centinaia.

Ho creato molte piante dai semi. Ho anche fatto visita a tutti i miei amici giardinieri e ho preso delle talee dalle loro piante per farle a casa. Questi metodi hanno funzionato molto bene.

Ma avevo ancora bisogno di molte altre piante per riempire il nostro spazio.


Cos’è la stratificazione?

In orticoltura, la stratificazione è un metodo di propagazione delle piante che stimola la crescita delle radici su uno stelo che si trova fuori terra, pur rimanendo attaccato alla pianta madre e poi staccato come pianta separata.

La stratificazione è il metodo di propagazione più semplice ed efficace perché, a differenza delle talee, le nuove piante continuano ad essere sostenute dai genitori fino a quando non sono pronte a vivere da sole.

La stratificazione è in origine un processo naturale. Se avete mai coltivato pomodori o tomatillo e li avete fatti piegare e far crescere nuove radici dai loro steli, allora avete già una buona idea di come funziona questa tecnica.

Quando i giardinieri propagano una pianta a strati, sono portati a credere che sia giunto il momento di procedere a strati. Quando il fusto e le foglie della pianta cambiano direzione, la distribuzione degli ormoni e l’orientamento della pianta vengono interrotti, in modo che una parte della pianta vuole crescere verso il sole, e le altre parti vogliono sprofondare nel terreno.

Poi, quando il fusto della pianta è a contatto prolungato con il terreno, radica naturalmente.


Piante che si diffondono a strati

Le piante come il pomodoro e il tomatillo sono strati spessi. Si diffondono facilmente e attecchiscono naturalmente. Molte piante della famiglia delle mentine sono anche soggette alla formazione di strati.

Altre piante, invece, non lo sono. Hanno bisogno di un piccolo incoraggiamento per stabilirsi e creare una nuova pianta nel bel mezzo della stagione di crescita.

Con un piccolo incoraggiamento, è possibile stratificare la maggior parte dei vostri cespugli di frutta come mirtillo, lampone, mora, goji, uva spina, uva spina, uva spina e molti altri. Le piante di vite come l’uva e il kiwi sono facili da stendere a strati. È possibile anche stratificare arbusti come sambuco, mora e agrumi (limone, lime, ecc.)

Anche le erbe a crescita lenta come la lavanda, il rosmarino, l’alloro e altre sono ottime scelte per i rivestimenti. Anche piante decorative come ortensie, forsythia, mirto, corniolo e altri arbusti ornamentali sono perfetti per questa tecnica.


Le piante NON si propagano in strati

Non si dovrebbe cercare di usare questa procedura per creare nuove piante da tutto ciò che è stato innestato. Molti alberi da frutto e alcune viti sono realizzati coltivando varietà più saporite utilizzando un robusto portainnesto, aggiungendo un altro fusto alla sommità di un innesto. Un albero innestato si distingue per il bulbo in basso sotto l’innesto più sottile in alto.

Se le piante innestate vengono sovrapposte, la gustosa pianta verrà coltivata sul suo portainnesto, che probabilmente sarà debole e soggetto a malattie. L’introduzione di piante così deboli nel vostro giardino invita le malattie e gli agenti patogeni a prendere piede.

Si vogliono anche evitare piante a strati che sono brevettate. Le piante brevettate devono essere contrassegnate come tali in qualsiasi materiale pubblicitario utilizzato dal proprietario o dai suoi licenziatari. Se conoscete il nome della varietà di pianta, potete verificare con i rivenditori online se le piante sono brevettate.


Come incoraggiare una pianta a fare gli strati

Ora che sapete quali tipi di piante potete e non dovreste stendere a strati, è il momento di iniziare a stenderle. È possibile creare le condizioni perfette per la stratificazione per produrre rapidamente più piante in tre semplici passaggi.


Fase 1: Preparare il terreno

Come per piantare un seme o uno stelo tagliato, si otterranno i migliori risultati se si posiziona la pianta in un terreno ben preparato. Si può fare direttamente nel terreno vicino alla pianta madre. Si può anche mettere uno strato in un vaso di buona terra.

Nota: Se si utilizza un vaso, come nel giardinaggio in contenitore, sarà necessario innaffiare il vaso più spesso che se viene collocato direttamente nel terreno. Questo perché i contenitori di terriccio si svuotano più velocemente del terreno.


Fase 2: Inclinare l’impianto

Questa è la parte più difficile della stratificazione. Bisogna piegare la pianta senza romperla.

