Suggerimenti

Piante velenose: [Le 10 più pericolose al mondo]

Prima di leggere questo articolo, dovresti sapere che non siamo un sito Web con medici specialisti, quindi se hai sofferto di qualche tipo di condizione da una pianta velenosa, ti consigliamo vivamente di andare immediatamente da un medico.

Cosa sono le piante velenose?

Sebbene dall’origine stessa della vita sul pianeta,  la migliore raccomandazione per evitare uno spavento o la morte. Ci sono specie che danno il contrario, perché sono in grado di provocare un grave rischio che può portare anche alla morte di chi si imbatte in queste specie.

Lo sapevate…
A volte possono essere molto, molto pericolosi per una persona, non così per animali come alcuni uccelli, che sono in grado di consumare dei semi velenosi senza subire alcun danno.

   

Piante come il sambuco, lo zafferano e gli agrumi provocano avvelenamenti simili alla cicuta , un tempo le più velenose al mondo, ma senza raggiungere il loro danno letale.

L’ edera , se masticata da un bambino o fornita in foglie di tè, provoca gravi disturbi digestivi, lancinanti mal di testa e mal di schiena,  così come sonnolenza e convulsioni con aumento della temperatura corporea.

Perché sono velenosi?

Pur in difesa delle piante, è importante chiarire che solo le statistiche mondiali riportano che solo il 5% di tutti i casi di avvelenamento è influenzato dall’ingestione di una parte di queste temute specie.

   

A volte è anche vero che il caso può essere diagnosticato erroneamente , sia perché i sintomi sono diventati evidenti ore dopo e non è stato possibile mettere in relazione l’effetto o la conseguenza che le tossine che contengono molte specie lasciano nell’uomo.

Molti sono velenosi  perché hanno bisogno di difendersi dai loro predatori o distruttori,  così che  si consiglia vivamente di non permettere ai bambini piccoli  mettono un pezzo in bocca , in una passeggiata rurale o di campagna,   soprattutto quando sono nella fase dell’oralità e tutto ciò che ottengono lo mettono in bocca.

L’evoluzione delle specie, in particolare degli animali erbivori , ha permesso loro di imparare a differenziare quali piante devono ingerire per purificare il proprio corpo e anche quali sono mortali e intoccabili.

Tuttavia, c’è tutto, perché alcune piante velenose non colpiscono affatto alcuni mammiferi , ma altre sono letali e il loro pericolo si estende all’uomo.

In Spagna, a partire dal maggio 2004, è entrata in vigore una legge che include un elenco di  197 specie di piante la cui vendita al pubblico,  è vietato a causa della sua elevata tossicità.

   

Quali sono le piante più velenose al mondo? 

La classifica o top-ten delle 10 piante più velenose al mondo , supportata da esperti botanici del mondo, sono: 

  1. Oleandro ( Nerium oleander )
  2. Hemlock ( Cicuta matulata )
  3. Liquirizia americana (A brus precatorius)
  4. Belladonna ( Atropa belladonna )
  5. Fico infernale o semi di ricino ( Ricinus communis )
  6. Tasso comune o tasso nero ( Taxus baccata )
  7. Ageratina altissima
  8. Aconitum comune ( Aconitum napellus )
  9. Jimson weed ( Datura stramonium )
  10. Manzanillo della morte ( Hippomane mancinella )

   

Oleandro ( Nerium oleander )

Oleander prende il jackpot come la pianta più velenosa dell’intero pianeta. Ha così tanto veleno che anche il miele nel suo nettare può uccidere una persona senza il minimo rimorso.

I sintomi del suo attacco vorace sono: vomito e diarrea, dolori lancinanti allo stomaco, sonnolenza o sonnolenza e vertigini, tachicardia o battito cardiaco irregolare fino alla morte, a causa di varie tossine, ma ce n’è una, l’oleandrina, in grado di agire sul cuore fino a quando non si ferma .

   

Cicuta ( Cicuta matulata )

Di tutto il continente americano, l’Hemlock è il veleno più potente.

Uccide dopo aver causato gravi convulsioni molto dolorose e violente, vomito, tremori muscolari e crampi. Se c’è sopravvivenza, la vittima attraverserà lunghi periodi di amnesia, quindi è meglio non avvicinarsi a lui.

La tossina che si concentra principalmente nelle sue radici si chiama cicutossina e non gioca quando si tratta di agire.

Lo puoi trovare soprattutto in Nord America.

Lo sapevate…
Il filosofo Socrate si è tolto la vita ingerendo la cicuta?

   

Liquirizia americana (A brus precatorius)

Ha dei semi molto sorprendenti che sono stati usati in gioielleria e nella realizzazione di rosari, ma ayyy…! della persona che inala uno di questi semi se si rompe: il veleno è così potente che impedisce la sintesi delle proteine ​​nel corpo della sua vittima, che è fatale.

Quando inalato  vomito, febbre e, soprattutto, molta difficoltà respiratoria perché i polmoni si riempiono di liquido . Ma se viene ingerito, è necessario aggiungere a questa già difficile sintomatologia un’atrofia dei reni, del fegato e della milza che porta alla morte in pochi giorni.

Questa pianta mortale è originaria dell’Indonesia, ma si diffonde nei climi tropicali e subtropicali di tutto il mondo, quindi è meglio averne rispetto e identificare molto bene i suoi semi rossi arrotondati e le macchie nere. 

La tossina abrina, che è contenuta nel seme, è in grado di uccidere un adulto con appena 3 mg.

   

Belladonna ( Atropa belladonna )

Originaria delle foreste europee, con una presenza espansiva in Nord Africa, Asia occidentale e Nord America, la belladonna possiede un potente veleno che colpisce il sistema nervoso dell’essere umano.

Paralizza le terminazioni nervose dei muscoli involontari del corpo, vasi sanguigni, muscoli cardiaci e gastro-intestinali, come conseguenza dell’ingestione di tossine come l’atropina e la scopolamina, presenti nei suoi steli, foglie, bacche e radici.

Per avere un’idea del suo potere dannoso,  con ben 10 o 20 bacche hanno abbastanza veleno per uccidere una persona adulta. 

È necessario chiedere un aiuto immediato se i seguenti sintomi derivano da un cattivo contatto con questa pianta: sensibilità alla luce con pupille dilatate o visione offuscata, forti mal di testa, confusione e convulsioni. 

L’inalazione delle sue tossine provoca anche difficoltà respiratorie, nausea, febbre e vomito, scatenando il liquido nei polmoni, con danni ai reni e gli stessi gravi danni a organi come fegato e milza, la persona colpita muore in soli 3 o 4 giorni.

   

Fico infernale o semi di ricino ( Ricinus communis )

Famoso per  olio di ricino, ottenuto dalla lavorazione dei suoi semi e che ha usi così dissimili come la sua azione lassativa, o l’uso nella fabbricazione di vernici, lubrificanti e liquidi per freni.

Le sue foglie possono acquisire a  colore rosso o viola scuro ricoperto da una polvere bianca, ricina, altamente tossico. Il contatto con la ricina provoca vomito , crampi addominali e, nel peggiore dei casi, emorragie interne e insufficienza renale che portano alla morte.

La ricina interferisce con il metabolismo umano, perché blocca il processo chimico interno che mantiene le cellule vive, vitali. Cinque semi pieni di semi di ricino basteranno per uccidere un adulto e uno per uccidere un bambino.

È originario del continente africano, ma si è già diffuso in tutto il mondo.

   

Tasso comune o tasso nero ( Taxus baccata )

Nel corso della storia, questa pianta, originaria del Regno Unito , ha avuto molte applicazioni utili , nonostante la sua condizione velenosa. Il suo estratto viene utilizzato nella produzione di un farmaco, il paclitaxol , che rallenta il cancro ovarico, mammario e polmonare.

Sintomi di avvelenamento da tasso comune o tasso nero sono: vertigini, secchezza delle fauci, pupille dilatate, estrema debolezza, battito cardiaco irregolare, grazie al consumo di foglie e, in misura minore, di semi, che contengono la taxina, un alcaloide molto tossico che può uccidere.

   

Ageratina altissima

Era famoso all’inizio del XX secolo , perché gli veniva attribuita la cosiddetta “malattia del latte” , che colpiva le persone che consumavano il latte di una mucca che si nutriva di questa pianta velenosa.

Il consumo è fatale perché contiene la tossina tremetol , che provoca alitosi con perdita di appetito, debolezza corporea, rigidità muscolare, stitichezza grave, vomito, crampi allo stomaco e conseguenti  coma fino alla morte della vittima.

Questa pianta nasce e si riproduce in Nord America.

   

Aconitum comune ( Aconitum napellus )

Lo sapevate…
Nella Germania nazista veniva usato per avvelenare i proiettili e nell’antica Grecia i pastori spalmavano le loro frecce per eliminare i lupi che attaccavano le loro pecore. Quindi non è facile imbattersi in un comune Aconitum, perché senza esagerare, anche solo toccarlo può essere pericoloso.

I sintomi di avvelenamento provocati da questa pianta velenosa sono: ustioni in bocca, abbondante salivazione, vomito e diarrea, aritmia cardiaca, coma e morte successiva, provocati dall’azione della tossina aconitina, così potente che basta 1 mg per uccidere un persona di 80 kg.

Vive nelle montagne europee.

   

Jimson weed ( Datura stramonium )

Questa pianta americana velenosa si trova negli Stati Uniti, in Canada e nei Caraibi.

Lo sapevate…
Al tempo della cosiddetta Conquista Spagnola, ai conquistatori veniva in mente di mangiarlo e poiché soffrivano di allucinazioni, aritmie cardiache, delirio e comportamenti aggressivi fino a raggiungere uno stato comatoso, prima della morte, venivano attribuiti poteri magici associati alla magia nera , grazie alle sue proprietà allucinogene.

Ha il potere di due tossine mortali: atropina e scopolamina. 

   

Manzanillo della morte ( Hippomane Mancinella )

È una pianta così velenosa che  solo inalando il suo fumo o segatura, genera tosse grave, laringite e persino bronchite.

Se una persona entra in contatto  provoca vesciche, ustioni e infiammazioni E se ti strofini gli occhi impregnati di veleno, puoi perdere la vista .

E se ingerito causerà gravi problemi alla gola e al sistema gastrointestinale, dovuti all’azione di 2 tossine: hypomans A e B, presenti in tutto l’ albero .

Si trova in America Centrale e nei Caraibi.

Come identificare una pianta velenosa?

In verità, non è un compito facile ma come regola generale prima di tutto possiamo consigliare di non inalare, strofinare o consumare parti di una pianta sconosciuta, con semi sconosciuti e sconosciuti, durante le passeggiate in campagna.

Sebbene sembri incredibile, a volte le specie più mortali o pericolose si nascondono dietro un aspetto sorprendente, esotico e persino bizzarro, o in un fiore delicato che attira immediatamente l’attenzione.

Prudenza e conoscenza preventiva della specie, in caso di escursione in una regione sconosciuta , sono la migliore raccomandazione per evitare uno spavento o la morte. 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *