Suggerimenti

Pianta un albicocco: [substrato, irrigazione, cura, parassiti]

I cinesi associano l’albicocca all’educazione e alla medicina. Ad esempio, la parola classica 杏 壇 (letteralmente: “altare dell’albicocca”) (xìng tán 杏坛) che significa “circolo educativo” , è ancora ampiamente utilizzata nella lingua scritta.

Chuang Tzu, un filosofo cinese del IV secolo a.C., raccontò una storia che Confucio insegnava ai suoi studenti in un foro circondato da un bosco di albicocche.

L’associazione che l’albicocca ha con la medicina deriva a sua volta dall’uso comune delle sue ossa, come componente della medicina tradizionale cinese, e dalla storia di Dong Feng (董 奉), medico del periodo dei Tre Regni, che richiese nessun pagamento dai suoi pazienti se non per piantare alberi di albicocche nel suo frutteto mentre si riprendevano dalle loro malattie, risultando in un grande boschetto di albicocche e una fornitura costante di ingredienti medicinali .

  

Punti importanti quando si pianta un albero di albicocche
  • Quando? Durante la primavera .
  • Dove? In un luogo dove riceve abbastanza luce e ha spazio con altri alberi da frutto.
  • Che substrato richiede? È interessante aggiungere un buon substrato al terreno in cui pianterai l’albicocco.
  • Come prepariamo il terreno? Il pH della terra dovrebbe essere compreso tra 6,5 ​​e 8.
  • Come innaffiamo? Ideale, irrigazione a goccia . Anche spruzzando .
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate , quando l’albicocco è giovane, giornalmente.
  • Cure necessarie? Quando l’albicocco è abbastanza vecchio, è importante effettuare potature abbondanti, poiché i rami crescono orizzontalmente e possono rompersi facilmente.
  • Piaghe e malattie? Afidi , marciume radicale, oidio, cancro batterico e tarli.

  

Caratteristiche dell’albicocco

L’albicocco è un piccolo albero , alto 8-12 m, con un tronco fino a 40 cm di diametro e una chioma fitta e allargata. Le foglie sono ovali, lunghe 5-9 cm e larghe 4-8 cm, con base arrotondata, apice appuntito e margine finemente seghettato. È deciduo .

L’albicocco è un albero a crescita rapida.

I fiori hanno un diametro di 2-4,5 cm (0,8-1,8 pollici), con cinque petali da bianchi a rosa; sono prodotti singolarmente o in coppia all’inizio della primavera prima delle foglie. Il frutto è una piccola drupa simile a una pesca, di 1,5-2,5 cm (0,6-1,0 pollici) di diametro (maggiore in alcune cultivar moderne), di colore dal giallo all’arancione , spesso tinta di rosso sul lato più esposto al sole; La sua superficie può essere liscia (botanicamente descritta come: glabra) o vellutata con peli molto corti (botanicamente: pubescente).

La polpa è solitamente soda e poco succosa. Il suo sapore può variare dal dolce all’aspro. Il singolo seme è racchiuso in un guscio duro e pietroso, spesso chiamato “pietra” o “grano”, con una consistenza liscia e granulosa ad eccezione di tre creste che scendono lungo un lato.

  

Irrigazione dell’albicocco

L’albicocco, nei suoi primi anni, necessita di annaffiature giornaliere nei periodi di siccità e di forte caldo.

Dopo diversi anni è un albero resistente , capace di resistere a periodi senz’acqua. Anche se non consigliamo di lasciarlo senza annaffiare per più di una settimana durante l’estate.

Il sistema che consigliamo per l’irrigazione degli alberi di albicocco è l’ irrigazione a goccia . Come sempre il gocciolatoio raggiunge ottimi risultati, riducendo al minimo l’utilizzo di acqua.

In inverno , primavera o autunno , se si vive in un luogo con abbondante umidità e/o pioggia, non è necessario annaffiarlo.

  

Pianta un albero di albicocche

Da un nocciolo di albicocca

  1. Eliminate il nocciolo dalle albicocche.
  2. Strofinare eventuali tracce di frutta con un pennello e lasciare asciugare la superficie.
  3. Apri il seme esercitando pressione sulle cuciture con uno strumento piatto come una tavola, uno schiaccianoci o un coltello.
  4. Scavare i semi e i semi a forma di mandorla (prepararli per la germinazione) immergendoli per una notte in una ciotola di acqua tiepida.
  5. Fai germinare i semi in frigorifero.
  6. Spremere la torba bagnata per rimuovere l’acqua in eccesso, metterne una manciata in un barattolo o in un sacchetto di plastica, aggiungere i semi e sigillare il barattolo o il sacchetto.
  7. Controllare quotidianamente la presenza di focolai; quando li vedi, è ora di piantare il nocciolo di albicocca!

  

da plantón

  1. Praticare un foro nel terreno abbastanza profondo in modo che possa coprire tutto il terreno sulla piantina di albicocca.
  2. Riempi il buco con un substrato di qualità.
  3. Innaffio un po’ il buco.
  4. Introdurre la piantina e ricoprire nuovamente con la terra, fino a ricoprirla completamente. È importante che non rimangano radici in superficie.
  5. Innaffia abbondantemente quando hai finito.
  6. Durante i prossimi giorni, dovresti annaffiare, soprattutto se si tratta di un periodo di alte temperature.
  7. Usa un paletto in modo che il tronco del futuro albero di albicocca cresca correttamente.

Potatura e cura dell’albicocco

Come altre piante, la potatura degli alberi di albicocca è salutare per loro. Porta a un raccolto più grande. Pota gli alberi di albicocca ogni anno alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, prima che le foglie escano di nuovo.

Per prima cosa, rimuovi gli arti e gli arti morti o malsani. Potare nelle aree in cui la crescita è molto fitta. Ciò aumenterà la penetrazione della luce solare e dell’aria, per aiutare la tua salute generale e la crescita degli alberi. Puoi anche potare i rami per un tocco ornamentale .

IMPORTANTE: Durante la potatura, è molto importante tenere presente che il frutto cresce dal secondo anno. Potare leggermente durante i primi anni per massimizzare il raccolto di albicocche.

Forse ti interessa anche: Varietà e tipi di albicocche.

  

Piaghe e malattie

Cancro batterico

Questo microrganismo sfrutta drupacee alberi che sono indebolite a causa di stress, cadendo difficile su ciliegio, pesche e albicocche.

Gli alberi con cancro batterico mostrano i loro sintomi in primavera quando i fiori infetti si aprono e i ramoscelli su cui crescono iniziano a morire. Fiori e foglie possono apparire in ritardo o non apparire affatto nelle aree interessate.

Alcuni alberi colpiti possono mostrare linfa trasudante o apparire in punti impregnati d’acqua insieme a un odore aspro, getti d’acqua aumentati o macchie di foglie viola scuro che diventano necrotiche.

Il modo migliore per prevenire l’attecchimento del cancro batterico è evitare le più comuni fonti di stress in questi alberi, compresi i danni causati dal gelo o dal sole, terreno troppo leggero e sabbioso o poco drenante, il nematode ad anello Mesocriconema, xenoplax, potatura impropria e danni da collisione con attrezzature da giardino.

  

oidio

I funghi dietro l’ oidio sono la causa della lotta comune di un giardiniere nelle zone calde e secche. Cerca il segno distintivo della malattia in aree grigie o bianche che sembrano polvere di talco, sono depositi di spore fungine.

Questo fungo a rapida diffusione può sopravvivere all’inverno su rami o ramoscelli caduti prima di ridistribuirsi quando viene scoperto in primavera.

Per contrastare la debolezza degli alberi di albicocco all’oidio, evita di applicare azoto nel tuo giardino a fine estate, ripulisci accuratamente i detriti delle piante cadute e pota gli alberi e applica un fungicida al primo segno di problemi.

Il nostro articolo su come identificare, prevenire e curare l’ oidio contiene informazioni più dettagliate.

  

Marciume radicale, chiamato anche fungo radicale

Gli alberi possono soffrire di marciume radicale di phythphthora a causa del fatto che le radici rimangono troppo bagnate per troppo tempo. Visivamente, le foglie sembrano la stessa di quando sono stressati dalla siccità (che appassiscono e perdono il loro colore), e può morire quando il caldo tempo arriva .

La corteccia dell’albero può mostrare uno scurimento intorno alla linea di fondo o, sotto la superficie, una tonalità bruno-rossastra.

I funghi radicali possono diffondersi attraverso l’acqua, attrezzi da giardinaggio compromessi o terreno infetto. Per trattarli, aggiungi il drenaggio, solleva le piante quando possibile, ferma l’eccessiva irrigazione ed elimina potenziali fonti di infezione.

  

afidi

La maggior parte dei giardinieri o degli agricoltori si è imbattuta in afidi ad un certo punto. Sono piccoli insetti dal corpo molle con un’ampia varietà di colori che succhiano la linfa dalle piante.

Gli insetti sono visibili sul lato inferiore delle foglie delle piante colpite e le foglie delle piante infestate da afidi mostrano una forma distorta o possono cadere dalla pianta.

Trivellatrici per rami di pesco

I tarli del pesco infestano albicocche, nettarine, pesche e prugne. La larva cova dall’uovo, passa il tempo avvolto in un bozzolo, e poi emerge come una falena adulta che è grigio con nero e bianco scale .

Il primo sintomo del problema della piralide dei ramoscelli di pesco si vede spesso in primavera, quando la nuova crescita inizia ad appassire a causa del danno che provocano.

  

Le larve possono essere annusate a causa dei piccoli mucchi di segatura e trucioli di legno impilati sopra dove si nutrono, oppure possono invece nutrirsi delle albicocche stesse.

Gli adulti scavano nel tunnel attraverso la nuova crescita dell’albero, mangiando foglie e germogli lungo la strada.

Tieni d’occhio i nuovi germogli ad aprile e all’inizio di maggio, osservando attentamente i segni di questo parassita in modo da poterli eliminare prima che perdano il controllo. Rimuovi eventuali gemme che mostrano segni di appassimento per cercare i trivellatori che si nascondono all’interno.

I tarli dei rami di pesco possono essere combattuti trattandoli con insetticida poco prima che i fiori sboccino e di nuovo quando i petali cadono, intrappolandoli con trappole a feromoni, o dispiegando la minuscola vespa Pentalitomastix pyralis che li parassita.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *