Suggerimenti

Concime organico: cos’è, tipologie, benefici e come si fa

Oggi sono in molti a scegliere di utilizzare colture rigorosamente biologiche nei propri orti o vivai per ottenere dalle proprie piante prodotti naturali e più sani. Se stai cercando di ottenere di più dalla tua piantagione o se vuoi semplicemente avere le tue piante il più forti e sane possibile, l’uso di fertilizzanti organici è un’ottima opzione, particolarmente importante per piante delicate e terreni aridi o sovrasfruttati..

In questo articolo di EcologíaVerde ti forniamo tutte le informazioni sul compost biologico: cos’è, tipi, vantaggi e come farlo.

Concime organico: che cos’è?

Il compost è in realtà un termine generico che si riferisce a qualsiasi materiale di origine animale o vegetale che può essere utilizzato per fornire nutrienti e migliorare la fertilità del suolo. Semplificando molto, possiamo dire che un concime organico è una sostanza composta da residui o scarti vegetali o animali che rende la nostra terra migliore per le piante.

Tuttavia, non è semplice come mescolare uno qualsiasi di questi residui con il terreno o gettarli su di esso. I fertilizzanti organici devono essere preparati correttamente altrimenti possono essere dannosi per le nostre piante.

Tipi di fertilizzanti organici

Esistono numerosi tipi di fertilizzanti organici e modi per realizzarli, tuttavia, in questo articolo lasceremo da parte quelli industriali per concentrarci sui tipi più comuni di fertilizzanti organici che puoi realizzare e utilizzare nel tuo giardino o nelle tue pentole.

  • Compost: il compost è il più elementare dei fertilizzanti organici e anche uno dei più utilizzati per la facilità di ottenimento. Per preparare il compost, hai solo bisogno di residui vegetali e un luogo dove fermentarli per 3-5 mesi. Qui spieghiamo di più sui vantaggi del compostaggio.
  • Humus di vermi: questo è uno dei fertilizzanti più ricchi di sostanze nutritive in circolazione. È anche molto popolare poiché per produrlo è necessario solo procurarsi i vermi giusti. Scopri di più sui vantaggi dei lombrichi nel giardino o nel frutteto con questo altro post.
  • Ceneri di legna: se hai un caminetto in casa, risparmia le ceneri della legna bruciata. Diluiti in acqua, sono un’ottima fonte di fosforo e potassio per il terreno.
  • Fondi di caffè: la maggior parte degli amanti del caffè può ottenere il doppio del beneficio della loro bevanda preferita se sfruttano i fondi di caffè, poiché mescolati con la terra forniscono una grande quantità di azoto, che le piante apprezzeranno.
  • Gusci d’uovo: fusi il più finemente possibile, i gusci d’uovo schiacciati cosparsi intorno alla base delle piante possono aiutare a tenere fuori alcuni parassiti, come lumache e bruchi, oltre ad arricchire il terreno.
  • Rami e foglie tagliuzzati: anche i detriti di potatura e le foglie cadute correttamente triturati e sparsi sono un’ottima fonte di nutrienti per il terreno.
  • Letame: non è una novità, il letame è sempre stato uno dei fertilizzanti più utilizzati. Tuttavia, i rifiuti animali devono essere compostati prima di poter essere utilizzati come letame e devono provenire da animali che non sono stati nutriti con antibiotici.
  • Bokashi ob ocashi: Questa è una variante del compost tradizionalmente utilizzata dagli agricoltori giapponesi, e il suo principale vantaggio è che la sua preparazione è molto più veloce di così, poiché può essere completata in circa due settimane. Tuttavia, ha lo svantaggio di richiedere letame di pollo, a cui non tutti hanno accesso.

Benefici del fertilizzante organico

I benefici che il fertilizzante organico apporta al terreno sono molti, ma i principali e più importanti sono i seguenti:

  • Miglioramento delle caratteristiche del terreno: sia i nutrienti che contiene, sia la sua acidità e la sua capacità di ritenzione idrica. Il fertilizzante organico aiuta a recuperare i terreni altamente sfruttati, e anche a lungo termine i suoi effetti sono più che evidenti.
  • Resistenza a malattie e parassiti: rafforzando gli organismi microscopici nel terreno con l’apporto di nutrienti, rendiamo il terreno, e quindi anche le piante, più resistenti all’attacco di molti parassiti.
  • È totalmente sostenibile: la produzione di compost biologico prevede il riciclo di sostanze e prodotti che altrimenti andrebbero buttati, rendendolo un modo ecologico per rafforzare le vostre piante.

Come fare il compost biologico fatto in casa

Fare il compost biologico in casa è molto semplice. Per fare ciò, segui queste istruzioni e aiuterai facilmente le tue piante.

  1. Scegli un posto per compostare. Un buco nel terreno del giardino, una scatola fuori mano o anche un contenitore di dimensioni adeguate funzioneranno. È importante che, in quest’ultimo caso, non lo si copra e disponga di ventilazione.
  2. Raccogli i tuoi rifiuti organici. Idealmente, dovresti attenerti ai rifiuti di origine vegetale, poiché l’uso di carne o escrementi potrebbe attirare mosche e altri parassiti indesiderati, oltre a cattivi odori.
  3. Metti uno strato di rifiuti organici verdi o freschi, seguito da uno strato di rifiuti secchi (ramoscelli caduti, foglie secche) e infine uno strato di terra. Puoi aggiungere più livelli in questo modo poiché hai più rifiuti.
  4. Mescolatelo una volta alla settimana, e se vivete in un clima molto secco o caldo, inumiditelo leggermente di tanto in tanto, ma sempre senza allagarlo. Un segno che la tua produzione di compost sta andando bene è che dovrebbe avere l’odore di terra bagnata e non marcire o qualcosa di sgradevole.

Se segui questi passaggi, in circa tre mesi in estate o cinque in inverno avrai il tuo compost pronto per essere aggiunto a qualsiasi substrato. In questo altro articolo di EcologíaVerde ti diciamo di più su Come preparare fertilizzanti organici fatti in casa per le piante.

Se desideri leggere altri articoli simili a Concime organico: cos’è, tipi, benefici e come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.