Suggerimenti

Cura della felce: [terreno, umidità, potatura e problemi]

Che caratteristiche hanno le felci?

La felce è considerata una delle piante più antiche della Terra, secondo testimonianze raccolte fin dalla preistoria.

Molte specie di felci frondose abbondano nelle regioni tropicali e subtropicali, come nel caso della frangia equatoriale e mediterranea del pianeta.

Sono piante vascolari, prive di semi, perché si riproducono per spore. Ci sono migliaia di specie di felci. La più comune è la cosiddetta Fern nephrolepis.

Esistono varietà di aspetti dissimili, a seconda della classe: possono avere foglie di forma triangolare molto piccole, come quelle della felce Adiantum , detta anche capelvenere .

Ma ce ne sono anche di grandi e allungati, come accade con una specie popolarmente conosciuta come Bird’s Nest . Oppure si possono vedere anche specie uniche come il Corno d’alce , caratterizzato dalla presenza di una lanugine biancastra che ricopre tutta la chioma composta da foglie che ricordano le corna dell’animale che dà il nome alla sua specie.

Nessuno fiorisce, non ci sono fiori in nessuna specie di felce. Un’altra caratteristica essenziale è la necessità che hanno di vivere in regioni umide, fatta eccezione per la varietà Elk Horn . Nelle case, regnano spesso come elemento di spicco nella decorazione d’ interni .

Che bisogni di terra hanno le felci?

Una delle attività più importanti per prolungare la vita delle felci è quella di avere un substrato poroso, che contenga uno strato di pacciame o torba alla base del vaso.

Una combinazione eccellente è metà terreno di erica e metà pacciame .

Per quanto riguarda il concime, è molto importante farlo ogni 15 giorni all’arrivo della primavera , utilizzando un buon concime liquido per felci sciolto nell’acqua di irrigazione.

Come far crescere una felce forte e vigorosa?

Ci sono due condizioni affinché una felce cresca sana: ha bisogno di vivere in ambienti ad alta umidità e non tollerano il sole diretto.

Se tenuti all’interno, evitare sistemi di riscaldamento a secco.

Per fare questo, è meglio fornire loro uno spazio privilegiato su una terrazza dove l’ombra domina l’ambiente.

Un’altra informazione molto importante è che dovrebbero stare nei luoghi più umidi della casa, come i bagni.

Non così nei corridoi o nei passaggi dove scorrono le correnti d’aria. Questo è fatale per loro.

Ma per mantenerli sempre belli e sani, è necessario effettuare un’irrorazione costante sulle loro fronde, va data un’annaffiatura costante, senza esagerare, almeno 3 volte a settimana.

Anche se in estate la quantità di annaffiature va intensificata, fino a due volte al giorno in modo che il substrato sia sempre umido. In inverno è vero il contrario . L’ideale in questo momento è ridurre l’irrigazione alla sua espressione minima.

Gli esperti consigliano di utilizzare l’acqua piovana per innaffiarli, ma non troppo fredda. Spruzzi frequenti saranno sempre necessari. Un’altra chiave è la luce.

Sebbene ci siano specie che tollerano di vivere in luoghi ombrosi e bui, hanno davvero bisogno di abbastanza luce indiretta in modo che la fotosintesi sia completamente svolta e possano crescere con splendore. Di conseguenza è consigliabile posizionare la felce in un luogo con luce indiretta che la raggiunga da una finestra esposta a sud.

Un vaso di plastica sospeso è il più consigliato al momento della semina, perché trattengono la maggior parte dell’umidità. Allo stesso modo, è consigliabile trapiantare la pianta ogni due anni, avendo cura delle radici. Il momento migliore per farlo è la primavera.

Di quale umidità hanno bisogno le felci?

La temperatura ideale per le felci varia da 15ºC a 24ºC. Non tollerano gli ambienti secchi, ma nemmeno resistono al gelo.

Per essere più precisi, 20ºC è la temperatura più gradita per una felce, sotto i 15ºC soffrono molto e si ammalano. Nelle zone ghiacciate o molto fredde non sopravvivono.

Una tecnica semplice ed efficace per garantire che la nostra felce abbia sempre umidità in casa, è quella di dotarla di due vasi. Nella prima, che deve essere più grande, è necessario riempirla con abbondante muschio e acqua.

Nella seconda avremo la pianta sempre bella se ha un buon drenaggio in basso, un grande foro per aiutare a regolare l’accesso a una buona umidità.

Un altro modo per dargli un’umidità costante è usare due piatti sul fondo della pentola. Uno più grande avrà acqua permanente, in modo che la felce in vaso venga posizionata nel piatto più piccolo, in modo che assorba l’umidità di cui ha bisogno.

Si raccomanda che i resti d’acqua escano sempre dai vasi, per evitare il marciume delle radici. Con questo assicuriamo un’irrigazione superficiale, solo dall’alto, ma solo una volta al mese, poiché la pianta prenderà sempre acqua dal piatto grande.

È necessario potare le felci?

Non necessitano di potature regolari. Solo un vaso profondo e largo che permette una normale crescita della pianta. Solo le fronde secche dovrebbero essere rimosse. Niente di più.

Quanto spesso dovremmo potare le felci?

Solo le fronde secche dovrebbero essere rimosse. Niente di più.

Come evitare parassiti e malattie delle felci?

Ci sono diversi segni di malattia che possono essere registrati in una felce. Diamo un’occhiata alle prove più comuni:

Le fronde sembrano deformate e appiccicose

Ciò si verifica quando la cocciniglia attacca e mina la felce. Si verifica perché questo parassita espelle una specie di melassa che li rende appiccicosi. L’oleoparazione deve essere applicata , seguendo le istruzioni del produttore.

Foglie giallastre o macchiate di marrone

Di solito quando compaiono queste macchie le foglie iniziano a cadere. Quando ciò accade, significa che la felce non sta affrontando la siccità dell’ambiente. L’ambiente è troppo secco per i tuoi gusti. Se non viene spostato, si asciugherà completamente.

Mancanza di crescita e foglie scolorite

Ciò è causato da un’acuta mancanza di nutrienti. Devi pagare frequentemente e rinnovare il substrato.

marciume fogliare

Quando si verifica il marciume delle foglie giovani o tenere, significa che la pianta si è ammalata di Botrytis , perché ha un’eccessiva umidità. È quindi conveniente distanziare l’irrigazione e controllare il sistema di drenaggio del vaso. Allo stesso modo, è conveniente applicare insetticidi specifici.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.