Suggerimenti

Aloe Vera: [Semina, cura, irrigazione, substrato e parassiti]

Sapevi che l’ Aloe Vera è un’erba che aiuta a guarire le ferite ?

Inoltre… si usa per controllare l’acne e per lenire il prurito di alcuni insetti, come la fastidiosa zanzara. E per molte altre cose, basta guardare il numero di prodotti diversi che vengono venduti .

In generale, l’aloe vera sempre  ha goduto di un’ottima reputazione come erba medicinale . Di lei infatti parlava già Marco Polo quando visitò l’isola di Socrota.

 

Punti importanti per la semina dell’Aloe Vera:
  • Quando? In qualsiasi periodo dell’anno tranne l’inverno.
  • Dove? In un luogo dove non è né freddo né umido.
  • Tempo di raccolta? Tra 2-5 anni.
  • Come prepariamo il terreno? Il pH dovrebbe essere intorno a 6.5 e 7.0. Richiede un substrato ben drenante, inoltre, deve essere ben imbottito e areato.
  • Come innaffiamo? Si consiglia un sistema di irrigazione a goccia per mantenerlo idratato, ma senza ristagni d’acqua.
  • Quanto spesso annaffiamo? Una volta ogni 15 giorni.
  • Come seminiamo? Scavare una buca nel terreno. La profondità può variare a seconda delle dimensioni del pollone, ma dovrebbe essere almeno il doppio della dimensione della zolla.
  • Quando raccogliamo? Poi da 2 a 5 anni nel tardo pomeriggio.
  • Malattie e parassiti? Ragni rossi e cocciniglie.

 

Per i suoi numerosi benefici per la salute, l’ Aloe Vera è considerata una delle le piante medicinali più popolari  Intorno al mondo.

È una pianta erbacea , dal fusto corto, molto facile da coltivare e che non necessita di cure esaustive. In questo articolo ti diciamo come semina l’aloe vera in modo facile ed efficace .

  • Forse ti interessa anche: Piantare Aloe Ferox.

Quando dovrebbe essere coltivata l’aloe vera?

Il modo più semplice per coltivare l’aloe vera è farlo con i polloni , quindi il trapianto può essere effettuato in qualsiasi periodo dell’anno. tranne l’ inverno , soprattutto in quelle regioni dove le gelate sono molto intense.

Idealmente si consiglia la semina primaverile o autunnale .

 

Dove piantare l’aloe vera?

Trattandosi di una pianta adattata ai climi desertici, si raccomanda che il luogo in cui è piantato non sia freddo o umido .

Richiede luce solare, ma questa non deve necessariamente essere diretta .

UN  esposizione diretta tra 6 e 8 ore di luce  solare al giorno diventa sufficiente.

La sua temperatura ottimale di crescita è compresa tra 16 e 26 ºC.

Ogni quanto va annaffiato?

Richiede  innaffiature regolari e abbondanti , ma evitando le pozzanghere . Quindi l’ideale è di solito installare un sistema di irrigazione a goccia.

Può essere annaffiato ogni 15 giorni . È meglio lasciare asciugare gli strati superiori del terreno prima di annaffiare di nuovo. Quando fa molto caldo può essere annaffiato una volta ogni dieci giorni.

Si consiglia un impianto di irrigazione a goccia per mantenerlo idratato , ma senza eccessi che marciscono le radici.

Come prepariamo il terreno?

Richiede un substrato con un buon drenaggio. Se la pianti in vaso, assicurati che sia anche profonda almeno 50 cm , poiché le radici hanno bisogno di spazio sufficiente per svilupparsi.

La terra deve essere ricca di materia organica . L’aloe vera predilige terreni sciolti, sabbiosi, con un certo grado di acidità.

 Il pH dovrebbe essere intorno a 6.5 e 7.0. 

Il sottofondo, inoltre, deve essere ben imbottito e areato. Ritiene che l’incrostazione della terra ne impedisca lo sviluppo radicale .

Come seminare l’aloe vera passo dopo passo

Passaggio 1: fai trapiantare un pollone

L’ aloe vera produce piante coltivate che possono essere piantate in un altro vaso per la crescita.

Affinché il trapianto abbia più successo, procurati dei polloni alti almeno 8 cm.

Per estrarre i polloni, devi rimuovere con cura la pianta madre dal terreno . Questo sarà più facile se lasci asciugare il substrato. Nel caso in cui la pianta non esca con una semplice trazione, puoi usare un coltello per staccare la zolla della radice dal terreno o dal vaso.

Ispeziona le radici e gli steli. Usando il coltello, rimuovi quelli che sono asciutti o sembrano cattivi.

Separare le ventose con molta attenzione . Assicurati che siano abbastanza grandi e che abbiano già radici.

Passaggio 2: libera il terreno

Si toglie le erbacce e detriti da colture precedenti e tutti i tipi di residui per garantire che la tua aloe riceve la giusta quantità di nutrienti. 

Tutte le piante devono essere estirpate dalle radici per evitare che ricrescano .

Passaggio 3: preparare il terreno

Se hai intenzione di seminare in vaso,  mescolare il substrato ordinario con sabbia grossolana o substrato per cactus .

Puoi mettere uno strato di ghiaia sul fondo per aiutare con un buon drenaggio. Successivamente, è necessario aggiungere un po’ di terreno con sabbia o perlite , quindi aggiungere terreno da giardino ricco di sostanze nutritive.

Se pianti l’aloe vera all’aperto , assicurati di allentare il terreno a circa 1 metro di profondità , per garantire l’ancoraggio delle radici.

Potete concimare il terreno settimane prima del trapianto, con un po’ di humus .

Passaggio 4: metti le ventose nel terreno

scavare un  buco grande e abbastanza profondo in modo che la zolla della tua aloe cresca con facilità e le radici possano svilupparsi. La dimensione può variare a seconda delle dimensioni del pollone , ma deve essere almeno il doppio della dimensione della zolla.

Quando si pianta, controllare che nessuna radice sia rimasta fuori dal buco. Riempi il buco. Assicurati che il collo della radice, dove inizia lo stelo, non sia interrato, ma a livello del suolo.

Cerca di lasciare almeno due metri di separazione tra ogni pianta , per evitare di competere per le risorse.

Passaggio 5: prenditi cura della tua pianta appena trapiantata

Una volta trapiantato, lasciar trascorrere due settimane prima di annaffiare il terreno; Ciò faciliterà lo sviluppo dell’apparato radicale e un migliore radicamento nella terra.

Una volta all’anno dovresti aggiungere humus al terreno.

L’aloe vera tende a riprodursi rapidamente. Se non volete avere più piante, quando vedete che i polloni emergono dal terreno, tagliateli in modo che la pianta madre non sprechi risorse nello sviluppo di nuove piante.

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di aloe vera .

Come raccogliere l’Aloe Vera

L’aloe vera è pronta per essere raccolta quando  raggiunge i due anni e fino a cinque anni di età , poiché è durante questo periodo in cui le sue proprietà medicinali sono più efficaci.

Per lo stesso,  la raccolta non deve essere effettuata prima o dopo questo periodo. 

Per raccogliere, tagliare il gambo più esterno in basso, più vicino al suolo . Fai il taglio con un coltello affilato e pulito. La pianta guarirà da sola senza alterare la sua crescita.

Cerca di raccogliere nel tardo pomeriggio e annaffia un po’ dopo la raccolta, poiché ciò ridurrà lo stress sulla pianta.

Cura dell’aloe vera

Questa pianta non ha bisogno di cure eccessive ed è abbastanza resistente . Tuttavia, è importante conoscere alcune cose che possono influire e danneggiarti:

Buon sistema di drenaggio

Se pianti l’aloe vera in un vaso, assicurati che abbia un buon sistema di drenaggio. È una pianta che non tollera bene l’umidità in eccesso.

Evita le pozzanghere durante l’irrigazione

Quando innaffi, prova con l’irrigazione a goccia o con uno spruzzatore. Ma non innaffiare il terreno dove è piantata l’aloe vera.

Sole diretto? Sì, ma non troppo

Accetta il sole diretto per poche ore, ma soffre quando è superiore alle 7-8 ore. Pertanto, l’ideale è mettere la nostra pianta in un luogo ombreggiato o che riceva poche ore di luce solare diretta.

Quindi, l’aloe vera beneficia molto dell’essere una pianta da interno che decora le nostre case.

Le radici hanno bisogno di spazio

Affinché la pianta di aloe vera cresca, assicurati che le sue radici abbiano abbastanza spazio nel vaso. Un’altra opzione è trapiantare a terra, dove senza dubbio con i trattamenti appropriati può crescere molto di più.

Parassiti e malattie dell’Aloe Vera

L’aloe vera di solito non è colpita da parassiti . In ogni caso, i più comuni sono:

Ragno rosso (Tetranychus urticae)

Per controllare gli acari di ragno , si consiglia di mantenere pulite le colture di erbacce.

In climi abbastanza secchi si consiglia di annaffiare di notte per mantenere l’umidità.

cocciniglie

È uno dei parassiti più difficili da controllare poiché il suo corpo è ricoperto da escrescenze cerose bianche e i trattamenti chimici non hanno molto successo.

Tuttavia, il controllo biologico può essere effettuato da nemici naturali, come Cryptolaemus montrouzieri, un predatore di questo tipo di insetti.

Il rilascio avviene 15 giorni dopo l’eventuale trattamento, periodicamente in primavera o all’inizio dell’estate .

Per approfondire: Malattie dell’Aloe Vera.

Quali proprietà ha l’Aloe Vera?

L’aloe vera è una pianta dalle numerose proprietà benefiche per l’uomo.

Tra questi possiamo evidenziare:
  • Ideale per il trattamento delle cicatrici.
  • Aiuta a sbiancare i denti o le imperfezioni della pelle.
  • Combatti la stitichezza.
  • Può alleviare un certo dolore.
  • Aiuta a combattere l’acne.
  • In caso di dolore anginoso, un risciacquo con aloe vera può dare molto sollievo. Questo può essere fatto preparando il succo di aloe vera.
  • L’olio di aloe vera può anche essere un elemento antirughe. Aiuta la cura della pelle grazie al suo alto contenuto di col Ageno.
  • Lo shampoo all’aloe vera è l’ideale per prenderci cura dei nostri capelli.
  • Il gel di aloe vera può anche essere benefico per la nostra pelle.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.