– Tecnica di impianto flessibile

Con piante che hanno braccia lunghe come more, viti, bacche di goji, kiwi e altre, potete raccogliere un braccio lungo e inarcarlo delicatamente nel vostro terreno preparato. Capovolgere completamente le foglie è un modo sicuro per far attecchire la pianta.

– Tecnica per arbusti o cespugli

Per gli arbusti e le piante che rischiano di rompersi o spaccarsi se si piegano, è necessario posizionare con attenzione il fusto della pianta ad un angolo di 90º (o più) quando la linfa della pianta è alta. Non cercate di farlo quando la pianta è dormiente, soffre di siccità o fioritura, perché sarà più fragile.

Per le piante che hanno steli rigidi, come il rosmarino, la lavanda, le bacche di aronia, i fichi, il ribes, i frutti di mare, le bacche di sambuco e altri arbusti, pianificare di disporli a strati prima che la pianta fiorisca. La tarda estate o l’inizio dell’autunno è un buon momento per mettere i gambi più rigidi uno sopra l’altro, in quanto questo è quando le piante conservano i nutrienti per la dormienza invernale.

– L’approccio a più fasi

Potrebbe anche essere necessario farlo per gradi. È possibile piegare un ramo o uno stelo parzialmente verso terra e tenerlo in posizione attaccandolo a un mattone.

Date alla pianta qualche giorno per riprendersi. Poi, dopo una buona pioggia o un’annaffiatura profonda, piegare il gambo in modo che sprofondi nel terreno o nel vaso.


Fase 3: Tenere l’impianto a strati

Alcune piante hanno un forte desiderio di alzarsi e di crescere al sole. Per far sì che rimangano giù e si rilassino abbastanza a lungo da attecchire, è necessario applicare un peso per tenerli in posizione.

Uso pentole rotte, mattoni, pietre, contenitori per l’acqua o qualsiasi altra cosa che ho a disposizione. Mi piace anche usare cose che si stagliano nel paesaggio, così mi ricordo che stendo qualcosa a strati e non taglio accidentalmente il mio raccolto quando taglio l’erba.

Per ottenere i migliori risultati, rimuovere i fogli dalla sezione in cui si posizionano gli strati. Coprire il nodo (l’area dove sono cresciute le foglie) con terra. Quindi posizionare il peso appena sopra il nodo coperto di terra.


Come separare i vostri nuovi impianti

Alcune piante si sovrappongono rapidamente. Altri impiegano mesi per mettere radici. In molti casi, le piante che crescono rapidamente attecchiscono più velocemente di quelle che crescono lentamente. Più si utilizza questa tecnica, meglio si capisce quando una pianta è pronta a separarsi dalla sua pianta madre.

Quando sospetto che possa avere buone radici nella nuova pianta, tolgo il peso e tiro leggermente sul fusto della pianta. Se c’è una buona resistenza, allora scaverò intorno alla base per avere un’idea di quanto bene sia radicata la nuova pianta.

Quando sembra che io abbia almeno 1 o 2 cm di massa radicale intorno e sotto il nodo, faccio una tacca tra la pianta madre e la pianta a strati.

Poi do alla pianta qualche settimana per riprendersi dalla separazione dalla pianta madre. Ho dissotterrato e trapiantato la mia pianta a strati nello stesso momento in cui l’ho tagliata. Tuttavia, ho imparato che le nuove piante crescono meglio e soffrono meno lo shock del trapianto se do loro qualche settimana in più nel terreno dopo che le ho tagliate via dai loro genitori.

La vostra nuova pianta avrà radici più basse rispetto alla pianta madre. Quindi, dopo la talea, annaffiare regolarmente in modo che queste nuove radici non si secchino.


Trapianto e cura delle vostre nuove piante

Una volta che le piante sono state stratificate, trattatele come un nuovo acquisto presso il garden center.

Piantateli in terreno preparato. Annaffiare regolarmente fino a quando le piante non ricominciano a crescere. Pacciame per mantenere umide queste giovani radici. Seguite anche le istruzioni di coltivazione specifiche per la vostra pianta.

Per esempio, alcune piante hanno bisogno di fertilizzante qualche mese dopo la semina. Alcune piante hanno bisogno di un pH specifico del terreno per crescere bene. Altre piante hanno bisogno di molto fertilizzante per ottenere buoni risultati.

Le vostre piante, a partire dagli strati, per crescere bene devono ricevere la stessa cura di una pianta acquistata in vaso.


Diversi metodi di stratificazione delle piante

C’è più di un tipo di strato. Ne abbiamo già parlato, ecco alcuni metodi diversi che potreste voler conoscere e provare.


