Suggerimenti

Cura del gelsomino rampicante: [terreno, umidità, potatura e problemi]

Quali sono le caratteristiche del gelsomino rampicante?

Il gelsomino, famosa pianta ornamentale dai fiori profumati, ha una versione molto apprezzata e resistente che funge da potente rampicante capace di impigliarsi ovunque.

È un esperto arrampicatore di pareti grazie alla sua rusticità e all’elevata resistenza, come nel caso della modalità a cespuglio.

Il suo nome significa bellezza. E gli rende giustizia totale! Si tratta, quindi, di una pianta molto nobile che non deluderà mai sia i giardinieri esperti che i neofiti.

Ci sono circa 200 varietà, dove l’attrazione principale risiede nella loro fioritura voluminosa e profumata.

Inoltre, se si uniscono più specie in un unico giardino, i risultati saranno molto favorevoli. La sua fioritura avviene tra i mesi da maggio a settembre. Hanno una grande resistenza al freddo. Certo, alcune specie lo tollerano meglio di altre.

Quindi prima di piantare bisogna verificare quali specie dovremmo avere in giardino. I più popolari sono il gelsomino cinese, il gelsomino reale e il cosiddetto gelsomino stellato. Sono molto facili da curare. La cinese ha una fioritura esclusivamente primaverile, seguita da quella vera, che in primavera ed estate ci regalano i loro bellissimi fiori .

Entrambi sono fortemente profumati. L’Estrella, come la descrive il nome, fiorisce in estate di stelle bianche e il suo profumo è più tenue. Il più resistente al freddo è il gelsomino stellato. Forse è per questo che è così noto.

Con una certa cura può raggiungere circa 6 metri di altezza senza che questo significhi che possa comportarsi come una pianta invasiva che uccide spietatamente i suoi vicini in giardino. Quindi, vediamo quali sono le chiavi per avere sempre dei bellissimi gelsomini.

Che bisogni di terra ha il gelsomino rampicante?

Precisamente, uno dei suoi maggiori benefici o vantaggi è che non ha bisogno di un terreno specifico per svilupparsi completamente. No, è davvero poco impegnativo, si adatta a qualsiasi substrato . Tanto che in vaso regalerà anche bellissimi fiori dal profumo delicato.

Qualsiasi specie rampicante è ideale per decorare pareti , pergolati e supporti da giardino in molteplici forme e stili. Un gelsomino può crescere molto sano anche in terreni poveri, privi di sostanze nutritive.

Ma non devi improvvisare. Ovviamente no. L’ideale è coccolare la nostra pianta con una buona preparazione del terreno. Sarà sufficiente un substrato universale ricco di sostanze nutritive. La grande eccezione: i terreni argillosi. Non sopravvivono in loro.

Questo perché non tollera le pozzanghere, perché le sue radici marciscono facilmente. Questo fatto è indimenticabile e significa che è necessario creare le condizioni affinché il drenaggio sia costante, sia in vaso che in giardino.

Tuttavia, un semplice trucco per prevenire la decomposizione delle radici in vaso è aggiungere un po’ di sabbia al substrato universale. In questo modo non resterà incastrato nell’acqua.

Come far crescere il gelsomino rampicante forte e vigoroso?

I gelsomini rampicanti, come la versione a cespuglio, sono amanti ossessivi di una buona esposizione al sole. Amano stare in pieno sole. Ne più ne meno.

Ciò si verifica molto probabilmente perché la sua origine risale a regioni con un clima caldo, dove il sole predomina per la maggior parte del tempo. Quindi richiedono molta luce naturale.

Se lo mettiamo in un luogo con poca illuminazione, con scarsa predominanza solare, allora può svilupparsi con un po’ di tristezza, perché non fiorirà. Quindi questo aspetto è essenziale per far crescere un gelsomino felice e bello.

Di quale umidità ha bisogno il gelsomino rampicante?

Allo stesso modo, un’altra chiave non meno importante è data dalla sua resistenza alle basse temperature, anche quando proviene da terre calde. Per questo è considerata una pianta rustica, poiché tollera cali di temperature fino a tre gradi sotto zero. (-3°C). Ovviamente non dovresti abusarne.

Di tanto in tanto lo sopportano ma se viviamo in una zona con gelate intense, dobbiamo proteggere il gelsomino dall’inverno inclemente. Ci sono specie che hanno bisogno di un’umidità relativa del 60% per vivere in salute.

Se, ad esempio, abbiamo il nostro gelsomino in un giardino e le previsioni del tempo parlano dell’avvicinarsi di una nevicata, dobbiamo subito coprirne le radici, proteggerle bene per evitare danni irreparabili.

Una coperta da giardinaggio (una copertura o un’imbottitura ) è la migliore compagnia in questi tempi di cambiamenti o nella temperatura ambientale.

Ovviamente bisogna anche fare attenzione ai venti forti e correnti fredde, tenendolo in un luogo protetto. La sua unica grande richiesta è legata all’approvvigionamento idrico attraverso un’irrigazione costante e speciale in primavera e in estate, le date più calde.

Ma anche i mesi di crescita e fioritura della maggior parte delle specie di gelsomino. Tra questi mesi in cui corrono la primavera e l’ estate è indispensabile annaffiare ogni due o tre giorni.

E funziona anche per fornire umidità con l’aiuto di un piatto con acqua sotto il vaso, nel caso di varietà coltivate in vaso , solo questo va fatto in poco tempo per evitare il marciume delle radici.

E nella stagione fredda, l’irrigazione verrà effettuata esclusivamente quando il terreno, il substrato , si sarà completamente asciugato. Nei mesi di sviluppo è importante anche pagare mensilmente.

Possiamo selezionare con l’aiuto specializzato del caso un concime specifico per queste specie floreali molto allegre o un ammendante organico, che si adatta molto bene anche al gelsomino.

Un fertilizzante per la fioritura che viene aggiunto all’acqua di irrigazione è l’ideale affinché il nostro gelsomino rimanga sempre spettacolare. Quelle che sono ricche di potassio e fosforo in commercio sono le migliori.

È necessario potare il gelsomino rampicante?

La potatura regolare non è esattamente un ordine da applicare rigorosamente. Piuttosto, la potatura viene applicata per rimuovere foglie e rami secchi.

Quello che è molto importante è aiutarlo a crescere correttamente con una potatura che gli dia struttura man mano che cresce e sostenerlo con il supporto di tutori che ne guidino lo sviluppo armonico.

Questo è essenziale se vogliamo che adotti la posizione di un arrampicatore atletico e flessibile . Altrimenti tenderà a cadere e a comportarsi come un cespuglio.

Ogni quanto potare il gelsomino rampicante?

A seconda della varietà, essendo presenti specie invernali ed estive, si effettueranno potature di mantenimento.

Ad esempio il Jasminum Officinale è una specie estiva che va potata a fine inverno . Questo è così che le loro ferite guariscono con l’arrivo di una crescita che viene stimolata nel mezzo delle temperature più calde.

Allo stesso modo si può effettuare una potatura dopo la fioritura, da marzo ad aprile nel caso dell’emisfero settentrionale del pianeta.

Nel caso del gelsomino rampicante la potatura è un po’ più complicata, perché i rami tendono sempre ad intersecarsi, quindi si consiglia di applicare quanto segue:

  1. Inizia dal basso verso l’alto, analizzando in precedenza dove nascono i rami inferiori.
  2. È necessario cercare di districare quei rami che lo consentono, prima di tagliarli.
  3. Ma quei rami contorti che si intersecano sono quelli che vanno rimossi con molta cura, dando priorità a quelli che crescono bene.
  4. Se la crescita dei rami è stata molto grande e disordinata e non si è sufficientemente arrampicata, può subire una potatura più radicale per reindirizzare la sua crescita.

Come evitare parassiti e malattie del gelsomino rampicante?

La pianta del gelsomino può essere vittima di malattie fungine e batteriche, che minano radici, foglie e fusti, ma è anche suscettibile alla visita indesiderata di acari e insetti.

In questa gamma di disturbi, i funghi del suolo ottengono punti molto negativi per la salute della pianta . La Rhizoctonia, Phytophthora e Pythium sono alcuni dei responsabili dell’ingiallimento delle foglie, fino a quando non si seccano e cadono, morte.

Uno dei consigli per evitare questi attacchi improvvisi è quello di mantenere il terreno acido, perché in genere questi patogeni proliferano facilmente nei terreni alcalini.

Applicare l’irrigazione del compost fresco ogni tre settimane aiuta. Questa soluzione fornisce molti microrganismi benefici che si moltiplicano nel terreno, prevenendo la comparsa di agenti patogeni.

Diaporthe gardeniae è un altro fungo che attacca le parti aeree della pianta, provocando cancri brunastri su steli e foglie, fino a quando la pianta cede, si decompone e sembra avere dei buchi. Questa affettazione è molto comune nelle specie Cape Jasmine.

Gli oli essenziali come il Neem o il cumino sono molto efficaci nel prevenire questi mali. Afidi , mosche bianche e cocciniglie sono anche accaniti nemici del gelsomino. Producono indebolimento della pianta , foglie giallastre e crescita deformante.

Nel caso specifico degli afidi, provocano danni a gemme, fusti e foglie. Vengono sterminati con i loro nemici naturali: coccinelle e vespe parassite. Un altro modo per controllarli è applicare l’ estratto di tabacco negli spray.

Nel frattempo, le mosche bianche invadono la pagina inferiore delle foglie. Sono controllati introducendo Encarsia lahorensis, una vespa parassitoide. Le cocciniglie, invece, vengono eliminate con l’aiuto di acqua saponosa spalmata sugli steli della pianta, dove atterrano in modo significativo.

Forse ti interessano anche:
  • Cura del gelsomino: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Potare un gelsomino: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Irrigazione del gelsomino: [necessità, frequenza e procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.