Suggerimenti

Vermiculite: cos’è, usi e come prepararla

Sicuramente avrai letto o visto menzioni di vermiculite in numerose occasioni quando appassionati di giardinaggio o professionisti parlano di alcuni substrati o terricci per piante. Anche se il suo nome può sembrare diverso, è un materiale molto comune e di facile reperimento, con molteplici vantaggi da offrire alle piante.

Se sei interessato al giardinaggio e vuoi anche saperne di più sui substrati e sei interessato a questo in particolare, allora unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde su cos’è la vermiculite, i suoi usi e come realizzarla.

cos’è la vermiculite

La vermiculite non è altro che un minerale del gruppo delle miche costituito da silicati di ferro o magnesio. È un materiale con un’elevata capacità di ritenzione idrica, che tende anche a contenere potassio, magnesio, calcio e ammonio, tutti elementi necessari alle piante.

In mano è un materiale molto leggero e, inoltre, ha buone proprietà come isolante termico. È anche noto per la sua capacità di espansione, poiché quando raggiunge determinate temperature moltiplica il suo volume tra le 8 e le 20 volte, fenomeno raro da vedere nei minerali.

Usi della vermiculite

Questo materiale è comunemente usato come isolamento acustico e termico, oltre che in un gran numero di funzioni diverse come quella di elemento filtrante o di protezione di elementi fragili.

Tuttavia, ci concentreremo sui suoi usi della vermiculite nel giardinaggio.

  • Se miscelata con altre sostanze come la fibra di cocco o la torba, la vermiculite dà origine a ottimi substrati per le piante, soprattutto se vengono aggiunti ingredienti come humus di lombrico o perlite.
  • Essendo un materiale leggero, economico e benefico, risulta molto pratico nella preparazione di miscele per substrati per piante particolarmente delicate, come le piantine, anche se può essere utilizzato in quantità maggiori anche in vaso. La sua capacità di ritenzione idrica aiuta ad assorbire l’umidità in eccesso dal terreno ea rilasciarla gradualmente successivamente, quando il supporto si asciuga, rendendolo un ottimo regolatore di umidità, che aiuta anche a mantenere aerato il supporto. Inoltre, il suo contenuto di minerali è anche molto benefico per le piante, che ne assorbono i componenti di cui hanno bisogno.
  • Trattandosi di una sostanza chimicamente e biologicamente inerte, si può aggiungere vermiculite a qualsiasi substrato senza timore di provocare contaminazioni di alcun tipo e, inoltre, il suo pH è intorno a 7.
  • Si distingue anche per il suo utilizzo nelle colture idroponiche, che sono quelle che si svolgono senza terreno, nelle piante che vengono semplicemente tenute in acqua. La vermiculite, che galleggia, aiuta a fornire loro un punto a cui aggrapparsi, oltre a nutrirli con i suoi componenti minerali. Qui puoi imparare come realizzare una coltura idroponica fatta in casa.
  • Infine, un altro dei suoi usi comuni è quello di essere aggiunto alle piante che dovranno essere trasportate in sacchi o contenitori chiusi, poiché la sua capacità di mantenere l’umidità aiuta la pianta a soffrire meno.

Immagine: fornitore forestale

Come realizzare la miscela di substrato con vermiculite – passo dopo passo

Una delle miscele più utilizzate per vasi di grandi dimensioni nei giardini urbani o all’aperto è quella che è composta principalmente da fibra di cocco e humus di lombrico, a cui viene poi aggiunta vermiculite. La cosa buona dell’utilizzo della fibra di cocco e dell’humus di vermi è che entrambi sono materiali molto ecologici e naturali, e l’humus è anche uno dei migliori fertilizzanti.

Seguire queste istruzioni per realizzare correttamente un substrato con vermiculite:

ingredienti

Le proporzioni di questi componenti devono essere il 55% di fibra di cocco, il 35% di humus di lombrico e il 10% di vermiculite.

Passaggi per realizzare substrato con vermiculite

  1. Se acquisti la fibra di cocco in fogli, che è la sua forma di marketing più comune, tieni presente che viene molto compattata. Non appena inizierai ad aggiungere acqua e a separarla con l’aiuto di un rastrello o altro strumento, vedrai che moltiplica molte volte le sue dimensioni, quindi inizia aggiungendo poco.
  2. Quindi aggiungere l’humus di lombrico, mescolandolo bene con la fibra di cocco e avendo cura di uniformare e aerare il substrato.
  3. Una volta che i due componenti sono stati completamente miscelati, puoi aggiungere la vermiculite, e anche la perlite se ce l’hai. Stendeteli sullo strato superiore del supporto e mescolateli con le mani per i primi centimetri.

Se segui tutti questi passaggi, avrai un substrato universale adatto alla stragrande maggioranza delle piante, che garantirà loro le condizioni ideali.

Se desideri leggere altri articoli simili a Vermiculite: cos’è, usi e come si fa, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.