1. singolo strato

Come suggerisce il nome, è il più semplice di tutti i metodi di stratificazione. In realtà, il metodo discusso sopra è esattamente ciò che è la semplice stratificazione.


2. Strato di punta

Assomiglia molto a una semplice sovrapposizione, solo che invece di piegare il centro della pianta, usiamo la punta. Questo metodo funziona al meglio per piante con steli rigidi e piccole piante con steli corti, per dare un po’ di spazio alle nuove piante.


3. Strato di serpentina

Questo metodo funziona al meglio per le viti o le piante affini, come l’uva. Con strati di serpentina, la vite viene piegata e sepolta più volte nel terreno, producendo più piante nuove da un unico fusto.


4. Strato di monticelli

Per utilizzare il metodo dello strato di monticello, il fusto principale della pianta deve essere prima tagliato ad un centimetro dal suolo durante il suo periodo di dormienza. La prossima primavera ne vedrete nascere molti nuovi germogli. Se ciò accade, coprite o ammucchiate i germogli con del terriccio e le radici cresceranno dai germogli coperti. Poi, durante il successivo periodo di dormienza, è possibile rimuovere i germogli appena radicati.

Questo metodo funziona al meglio per piante a fusto spesso, arbusti e alberi da frutto.


5. Strato d’aria

A differenza dei tre metodi di stratificazione del suolo, la stratificazione dell’aria non richiede affatto il suolo. Ecco perché funziona meglio con piante alte e alte.

La stratificazione aerea consiste nel pelare la corteccia di un gambo dritto e sano di 1 o 2 anni, ricoprendola con una buona quantità di muschio di sfagno umido o di cocco, avvolgendola nella plastica e sigillando entrambe le estremità. Controllate regolarmente, e dovreste vedere i segni di nuove radici all’interno del pacchetto entro un anno. Quando è pronto, rimuovere l’involucro e tagliare il gambo.


Ridurre il budget dell’impianto grazie alla stratificazione

Ora che conoscete la tecnica, potete utilizzarla per aumentare rapidamente la vostra popolazione vegetale con la giusta strategia.

Suggerimento 1: Compra 2 Prendi 10, 15, 20…

Volevo avere circa 20 kiwi nella mia proprietà. Tuttavia, costano circa 20 euro ciascuno per il vivaio di paesaggi commestibili. Così ho comprato una pianta maschio e una femmina (la maggior parte dei kiwi hanno bisogno di piante sia maschio che femmina per produrre frutta).

Ho piantato questi kiwi in primavera e ho iniziato a coprirli in autunno. Poi, la primavera successiva, ho scavato le nuove piante e le ho sparse nel mio paesaggio.

Acquistate una di ogni varietà di piante che volete per iniziare. Cercate di ottenere i più grandi e vitali esemplari di piante che riuscite a trovare. Una volta che è sano e cresce vigorosamente nel vostro giardino, usatelo per piantare nuove piante.

Se il vostro impianto richiede un’impollinazione incrociata, assicuratevi di acquistare almeno due piante diverse adatte all’impollinazione incrociata.

Consiglio 2: Iniziate con una pianta madre sana

Non cercate di sovrapporre piante malsane. La sovrapposizione degli strati sottrae energia alla pianta madre. Inoltre, le piante a basso rendimento hanno spesso problemi di salute di fondo che possono essere trasmessi alle piante a strati. Diffondere solo il meglio del meglio.

Suggerimento 3: Utilizzare buone pratiche di cura delle piante durante la stratificazione

Come per la propagazione delle piante con qualsiasi altro metodo, questo funziona bene solo se la pianta è ben curata mentre si sta affermando. Cercare di far crescere una pianta da seme senza un’annaffiatura regolare non funzionerà bene. L’installazione di un impianto non è diversa.

Il vostro terreno deve essere sempre fertile e umido per ottenere i migliori risultati. Si dovrebbe anche applicare uno strato quando le piante sono al loro meglio, non quando sono stressate dalla siccità o da piogge eccessive, ecc.


Forza, scendi!

Una volta presa la cimice del pannolino, avrete piante che grufolano in tutta la vostra proprietà per tutto il tempo! Dopo aver imparato questa tecnica, ho trasformato il mio giardino in un percorso ad ostacoli virtuale con tutti i bracci delle piante.

In base alla mia esperienza personale, vi incoraggio ad essere responsabili. Mantenere le piante a strati sulle strade, sui sentieri di falciatura e in altre aree ad alto traffico. Non usate – ripeto – non usate i vostri buoni bicchieri e piatti come pesi a strati. (Fidati di me!)

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *