Suggerimenti

Come fare un fertilizzante organico per piante fatto in casa

Sappiamo che il compostaggio con materia organica ha la capacità di aggiungere più nutrienti al suolo, aumentandone la fertilità e la vitalità. Un modo economico per fare il compost è utilizzare i rifiuti organici che produciamo quotidianamente nella nostra casa. In questo modo otterremo un triplo beneficio, riducendo l’uso di fertilizzanti sintetici sul terreno, una minore spesa per i fertilizzanti e l’utilizzo dei rifiuti domestici (meno rifiuti generati).

In questo articolo di EcologíaVerde, ti sveliamo la risposta a come preparare fertilizzante organico per piante fatto in casa, dandoti diverse idee ed esempi.

Perché usare fertilizzanti organici invece di quelli sintetici?

I vantaggi dell’utilizzo di concimi e fertilizzanti organici sono molti e ancor di più se sono fatti in casa, perché ciò che è naturale è sempre più sano e, inoltre, riutilizzeremo i rifiuti. Va inoltre tenuto presente che ci sono diversi svantaggi dei fertilizzanti sintetici e questi sono alcuni di essi:

  • Contribuiscono al cambiamento climatico.
  • Possono causare contaminazioni nell’acqua, nel suolo e nei fiumi, a causa dell’effetto lavante delle piogge.
  • Influiscono sulle piante e sui nutrienti a causa dell’eccesso di minerali: i fertilizzanti sintetici sono solitamente molto concentrati e se usati in eccesso possono peggiorare la qualità del terreno, invece di migliorarlo.
  • Contribuiscono all’acidificazione del suolo, favorendo la desertificazione.
  • Possono causare avvelenamento se maneggiati senza un’adeguata protezione.

Scopri di più su questi prodotti in questo altro articolo di EcologíaVerde su Concime organico: cos’è, benefici e come farlo.

Fertilizzanti e fertilizzanti organici per piante: i più consigliati

Questi sono alcuni dei fertilizzanti organici fatti in casa per piante più consigliati per i loro benefici per il suolo e le colture e, inoltre, per la loro facilità di ottenimento e applicazione:

Letame

È senza dubbio uno dei migliori e più benefici fertilizzanti organici per il terreno. Sebbene possa essere acquistato nei negozi di giardinaggio, se hai polli, capre o conigli, puoi usare i loro escrementi. Gli escrementi di coniglio sono quelli con il più alto contenuto di azoto e possono essere aggiunti direttamente al terreno, ma quelli di altri animali devono subire un precedente processo di compostaggio.

bucce di banana

Le banane hanno un alto contenuto di potassio, che è molto benefico come nutriente per le nostre piante, ad esempio è molto benefico per la fioritura. Dopo aver mangiato il frutto, possiamo usare la sua buccia per fare il compost fatto in casa.

Gusci d’uovo

I gusci d’ uovo sono molto utili in giardino, poiché forniscono sostanze nutritive come il carbonato di calcio e fungono da repellente per i parassiti. L’ideale è schiacciare bene i gusci per aggiungerli al nostro fertilizzante fatto in casa, anche se possono anche essere ridotti in polvere e spalmati bene alla base delle nostre piante.

i fondi di caffè

Dopo aver bevuto una tazza di caffè, possiamo sfruttare i fondi o gli avanzi di caffè per fare il fertilizzante per le nostre piante, poiché forniscono una buona quantità di azoto, che è molto benefico come nutriente. Possono anche essere mescolati direttamente nel terreno o sparsi sulla sua superficie. Qui parliamo di più sui modi di utilizzare i fondi di caffè in giardino.

urina umana

L’urea nelle urine ha un contenuto molto elevato di azoto, fosforo e potassio. L’urina è un prodotto sterile purché il corpo che la produce sia sano. Può essere sciolto in acqua in rapporto 1:8 e aggiunto al nostro fertilizzante fatto in casa. Consigliamo questo altro post sull’urina come fertilizzante ecologico per l’agricoltura e il giardinaggio.

