Suggerimenti

Gelsomino del Madagascar: cura

Quello noto come gelsomino del Madagascar è una bellissima pianta rampicante dai fiori bianchi, profumati e molto decorativi, grazie ai quali è estremamente apprezzata nella decorazione di giardini e spazi interni ben illuminati.

Se vuoi sapere come prenderti cura del gelsomino del Madagascar in vaso o all’aperto, unisciti a noi in questa guida EcologíaVerde in cui ti mostriamo tutte le cure di cui ha bisogno questa pianta.

Caratteristiche del gelsomino del Madagascar

Il suo nome scientifico è Stephanotis floribunda e, come indica il nome comune, è una pianta tropicale rampicante originaria dell’isola del Madagascar. Spiccano le sue belle foglie, perenni e di un verde scuro lucido, e anche i suoi fiori tubolari a cinque petali, bianchi e di gradevole profumo. E quanto dura il fiore di gelsomino del Madagascar? Questi compaiono in primavera con i mesi caldi e, se le condizioni sono buone, la fioritura si protrae fino all’autunno.

Nei fioristi e nei vivai tende ad essere venduta con il fusto disposto a forma di arco, anche se in vaso questa pianta può raggiungere altezze fino a 5 metri. Nel loro ambiente naturale, in Madagascar, questi alpinisti possono crescere fino a 20 metri.

Il frutto del gelsomino del Madagascar non è adatto al consumo ed è ripieno di un gran numero di semi piumati, anche se ci vuole almeno un anno per raggiungere la piena maturità.

Per saperne di più, qui puoi conoscere i diversi tipi di gelsomino.

Posizione per il gelsomino del Madagascar

Questa pianta, per la sua origine tropicale, necessita di molta luce, non rispondendo bene a posizioni ombrose o ambienti molto bui. Naturalmente, nel suo habitat naturale cresce sotto la chioma degli alberi, quindi non tollera la luce solare diretta, che potrebbe bruciarne le foglie e impedire la fioritura.

Conserva la tua pianta di gelsomino del Madagascar in uno spazio molto luminoso ma protetto dalla luce solare diretta, soprattutto durante le ore di maggiore intensità a mezzogiorno.

Per quanto riguarda la temperatura, il suo punto ideale è 18ºC, anche se può svilupparsi bene a temperature fino a 30ºC durante i mesi caldi. È importante, sì, che trascorra i mesi freddi al di sotto dei 20 ºC per poter entrare in riposo vegetativo. Il suo limite inferiore è di 10 ºC, quindi è una pianta che non tollera in nessun caso il gelo. È anche importante dargli un luogo protetto dalle correnti del vento, sia di aria fredda che calda, e ha bisogno di aria pulita da fumo e gas.

Irrigazione e umidità per il gelsomino del Madagascar

Insieme alla sua posizione delicata, l’irrigazione è una delle cure più importanti per questa pianta. A partire dalla primavera necessita di annaffiature molto costanti e profonde, mantenendo un certo livello di umidità nel substrato, anche se sempre senza allagamenti e, se è in vaso, rimuovendo l’acqua in eccesso dalla vaschetta dopo l’irrigazione.

Ha anche bisogno di un’elevata umidità, quindi in ambienti asciutti si consiglia di spruzzare acqua tiepida sulle foglie in modo che non si secchino. È importante che sia l’irrigazione che l’irrorazione avvengano con acqua piovana o, se proviene dal rubinetto, che sia lasciata riposare per 24 ore prima.

Substrato e fertilizzante per Stephanotis floribunda

Questa pianta necessita di un terreno ricco di sostanze nutritive e di sostanza organica, oltre a richiedere anche il miglior drenaggio possibile per evitare le pozzanghere. Per questo motivo, una delle migliori miscele che possiamo preparare è con una parte di torba, un’altra parte di fibra di cocco e un’altra parte di humus di lombrico, a cui si possono aggiungere vermiculite e perlite. Questa è la nostra miscela più universale per piante senza esigenze molto specifiche, poiché è leggera, ariosa, con un ottimo drenaggio e molto ricca di sostanza organica.

Inoltre, una volta all’anno dovremmo trapiantare la pianta in un vaso leggermente più grande, in modo che la pianta riceva nuovi nutrienti e possa continuare a crescere. È anche importante applicare del fertilizzante, liquido o sotto forma di humus, quando arrivano i mesi caldi.

Potatura del gelsomino del Madagascar

All’inizio della sua stagione vegetativa, in primavera, gli steli di Stephanotis floribunda vanno potati se si vuole mantenerne controllata la crescita, ma è importante non potare gli steli alla base e tappare i tagli che producono il lattice con acqua fredda.

Scopri di più su quando e come potare il gelsomino qui.

Moltiplicazione del gelsomino del Madagascar

Le talee di gelsomino del Madagascar vanno tagliate appena sotto il nodo e con un taglio obliquo, lungo circa 10 cm. Si lasciano le 2 o 3 foglie superiori, rimuovendo le altre, e si taglia il fluido di lattice immergendo il taglio in acqua fredda.

Successivamente, lo stelo viene immerso nella radicazione e piantato di circa 2 cm. In circa 8-10 settimane, se il taglio ha avuto successo, la pianta avrà radicato. Dopo questo, possiamo trapiantarlo nella sua nuova posizione e metterci un tutor.

Perché il mio gelsomino del Madagascar ha le foglie gialle?

Cosa fare quando il gelsomino diventa giallo? Solitamente i problemi più comuni con il gelsomino del Madagascar a questo proposito sono che la pianta è stata annaffiata con acqua calcarea o che ha subito sbalzi di temperatura.

Può anche succedere che la tua pianta sia colpita da un parassita, il più comune è la cocciniglia nel gelsomino del Madagascar. Cerca questi insetti sugli steli e sul lato inferiore delle foglie e, se li trovi, tratta il parassita con un insetticida ecologico, come il sapone di potassio, oppure manualmente con un po’ di cotone imbevuto di alcol.

Per ulteriori informazioni, ti invitiamo a leggere quest’altra guida sulle cause delle foglie gialle nel gelsomino e su come curarlo.

Se desideri leggere altri articoli simili a Gelsomino del Madagascar: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.