Suggerimenti

Come piantare i pistacchi passo dopo passo: [Guida + immagini]

Il pistacchio è una delle noci che fornisce il maggior numero di sostanze nutritive e una delle più adatte a un’ampia varietà di piatti.

E sebbene non sia una coltura molto comune, la sua popolarità è andata aumentando negli ultimi anni , in quanto altamente redditizia, in contrasto con la pochi requisiti di impianto. 

Se stai pensando di piantare pistacchi, continua a leggere. Questo articolo ti interessa.

Punti importanti per piantare pistacchi:
  • Quando? Vogliamo  piantare il pistacchio alla fine di marzo.
  • Dove? Richiede molto sole. Il pistacchio è una specie adattata ai climi temperati e secchi. Resiste bene alla siccità.
  • Tempo di raccolta? L’albero può impiegare fino a 7 anni per dare i primi frutti.
  • Come prepariamo il terreno? L’ideale per la sua coltivazione, tuttavia, sono terreni sabbiosi-argillosi profondi, ben drenati.
  • Come innaffiamo? Reagisce meglio ad irrigazioni abbondanti e poco frequenti che a piccole irrigazioni molto frequenti. Si consiglia l’irrigazione localizzata per evitare allagamenti.
  • Come seminiamo? Qui passo dopo passo.
  • Come raccogliamo? Saprete il momento giusto per raccogliere il frutto del pistacchio, quando mostra un colore spento e il guscio si stacca leggermente dalla buccia, né prima né dopo.
  • Piaghe e malattie? Uccelli, homopteros, alternaria.

Di cosa abbiamo bisogno per coltivare il pistacchio?

Quando dovrebbe essere seminato?

Essendo un albero da frutto , è consigliato piantare i pistacchi alla fine di marzo. 

Anche maggio e l’inizio di giugno sono un buon periodo , poiché corrisponde al momento in cui vengono generalmente piantate tutte le specie arboree.

Il pistacchio può fiorire tra aprile e maggio , quindi il gelo non è un rischio serio .

La raccolta avviene da fine agosto a inizio ottobre

Dove coltivare il pistacchio?

Il pistacchio è una specie adattata ai climi temperati e secchi.

A seconda della varietà e della regione, può resistere a temperature comprese tra   38 e 45 ºC. 

La sua resistenza alle alte temperature diminuisce quando la siccità atmosferica è molto prolungata , il che può causare l’ interruzione della produzione dei frutti,

Si adatta bene alle regioni con estati lunghe e secche e inverni di 800 ore-freddo a 7 ºC-

 Richiede molto sole , per crescere sani e produttivi, e per resistere all’attacco di parassiti e malattie .

Pur resistendo molto bene ai venti secchi e violenti , predilige le brezze deboli, in quanto favoriscono l’allegagione.

Ogni quanto va annaffiato?

È una pianta molto resistente alla siccità e alle alte temperature estive , ma non tollera l’eccessiva umidità. Si dice che possa raggiungere tollera fino a 5 anni di siccità .

Reagisce meglio ad irrigazioni abbondanti e poco frequenti che a piccole irrigazioni molto frequenti. Si consiglia l’irrigazione localizzata per evitare allagamenti.

Durante l’ estate , è possibile innaffiare l’albero tutti i giorni dieci con acqua a sufficienza, evitando pozzanghere.

Come prepariamo il terreno?

Si adatta ad un’ampia varietà di substrati , siano essi poveri, calcarei, salini, fortemente alcalini o leggermente acidi.

L’ideale per la sua coltivazione, tuttavia, sono terreni sabbiosi-argillosi profondi, ben drenati.

I valori di  I ph ideali sono tra 6.0 e 8.0 

Di fatto, nonostante i terreni profondi e fertili siano poco utilizzati per la loro coltivazione , in realtà si ottengono ottimi risultati , raddoppiando la produzione.

Nei suoli con contenuto calcareo , questo non dovrebbe essere inferiore al 10% , poiché è un elemento fondamentale per la formazione dei frutti.

Inoltre, le sue radici assorbono molto bene lo zinco .

Come piantare il pistacchio passo dopo passo

  1. Germina il seme . Il modo migliore per coltivare i pistacchi in modo efficace è far germogliare il seme. Per questo, metterli in una ciotola profonda piena d’acqua e lasciarli in ammollo per una notte.
  2. Seminare i semi in un vaso. Prendi un vaso lungo almeno 6 pollici e riempilo con una buona miscela di terreno, assicurandoti che abbia un buon drenaggio.
  3. Metti il ​​seme a una profondità di 2-5 centimetri. Quindi coprilo con terra e posiziona il vaso in un luogo ben illuminato.
  4. Una volta che i germogli avranno iniziato a crescere, dovrai trapiantarli. Preferibilmente farlo durante l’ inverno , nel periodo di riposo vegetativo
  5. Pulisci il terreno. Si toglie le erbacce e detriti provenienti da colture precedenti e tutti i tipi di residui per garantire che il pistacchio riceve la giusta quantità di nutrienti.
  6. Tutte le piante devono essere estratte dalle radici per evitare che ricrescano.
  7. Prepara il terreno. Inumidire il terreno prima della semina; Ciò riduce il rischio che i germogli si muovano a causa della forza dell’acqua.
  8. Metti i germogli nel terreno. Crea un cumulo alto 5 cm e posiziona ogni bocciolo al centro, spingendoli fino a 3 cm di profondità. I cumuli impediranno all’acqua di accumularsi vicino alle radici della pianta mentre cresce.
  9. Differenzia le piante maschili dalle femmine. Identifica il sesso del tuo pistacchio: le piante maschili fioriscono per prime. Hanno lunghi steli con diversi fiori. Al contrario, le piante femminili hanno fiori più grandi più vicini al tronco.
  10. Affinché possano produrre frutti, avrai bisogno solo di una pianta maschio ogni dieci femmine. Il resto lo dovrai rimuovere.
  11. Potare regolarmente le piante. Durante tutto il ciclo di vita del pistacchio, rimuoveremo le foglie in cattive condizioni. Si consiglia di farlo all’inizio dell’inverno , in quanto il legno dell’albero è inattivo e consente una rimozione facile e sicura. Tuttavia, i rami secchi dovrebbero essere rimossi immediatamente in qualsiasi momento dell’anno.
  12. Per potare i rami, usa le cesoie da giardino per fare un taglio netto vicino alla base del ramo. Durante la potatura, fai attenzione a non tagliare i polloni che si trovano a circa 16 pollici da terra. Durante la potatura, dovresti lasciare solo tre ventose.
  13. Se l’albero è femmina, fare attenzione a lasciare i polloni alti tra un metro e due metri.
  14. Se il tuo albero è maschio, puoi potarlo non appena raggiunge i due metri.
  15. Considera l’innesto. Il pistacchio impiega fino a sette anni prima di iniziare a dare i suoi frutti.
  16. Il fatto che tu abbia un albero forte e sano non garantisce che darà frutti. Per assicurarti che lo faccia, potresti considerare l’innesto.
  17. In altre parole, devi posizionare il taglio di un albero che porta frutti sul tronco del tuo albero in modo che si uniscano e diventino un’unica pianta.

Ci sono diversi modi per fare gli innesti.

Ti consigliamo di consultare un esperto per guidarti nel modo più efficace per farlo. Dovresti anche assicurarti che entrambe le specie che intendi innestare siano compatibili.[/ Su_note]

Come raccogliere il pistacchio

Il primo raccolto è dato  tra i 30 mesi e i 7 anni. Si verifica nei mesi di agosto e ottobre, a seconda della zona .

Saprete il momento giusto per raccogliere il frutto del pistacchio , quando si presenta di un colore spento e il guscio si stacca leggermente dalla buccia, né prima né dopo.

Alcune varietà danno frutti ogni due anni , o tendono a produrre un raccolto molto grande un anno e uno scarso quello successivo.

Una volta che la buccia inizia ad aprirsi, significa che sono maturi . I frutti vengono quindi raccolti, puliti, classificati e arrostiti per il consumo.

Se protetti in sacchetti di plastica , possono essere conservati per 6 settimane in frigorifero . Se sono congelati, la durata può essere più lunga, fino a 6 mesi.

Parassiti e malattie comuni

Il pistacchio è una coltura molto rustica , quindi parassiti e malattie ti toccano poco. 

Alcuni dei parassiti e delle malattie più comuni sono:

Uccelli

Gli uccelli possono ridurre significativamente il raccolto di pistacchi.

Per controllarlo, puoi appendere pezzi di metallo lucido o fogli di latta che si muovono al vento dai rami . Anche i compact disc funzionano.

Usa uno spaventapasseri.

omotteri

Tra i membri di questa famiglia ci sono gli afidi capaci di produrre galle e molti altri insetti simili .

Le galle sono strutture anormali nei tessuti e negli organi vegetali che si sviluppano in risposta all’invasione di un insetto.

Usano il fiele come mezzo per fornire nutrimento e riparo dall’ambiente e dai nemici naturali, inducendo virus e altre malattie e danneggiando la produzione e i tessuti.

Attualmente esistono pochi mezzi di controllo contro i parassiti omotteri del pistacchio , il più efficace dei quali è la raccolta e la distruzione di tutte le parti infette dell’albero.

Alternaria

Il fungo si diffonde dal vento o dall’acqua , aumentando in condizioni di umidità.

Le piante sono più suscettibili di essere colpite quando sono sottoposte a condizioni di stress o carenze nutrizionali.

Per combatterlo, si consiglia una buona ventilazione dell’albero.

Tra i principi attivi di possibile utilizzo abbiamo equiseto e sapone di potassio.

Per saperne di più su come piantare alberi:
  • Pianta un mandorlo.
  • Pianta un cactus.
  • Pianta il bambù.
  • Pianta un albero di limone.
  • Pianta un mango.
  • Pianta un albero di avocado.
  • Pianta un ciliegio.

Seminare il mango: la guida passo passo per mangiare questo delizioso frutto [12 passaggi]

Quando? Tarda primavera e inizio estate. Dove? È sensibile al freddo (albero tropicale) e necessita di molta luce. Quanto …
Leer Más

Come piantare un ulivo passo dopo passo: [Guida completa + immagini]

Quando? In autunno o primavera. Dove? Richiede tra le 8 e le 12 ore al giorno di luce. Si sviluppa molto bene…
Leer Más

Hackberry o Lidonero: [Semina, Cura, Irrigazione, Substrato, Problemi]

Il bagolaro (Celtis australis) è un albero dalla tessitura forte che si trova in zone prossime alla macchia mediterranea, quasi sempre…
Leer Más

Il Pino: [Pianta, Caratteristiche, Irrigazione, pH, Potatura, Problemi]

Un pino è un tipo di conifera del genere Pinus, nella famiglia delle Pinaceae. Pinus è l’unico genere del …
Leer Más

L’albero di Jacaranda: [Caratteristiche, semina, cura, irrigazione e substrato]

La prima volta che qualcuno vede un albero di jacaranda (Jacaranda mimosifolia), potrebbe pensare di aver visto qualcosa preso da …
Leer Más

L’Acacia: [Caratteristiche, Semina, Cura, Irrigazione e Substrato]

Le acacie sono alberi graziosi che crescono in climi caldi come le Hawaii, parti dell’Africa, Messico e sud-ovest …
Leer Más

Algarrobo: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Il carrubo è un albero sempreverde che si adatta molto bene ai climi di tipo mediterraneo, raggiungendo un …
Leer Más

Nespolo: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Il nespolo è un albero che produce un frutto dalla polpa densa e dolce noto con lo stesso nome. Lo so …
Leer Más

Kaki: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Il kaki è un albero da frutto che ha guadagnato molta popolarità per la sua capacità di adattarsi a quasi tutti i tipi…
Leer Más

Kiri: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

L’albero del kiri è uno dei più imponenti che possiamo trovare perché raggiunge i 20 metri di altezza. Anche …
Leer Más

Leccio: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Il leccio è una specie di albero ampiamente utilizzato per ripopolare aree di terreno rimaste deserte per …
Leer Más

Ceibo: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

L’Erythrina crista-galli è un piccolo albero originario del Sud America, dei paesi dell’Uruguay, del Brasile, del Paraguay e dell’Argentina. È …
Leer Más

Pioppo nero: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Populus nigra è una delle specie autoctone più importanti dell’Europa centrale e mediterranea. Si è diffuso da…
Leer Más

Budleia: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Buddleia o Buddleja è un genere che riunisce circa 100 specie del Nord e del Sud America, da …
Leer Más

Bella Sombra: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Bella ombra, è un albero originario della regione calda e umida dell’Argentina. Tuttavia, è stato introdotto per …
Leer Más

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.