Erba

Una volta tagliata l’erba o le erbacce, possono essere aggiunte al nostro fertilizzante organico, in quanto sono resti molto ricchi di azoto e conservano parte dei nutrienti che hanno assorbito dallo stesso terreno su cui sono cresciuti.

cenere del camino

Le ceneri del camino forniscono grandi quantità di potassio e carbonato di calcio, ideali per realizzare il nostro fertilizzante fatto in casa. È importante non applicarli direttamente intorno a piante amanti dell’acido o se il terreno è alcalino.

Aceto

L’acido acetico nell’aceto è molto buono per le piante che richiedono terreni acidi. Puoi anche sciogliere l’aceto in acqua e annaffiare direttamente le piante di questo tipo.

Humus di lombrichi

L’humus di vermi è uno dei migliori fertilizzanti organici, totalmente naturale ed efficace per migliorare la salute delle piante, affinché crescano sane e fioriscano o diano frutti. La verità è che l’humus in quanto tale e con la sua composizione più idonea si ottiene solo sui pavimenti delle foreste, prodotto naturalmente dai lombrichi che popolano la terra. Tuttavia, puoi ottenere un prodotto molto simile a casa, realizzando o acquistando un vermicomposter. Qui spieghiamo come fare l’humus di lombrico per le piante.

Lenticchie

I germogli di lenticchie sono ottimi come fertilizzante e radicante. Se vuoi che le tue nuove piante eliminino più radici e si attacchino meglio per crescere senza problemi, non esitare a fare questi germogli, schiacciarli in acqua, filtrarli per ottenere il liquido ed eliminare i resti delle lenticchie e, infine, mescolare una parte del concentrato con dieci parti di acqua per utilizzare questo prodotto come acqua di irrigazione per concimare e radicare. In questo altro post parliamo di Come fare i germogli di lenticchie.

Come preparare passo dopo passo fertilizzante organico per piante fatto in casa

Sebbene alcuni rifiuti organici possano essere gettati direttamente a terra, il modo ideale per decomporsi è seguire una serie di passaggi per realizzare un fertilizzante o un compost fatto in casa. Questi passaggi per realizzare un fertilizzante organico in casa per le tue piante sono:

  1. Praticare dei fori sulla superficie di un piccolo contenitore profondo circa un metro (o in un contenitore grande o medio, a seconda delle nostre esigenze).
  2. Metti 4 o 5 dita di terra all’interno (o più a seconda del contenitore).
  3. Aggiungere i rifiuti organici (esempi sopra menzionati). È importante che non siano rifiuti di nessun prodotto animale.
  4. Coprire con un po’ più di terriccio.
  5. Di tanto in tanto (circa due settimane), mescolate bene con una pala, portando in superficie i resti che si trovano al di sotto e viceversa. Questo passaggio è importante per aerare il nostro compost fatto in casa.

Dopo alcune settimane, nel nostro compost iniziano a comparire vermi, moscerini della frutta e altri insetti; segnale che il processo di decomposizione è in corso. Quando il terreno assumerà un aspetto nero, grumoso e la sostanza organica si sarà completamente decomposta, sarà pronto per essere applicato in giardino o frutteto. L’odore del compost dovrebbe essere simile a quello del terreno umido. Il processo di produzione del compost richiede solitamente due mesi se iniziamo in estate (il caldo favorisce la decomposizione) e cinque mesi se iniziamo in inverno. Per applicarlo, distribuiscilo espandendolo bene attorno alle radici delle piante, utilizzando un rastrello o altro strumento.

Per finire, ti consigliamo di dare un’occhiata a questi altri post sul compost Bokashi o bocashi: cos’è e come farlo e sul compost Orchid: come farlo. Allo stesso modo, ti invitiamo a guardare il video che ti lasciamo di seguito su questo processo per creare la tua iscrizione.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come preparare un fertilizzante organico per piante fatto in casa, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.