Suggerimenti

Progetta il tuo giardino. Come organizzare l’orto e iniziare a coltivare

L’installazione di un nuovo giardino non è un compito che può essere improvvisato. Per pianificare il giardino,  devi prima prendere in considerazione e decidere diversi punti chiave. È importante sapere come organizzare un giardino e decidere alcuni aspetti, come l’ orientamento o le specie che possono essere piantate, prima di iniziare a coltivare .

Oggi vedremo le cose più importanti da considerare e decideremo di progettare l’orto e iniziare a coltivare in casa .

Come organizzare un giardino passo dopo passo 

Come abbiamo visto nell’introduzione, ci sono diverse cose importanti da decidere quando pianifichi il tuo giardino prima di iniziare a coltivare. Vediamo quali sono questi primi passi per organizzare da zero il giardino

1. Orientamento del giardino Dove posizionarlo?

Dove mettere il giardino? Ci sono molte opzioni, ma la cosa principale è che è un luogo soleggiato , con accesso all’acqua di irrigazione (se scegliamo di installare un sistema di irrigazione automatico), e non soggetto a un vento prevalente. 

Se abbiamo intenzione di posizionare il frutteto sul tetto o in qualche altro luogo con forte vento o pieno sole durante tutta la giornata, potrebbe essere necessario posizionare qualcosa che li mitiga, come un telo ombreggiante o delle reti per proteggere le colture

Con l’ orientamento nord-sud la luce viene sfruttata meglio durante il giorno, ma ci sono piante, come le verdure che hanno bisogno di poco sole , che non hanno bisogno di troppa luce. 

2. Quali piante coltivare in giardino

Ci sono molte opzioni, non solo le verdure e le verdure tipiche . Nei frutteti vengono piantati anche fiori, piante aromatiche, siepi di frutti selvatici e altre piante benefiche che favoriscono la biodiversità e ci aiuteranno a tenere lontani i parassiti.

La scelta delle piante da giardino tiene conto di molti aspetti (li dettagliamo di seguito, nell’ultima sezione del post, dove vedremo più nel dettaglio quali piante si possono seminare) .

3. Dimensioni del giardino

A seconda della produzione che vogliamo ottenere e dello spazio a disposizione, determineremo le dimensioni del nostro giardino. Esistono diversi tipi di giardini a seconda dei contenitori di coltura o della loro collocazione, e questo dipende dallo spazio che abbiamo per installare il giardino.

Se abbiamo un terrazzino possiamo realizzare, ad esempio, un orto sui tavoli di coltivazione . Per i piccoli spazi vanno benissimo frutteti verticali o vasi da fiori , mentre se abbiamo un giardino piccolo possiamo optare per il giardino su terrazze . (Maggiori informazioni nel post sulle tipologie di orti urbani ).

4. Scegli recipienti di coltura

Nel caso in cui non disponiamo di un piccolo appezzamento di terreno per allestire il giardino su terrazze o a terra, dovremo optare per i contenitori di coltivazione .

Ci sono molte opzioni: tavoli da coltivazione, vasi in ceramica, vasi biodegradabili, contenitori riciclati, fioriere, sacchetti in geotessile… Nel post sui tipi di contenitori per colture puoi trovare queste e altre idee per organizzare il giardino in un piccolo spazio .

5. Scegli il sistema di irrigazione

Esistono diversi tipi di sistemi di irrigazione per il giardino, anche se i più consigliati e comuni negli orti biologici sono i sistemi di irrigazione localizzata che favoriscono il risparmio idrico, come l’irrigazione a goccia, la microaspersione o il nastro essudato.

Se non abbiamo un giardino molto grande, possiamo scegliere di annaffiare manualmente con un annaffiatoio o con un tubo (risparmieremo di dover pianificare l’impianto di irrigazione).

6. Mettere le colture in giardino

Dobbiamo pianificare il telaio di impianto o la distanza tra le piante a seconda della specie che abbiamo scelto (dimensioni delle piante e tipo di radici).

Bisogna anche tener conto della compatibilità o incompatibilità tra specie (ci sono ortaggi che non vanno messi insieme e altri che hanno associazioni benefiche con certe piante).

Per scegliere la migliore collocazione delle piante in giardino, ci aiuterà molto la tecnica dell’associazione di colture compatibili di cui parleremo nell’ultima sezione del post.

7. Pianifica la semina e la semina

Per i giardinieri principianti o con poca esperienza, si consiglia di acquisire le piantine o piantine in vivai o garden center, poiché sarà necessario acquistare solo il numero di piante che vogliamo coltivare.

