Suggerimenti

Irrigazione del carciofo: [Necessità, frequenza e procedura]

Le piantagioni di carciofi sono molto popolari in Spagna perché hanno le condizioni climatiche più ideali.

Applicare le cure corrette sarà il modo più sicuro per ottenere un raccolto straordinario.

L’irrigazione del carciofo è un passaggio fondamentale in tutto questo processo perché sarà adattabile a seconda della fase in cui si trova la coltura.

Ora, come vengono definite queste fasi, con che frequenza dobbiamo annaffiare e quali sono i problemi associati all’irrigazione? Vedremo tutto ciò di seguito.

Punti importanti quando si innaffia un carciofo:
  • Frequenza di irrigazione: giornaliera o bimestrale a seconda delle condizioni della coltura al momento della produzione. Quando non produttivi, possono essere applicati ogni 4 giorni.
  • Metodo di irrigazione: preferibilmente a goccia. È anche possibile applicare l’ irrigazione a pioggia oa tappeto in sua assenza.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: preferibilmente al mattino.
  • Identificare l’acqua in eccesso: molto incline al marciume radicale.
  • Identifica la mancanza d’acqua: carciofi di scarsa qualità, defogliazione, morte delle piante perché non tollera la siccità.

Che esigenze irrigue ha il carciofo?

L’umidità del substrato è una condizione che il carciofo richiede durante la sua fase di crescita . Per questo motivo è necessario annaffiare frequentemente. Ciò significa che i rischi non sono cure che devono essere accantonate o gestite secondo criteri propri, ma devono rispondere a uno schema di lavoro.

Oltre a ciò, occorre prestare estrema attenzione per evitare allagamenti, quindi l’irrigazione deve essere lavorata come un perfetto binomio di frequenza e quantità d’acqua.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nel carciofo?

I carciofi che non hanno ricevuto una quantità sufficiente di acqua durante il processo di formazione e crescita saranno influenzati dalla qualità dei loro frutti .

Sarà presente anche la defogliazione che comincerà a manifestarsi dalle foglie più giovani a quelle più vecchie.

Se, anche così, lo stress idrico non viene rivisto e attaccato, la pianta finirà per morire in un tempo relativamente breve poiché non tollera la siccità. Quando è ancora possibile risolvere questa situazione, è necessario applicare un’irrigazione profonda e lenta.

Questo permetterà al terreno di assorbire poco a poco il liquido e di raggiungere le radici, che saranno quelle che dovranno fare il lavoro di trasporto. Le irrigazioni che seguono devono conservare la stessa struttura irrigua stabilita per il tempo di sviluppo della pianta.

Ogni quanto bisogna innaffiare il carciofo?

La frequenza dell’irrigazione sarà determinata dallo stadio di coltivazione in cui si trova il carciofoLa stagione vegetativa sarà la più impegnativa di tutte, potendo stabilire un’irrigazione giorno per giorno oppure ogni due giorni a seconda delle condizioni della coltura stessa.

Questo però non esime il terreno dall’essere leggermente umido al momento della semina, in quanto un deficit potrebbe danneggiare le radici dell’esemplare. Nei periodi in cui la pianta non è in pieno regime di produttività, le innaffiature possono essere distanziate ad una ogni 4 giorni , circa.

Qual è il modo migliore per innaffiare il carciofo?

Il carciofo accetta diversi metodi di irrigazione, come a coperta, a pioggia oa goccia. Ognuno presenta vantaggi per le colture utilizzabili da prospettive diverse.

Tuttavia , l’irrigazione a goccia è quella che offre le migliori caratteristiche per diversi motivi:

  1. Aiuta l’acqua a raggiungere il raccolto in modo più efficiente rispetto ad altri metodi.
  2. Copre l’intero terreno dove si trova il sistema di installazione, potendo avere una portata migliore.
  3. Evita l’umidità su fogliame, fiori e frutti, riducendo così le possibilità di comparsa di funghi e il rischio di scottature.
  4. Promuove una crescita più rapida delle colture, senza problemi strutturali.
  5. Facilita l’attuazione delle concimazioni localizzate, riducendo la perdita che è frequente in altre forme di irrigazione applicate al carciofo.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nel carciofo?

Una pianta di carciofo che viene sottoposta ad annaffiature eccessive può manifestare marciumi radicali , poiché sono molto inclini a questa condizione. La mancanza di vigore nella pianta e nei frutti, così come nei fusti , sarebbe un altro fattore da considerare come eccesso di acqua di irrigazione.

Lasciare asciugare un po’ il substrato prima di annaffiare di nuovo sarà l’unica soluzione. Per evitare questi problemi, i coltivatori professionisti di questa specie consigliano l’uso di misuratori di umidità.

In questo modo sarà molto più facile rilevare eventuali deficit o eccessi che si manifestano. Tieni inoltre presente che l’acqua con cui fornisci l’irrigazione avrà un livello di impatto, quindi scegli meglio quelle a basso contenuto di sali.

Con un buon sistema di irrigazione del carciofo e l’uso del resto delle cure, il tuo raccolto sarà degno di applausi.

Fonti e riferimenti bibliografici

  • https://biblioteca.inia.cl/bitstream/handle/123456789/6694/NR40937.pdf?sequence=1
  • https://riunet.upv.es/bitstream/handle/10251/91187/1422-2285-2-PB.pdf?sequence=1
  • http://repositorio.lamolina.edu.pe/bitstream/handle/UNALM/2089/F04-T677-T.pdf?sequence=1
Forse ti interessano anche:
  • Talee di carciofo: [Concetto, Stagione, Radicazione e Semina]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.