Suggerimenti

Viola del pensiero: cura

La pianta della viola del pensiero, con il nome scientifico Viola x wittrockiana, è una pianta ibrida semestrale che deriva dalla viola tricolore. Originariamente è stato allevato nel Nord Europa e attualmente ha un numero enorme di varietà, con tutti i tipi di colori e dimensioni dei fiori. Sono piante molto apprezzate in giardinaggio, soprattutto per i loro fiori suggestivi e belli e per la loro capacità di prevenire la crescita delle erbacce, che le rende ideali per essere piantate ai piedi dei cespugli.

Se vuoi imparare a prenderti cura del fiore della viola a casa, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde.

Viola del pensiero: caratteristiche

Queste sono le caratteristiche principali del fiore viola del pensiero o anche chiamato viole del pensiero:

  • È una pianta biennale, il primo anno produce solo foglie e il secondo fiorisce.
  • Con una cura ottimale, può diventare perenne.
  • È commestibile.
  • Fiorisce in autunno e nei climi caldi la sua fioritura può estendersi fino alla primavera.
  • Funziona benissimo come copertura naturale.
  • Cominciò ad attraversare negli anni 1820-1830.

Viola del pensiero: cura

In sintesi, queste sono le cure di base delle viole del pensiero o del fiore del pensiero:

  • Luce: necessita di una buona illuminazione naturale, essendo in grado di tollerare la mezz’ombra.
  • Terreno: richiede terreni con una grande quantità di nutrienti e sostanza organica.
  • Irrigazione: ogni 3 giorni nel periodo di fioritura.
  • Clima: resiste alla maggior parte dei climi non estremi.

Se vuoi accompagnarli con altre piante che hanno fiori e resistono alle stesse condizioni, potrebbero piacerti alcune di queste 15 piante autunnali per il giardino che vedrai in questo articolo.

Luce, posizione e tempo

I fiori di viola del pensiero sono stati inizialmente allevati nel nord Europa, quindi resistono a una gamma molto ampia di temperature, da gelate abbastanza calde a non troppo intense. È importante posizionarlo in una zona molto luminosa, dove riceva una buona quantità di luce solare. Se il clima è molto caldo o con un sole molto intenso, è consigliabile posizionarli in mezz’ombra, o in un punto dove siano al riparo dalle ore di maggiore influenza. È una pianta che si trova solitamente all’aperto, soprattutto per la sua capacità di resistere al freddo e di inibire la crescita delle erbe infestanti, il che la rende altamente consigliata per la copertura degli spazi del giardino.

Innaffiare il fiore della viola

La cosa più importante con questa pianta è mantenere il terreno relativamente umido, ma mai impregnato d’acqua. Il terreno troppo annaffiato o scarsamente drenato potrebbe far sì che l’umidità in eccesso raggiunga le sue radici, rendendo la pianta malata o debole. Nella stagione della fioritura saranno necessarie annaffiature più frequenti, ogni 2 o 3 giorni a seconda delle caratteristiche specifiche del clima e del terreno.

In questo altro post spieghiamo in dettaglio quando innaffiare le piante in modo da sapere quando hanno bisogno di acqua e quando no.

terra del fiore della viola

Le viole del pensiero richiedono un terreno abbastanza ricco di sostanze nutritive. Se piantato in autunno sarà sufficiente un terriccio con una buona proporzione di concime organico per sostenere la pianta per alcuni mesi, ma dopo 60 o 90 giorni sarà necessario applicare nuove dosi di concime, preferibilmente organico.

Qui consigliamo l’humus di lombrico, che per la sua composizione e apporto è molto benefico sia per la pianta che per il terreno. In quest’altra guida vi spieghiamo come fare l’humus di lombrico.

potatura del pensiero

Il fiore della viola del pensiero tende a perdere gran parte della sua vitalità quando arrivano i mesi caldi dopo la fioritura, ed è comune che la pianta muoia se non viene fatto nulla. Per evitare ciò, e fare in modo che il nostro fiore della viola del pensiero viva come una pianta perenne anziché come una biennale, sarà necessario effettuare una potatura aggressiva non appena le temperature salgono, lasciando solo il gambo.

Parassiti e malattie dei fiori della viola

Per finire parlando della cura dei fiori della viola, qui indichiamo i parassiti e le malattie delle piante della viola più comuni:

  • Una delle principali minacce per questa pianta è l’attacco degli afidi, che è abbastanza comune e di grande rischio per essa. Per prevenirne la comparsa o combatterla si possono utilizzare una moltitudine di insetticidi casalinghi ed ecologici, come l’infuso di aglio o cipolla, assenzio o camomilla, oltre al sapone di potassio e all’olio di Neem. Scopri più opzioni in questo altro post sui migliori rimedi casalinghi per eliminare gli afidi sulle piante.
  • Per quanto riguarda i funghi, l’ oidio è quello con cui bisogna stare più attenti. Di solito appare come macchie biancastre o grigie sulle foglie e sugli steli. Come nel caso dell’afide, può essere combattuto con rimedi casalinghi. Molto diffuso è il fungicida a base di latte, che si ottiene mescolando una parte di latte scremato ogni 4 parti di acqua, più 20 grammi di bicarbonato per ogni litro di impasto. Spruzza questo rimedio sulle foglie colpite e rimuovi quelle che sono in pessime condizioni. Ripetere ogni 15 giorni o dopo forti piogge per utilizzarlo preventivamente. Qui ti mostriamo di più su Come combattere l’oidio con i rimedi casalinghi.

Se desideri leggere altri articoli simili a Viola del pensiero: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.