Se utilizzeremo i semi perché preferiamo iniziare la coltivazione da zero, normalmente dovremo prima realizzare dei semenzai qualche tempo prima della semina (soprattutto nel caso di colture delicate).

Quando si fa un semenzaio domestico, la qualità del seme è molto importante , quindi è meglio acquistare semi biologici certificati, che garantiscano l’assenza di sostanze chimiche aggiunte e modifiche genetiche, o l’ottenimento di semi dal nostro raccolto, questo compito deve essere effettuato con le conoscenze adeguate per l’estrazione dei semi in ciascuna specie. (Nel Capitolo 1 del  Manuale GRAMA –  vedi Bibliografia – i processi di estrazione del seme sono specificati in base alla famiglia di appartenenza della pianta).

8. Scegli il tipo di substrato e fertilizzante

Se l’opzione scelta per coltivare l’orto urbano è stata quella di utilizzare contenitori di coltura (tavoli rialzati, vasi da fiori, fioriere, contenitori riciclati, ecc.), devi procurarti il substrato per riempirli.

Puoi acquistare un substrato universale o creare il tuo substrato ideale mescolando componenti come sabbia, humus, compost, fibra di cocco, ecc. Hai tutte le informazioni sui terreni per frutteti nel post ¿ Qual è il miglior substrato per l’orto ?

9. Pianifica il lavoro di coltivazione

Dopo aver pianificato il giardino tenendo conto della specie scelta, dei contenitori di coltivazione, del tipo di irrigazione, ecc. è ora di iniziare a coltivare.

Dopo la semina e la semina, dobbiamo svolgere alcuni compiti per mantenere le piante sane, come prevenire i parassiti o proteggere il suolo . Nel post sui tipi di attività di coltivazione per prendersi cura delle piante da giardino troverai maggiori dettagli su queste attività che è importante sapere se vogliamo anticipare gli strumenti o il tempo che ci servirà per svolgere il giardino.

Scegliere le colture da giardino: quali piante possono essere piantate

Utilizzo di specie diverse contribuiscono alla sostenibilità e aumenta la biodiversità e favori Inter lotta g parassiti porto , non solo per la varietà di piante, ma anche dalla diversità di insetti utili che attraggono.

Nella scelta delle piante da piantare in giardino può essere utile pensare a piante  meno comuni in commercio o più costose  e a quelle  più facili da coltivare  (oltre ai nostri gusti, ovviamente!). Ecco un paio di elenchi che ho tratto dal libro «Sustainable urban garden » (Pérez e Velázquez, 2013):

  • Piante facili da coltivare e relativamente più costose sul mercato: bietole, broccoli, zucchine, cavolini di Bruxelles, spinaci, frutti di bosco, fave, fagioli, lattuga, rape, porri, barbabietole, piselli.
  • Piante economiche sul mercato e difficili da coltivare : sedano, aglio, zucche, cipolle, cavolfiori, piselli, meloni, patate, pomodori, carote.

Si consiglia di piantare qualche tipo di  legume  (fagioli, fave, lenticchie, piselli…), poiché apportano naturalmente azoto al terreno e riducono così la necessità di apporti esterni. Negli articoli sulla rotazione delle colture e sull’associazione puoi trovare combinazioni più vantaggiose che ti aiuteranno a scegliere quali specie coltivare in giardino.

Esistono molte varietà diverse per ogni specie ma, quando possibile, scegliete varietà locali , che si svilupperanno meglio e saranno più resistenti a parassiti e malattie (Vedi articolo sulle varietà locali ).

È interessante tenerne conto quando si scelgono le colture nel nostro giardino per conoscere la compatibilità tra le piante. Per progettare l’orto è importante pensare di accostare colture compatibili e allontanare quelle incompatibili. Questa tecnica di associazione colturale è molto vantaggiosa perché:

  • Aumenta la resa del raccolto (otterremo più raccolto).
  • Aumenta la concentrazione dei nutrienti nel suolo e migliora il suo utilizzo e quello di altre risorse come la luce o l’acqua.
  • Aiuta a ridurre gli attacchi di parassiti e malattie e la proliferazione delle erbe infestanti.

Quando si organizza l’orto è fondamentale sapere quali piante abbiamo scelto sono adatte ad essere coltivate insieme e quali no. In questo articolo abbiamo dedicato Associazioni colturali: compatibilità tra piante . Inoltre, hai maggiori informazioni sulle colture utili in giardino nel post Quali piante coltivare in giardino , che consiglio anche di leggere.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *