Suggerimenti

La biomassa è davvero un’energia rinnovabile?

L’uso eccessivo di questa fonte di energia rappresenta una minaccia per le terre fertili e le foreste.

Un rapporto di Friends of the Earth rivela la necessità di limitare l’uso della biomassa come fonte di energia. Nonostante sia conosciuta come fonte di energia rinnovabile , il documento indica che, se non si stabiliscono limiti e criteri nella sua definizione, la biomassa comporterebbe un uso eccessivo di terreni coltivabili e boschivi.

La biomassa può essere una fonte di energia in più tra le rinnovabili da utilizzare, ma con grandi limitazioni, poiché se raddoppiasse il suo attuale utilizzo nel 2030, sarebbe necessario utilizzare la terra equivalente alle aree di Svezia e Polonia per fornire colture e materiale forestale.

A rivelarli è l’ultimo studio pubblicato da Friends of the Earth Europe, preparato dall’Università di Vienna.

La biomassa comprende l’utilizzo delle colture, del legno e della frazione biodegradabile dei rifiuti , per la generazione di calore, elettricità e combustibili. Può essere considerata una fonte di energia rinnovabile, tuttavia il suo uso massiccio implica un uso eccessivo e insostenibile del suolo, come evidenziato dallo studio.

Per ottenere la necessaria riduzione delle emissioni di gas serra, non si possono creare altri problemi aggiuntivi. Pertanto, l’uso della biomassa deve essere moderato e limitato al fine di garantire che vengano utilizzati solo residui forestali e agricoli.

“L’uso delle risorse naturali da parte dell’Europa è già eccessivo, non possiamo attuare politiche e azioni che seguano questa strada”, ha affermato Alodia Pérez, responsabile dell’area Risorse naturali e rifiuti. La terra ne è un chiaro esempio: l’Europa ha bisogno di tre volte la sua superficie per produrre i prodotti e l’energia del suo consumo attuale. È essenziale misurare l’uso delle nostre risorse e porci dei limiti”, ha sottolineato Pérez.

Il riscaldamento e l’elettricità dal legno rappresentano già la più alta impronta sul suolo in Europa, circa 30 milioni di ettari di foresta nel 2010, che dovrebbero essere 40 nel 2030. Se tutto il legno provenisse dall’Europa, sarebbe il 40% della sua superficie forestale.

“Se vogliamo utilizzare la biomassa come fonte di energia rinnovabile, dobbiamo capire che ha una portata limitata e può essere considerata sostenibile solo entro limiti ragionevoli e senza esercitare pressioni sugli usi del suolo o sulle foreste. Pertanto, il modo di utilizzarlo passa innanzitutto attraverso l’efficienza e il risparmio energetico, per ridurre al minimo il nostro fabbisogno energetico. Ad esempio, sono necessarie politiche di ristrutturazione delle abitazioni pubbliche per ridurre al minimo i fabbisogni energetici e di riscaldamento, che otterranno anche risparmi energetici molto significativi”, ha dichiarato Alejandro González, responsabile dell’area clima ed energia di Friends of the Earth.

Friends of the Earth chiede un uso ragionevole della biomassa. In altre parole, la biomassa è ottenuta esclusivamente da residui forestali e agricoli, gestiti in modo sostenibile, senza superare la sua capacità di rigenerazione e senza causare nuovi impatti. Solo così la biomassa può essere considerata una fonte rinnovabile. In nessun caso le materie prime devono essere considerate biomasse, cioè coltivate o piantate espressamente per uso energetico.

Allo stesso modo, la frazione biodegradabile dei rifiuti deve essere gestita attraverso il compostaggio per ottenere un compost di qualità per i nostri terreni; l’incenerimento della materia organica non rappresenterebbe una fonte di energia rinnovabile.

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *