Suggerimenti

[12 passaggi] per seminare i piselli nel tuo giardino senza problemi

Sapevi una cosa?  I piselli possono essere coltivati ​​per la maggior parte dell’anno , tranne luglio e agosto (mesi più caldi).

Splendido, no?

Sai qualcos’altro? Hanno una quantità ENORME di  benefici alla salute. 

E… gli ultimi: durante la loro coltivazione rilasciano azoto nel terreno , quindi migliorare notevolmente la semina che si fa dopo  di altre verdure e verdure.

Non so se sei convinto, ma io lo sono. Voglio coltivare i miei piselli e voglio imparare a farlo .

Andiamocene

   

Come piantare i piselli passo dopo passo:
  1. Quando? Preferibilmente in autunno. Nei climi freddi, da febbraio.
  2. Dove? Luogo che riceve la luce del sole. Almeno 6 ore di luce al giorno.
  3. Tempo di raccolta? Tra 58 e 72 giorni.
  4. Come prepariamo il terreno?  Il pH di 6.5. Terreno umido e ben drenante. Rimosso con una motozappa (preferibilmente).
  5. Come paghiamo? Con compost, leggermente. Anche getti di vite senza fine . L’aggiunta di più azoto non è consigliata.
  6. Come innaffiamo? Ideale, con gocciolatoio.
  7. Quanto spesso annaffiamo? Evita i ristagni d’acqua. Predilige innaffiature abbondanti e distanziate. Quindi aspetta diversi giorni ma più tempo di irrigazione. Non innaffiare le piante per evitare malattie.
  8. Come piantiamo i piselli? Fai solchi. Seppellire i semi di circa 3 cm. Quindi ogni 20 cm per seppellire di nuovo un seme. Sono piante che richiedono molto spazio.
  9. Come facciamo il raccolto? Prestare periodicamente attenzione ai grumi dei piselli che crescono all’interno dei baccelli. Monitorare l’aspetto dei fiori, generalmente una settimana dopo possiamo raccogliere.
  10. A cosa lo associamo? In generale con qualsiasi altra coltura.
  11. A cosa NON lo associamo? aglio cipolle .
  12. Quali parassiti e malattie ha? Il verme pisello, gli uccelli, le lumache, gli afidi .

 

I piselli sono legumi che crescono nei climi più freschi , tra l’ autunno e la primavera .

Sono caratterizzati dall’essere  piante rampicanti  e, oltre ad essere una buona fonte di proteine, minerali e fibre , sono anche benefiche per la terra , poiché fissano l’ azoto nel terreno.

I piselli possono essere consumati freschi, in insalata, riso , zuppe, fritture o stufati .

E come vengono  relativamente facile da seminare, sono una buona opzione per coloro che stanno iniziando a fare il proprio giardino .

Lo sapevate…
È stata una delle piante utilizzate da Gregor Mendel nei suoi esperimenti , che ha posto le basi della genetica.

 

Principali caratteristiche dei piselli

Il suo nome scientifico è Pisum sativum ed è originario del bacino del Mediterraneo .

E ‘una delle delle più antiche piante commestibili e, probabilmente, la prima coltivata dagli esseri umani .

Fossili di quasi 10.000 anni sono stati trovati nei siti archeologici del Vicino Oriente . Entro il 2000 a. C. la sua coltivazione era già diffusa in tutta Europa.

Lo sapevate…
Il modo migliore per staccare i piselli freschi è usare il pollice per raschiare i piselli, poiché sono attaccati solo a un lato del baccello.

I piselli come li consumiamo sono in realtà il seme che è racchiuso nel baccello del pisello .

Varietà:
  • Varietà nane , il cui fusto raggiunge tra 35 e 60 cm. di lunghezza.
  • Varietà seminane , con fusti da 60 a 70 cm.
  • Varietà rampicanti , i cui fusti misurano tra 100 e 180 cm.

Piselli  vengono raccolte durante le stagioni fresche  provenienti dall’emisfero settentrionale, anche se si possono gustare sia in primavera che in autunno .

Pianta  r equires terreno sciolto e leggero per la coltivazione e, anche se non molto esigente circa i nutrienti del substrato dove essi vengono coltivate, è consigliato per fornire concime contenente calce e dolomite.

Seminandolo, oltre a sfruttare tutti i nutrienti che forniscono i piselli appena coltivati , potrete assaporare il suo squisito sapore quando sono ancora freschi .

E la cosa migliore è che aumenterai notevolmente la struttura del terreno nel tuo giardino.

Anche i cespugli che rimangono dopo il raccolto serviranno da sovescio .

Lo sapevate…
Puoi capire se i piselli sono giovani dalla fermezza dei loro baccelli.

Condizioni necessarie per la coltivazione dei piselli

Per seminare i piselli dobbiamo prestare attenzione ai seguenti requisiti:

Il tempo

Fanno bene in un clima temperato , con freddo moderato e umido . Non resistono al calore eccessivo o al clima molto secco.

Le sue temperature ottimali sono intorno tra 15 e 22 ºC. 

Con temperature inferiori a 8 ºC, la pianta smette di crescere e il suo sviluppo si ferma.

Suggerimenti per il tempo

Per garantire un clima fresco , possiamo coltivare i piselli alla fine dell’estate o all’inizio dell’autunno e quindi raccoglierli per l’ inverno .

Se il luogo in cui ti trovi ha temperature molto basse , sarà meglio seminare un mese prima della data dell’ultima gelata.

 Inoltre non resistono alle alte temperature.  Sopra i 30 ºC, non è più consigliato per il benessere della pianta.

Le piante di pisello preferiscono stare in pieno sole.   Almeno 6 ore al giorno , assicurandosi che il clima non sia troppo caldo.

In semi-ombra le sue prestazioni diminuiscono un po’ , ma non si fermano.

Alcune varietà, come quelle con semi rugosi, sopportano un po’ più di ombra.

Se vivi in ​​una regione molto calda , pianta i tuoi piselli in un momento in cui il sole non è così intenso o in un luogo dove ricevono il sole, ma può stare all’ombra durante le ore più calde.

Determina quali punti del tuo giardino sono i più appropriati per la coltivazione dei piselli.

Irrigazione

Richiede terreno con un certo grado di umidità , quindi si consigliano annaffiature abbondanti e distanziate,  più che irrigazione continua.

Raccomandazioni per l’irrigazione

Il più importante  è quello di evitare ristagni d’acqua.  Un eccesso di acqua può far marcire i semi.

Utilizzare l’ irrigazione a goccia per fornire acqua lentamente durante il giorno e la notte, in quantità moderate.

Per evitare la formazione di funghi , è meglio indirizzare l’acqua verso il terreno e non verso le foglie . Quando i semi non sono ancora germinati, prova a fare l’irrigazione a goccia in modo che la pressione dell’acqua non li affoghi o li seppellisca ulteriormente.

Durante il periodo di fioritura , le piante avranno bisogno di più acqua.

Trucco:
Per scoprire quando è conveniente innaffiare , seppellisci una matita nella terra . Se esce secco significa che il terreno ha bisogno di essere annaffiato . Al contrario, se esce con tracce di terra attaccate , significa che il terreno contiene ancora sufficiente umidità negli strati inferiori.

Attendi fino a quando i primi 7 pollici di terreno si sono asciugati prima di annaffiarlo di nuovo.

Si raccomanda di stabilire un buon regime di irrigazione ed essere costante.

È possibile utilizzare un irrigatore morbido, come un tipo di irrigatore a tubo flessibile.

Come dato informativo, per l’impianto industriale si consiglia di innaffiare le piante di pisello 70 ml per pianta , ogni due giorni.

Nutrienti

Sebbene i piselli non siano una coltura particolarmente esigente in termini di nutrienti, richiedono, contributi significativi di fertilizzanti.  Ciò garantirà un buon raccolto.

A seconda delle condizioni del terreno , potrebbe essere opportuno aggiungere del compost complesso che contenga calce e dolomite.

Suggerimenti sui nutrienti

In caso di terreni poveri , possiamo aggiungere un po’ di compost ben fermentato . Puoi anche aggiungere worm h umus.

Ricorda che i piselli possono ottenere il proprio azoto . Se si dà troppo di esso nella forma di fertilizzante si raggiungere questo l come guide a crescere di grandi dimensioni , ma dare qualche piselli.

Se la pianta diventa gialla o non produce fiori a un ritmo regolare , puoi aggiungere una manciata di compost  allo strato superiore del terreno.

Quando sono sbocciati, puoi anche applicare un infuso di banana o di patate per aggiungere potassio .

Lo sapevate…
L’India è il più grande produttore mondiale di piselli.

Il substrato

I piselli si adattano bene a tutti i tipi di terreno , purché il terreno sia sciolto e con una quantità ragionevole di compost . Preferiscono comunque terreni freschi, soffici e ben drenati.

Non sono d’accordo terreni molto calcarei e secchi o acidi troppo umidi.

Raccomandazioni per il substrato

Mantieni il terreno libero dalle erbacce per evitare parassiti e malattie.

È necessario assicurarsi che il pH non sia inferiore a 6,5.

Non è necessario che il terreno sia eccessivamente profondo , ma ha un buon drenaggio . Per ottenere ciò, è possibile aggiungere al substrato segatura o piccole pietre per facilitare il drenaggio.

Un’altra buona idea per facilitare il corretto drenaggio dell’acqua è il pacciame con pacciame o foglie di consolida maggiore.

Necessitano di un’esposizione soleggiata e di annaffiature frequenti.

prima della semina

I semi

Il seme del pisello è rotondo, 0,5 cm . circa. Il suo colore è marrone verdastro o bianco , a seconda della varietà.

Può anche essere liscio o rugoso.

Scegli una varietà che sia di tuo gradimento e che si adatti bene al luogo in cui la coltiverai.

Le varietà rampicanti hanno bisogno di una struttura che canalizzi la loro crescita. Sono più

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *