Suggerimenti

Irrigazione di Kentia: [Necessità, frequenza e procedura]

Avere una palma a casa che decora perfettamente ogni angolo e anche dare quella sensazione da spiaggia che è così apprezzata è possibile con un kentia.

Queste palme sono facili da curare e si adattano perfettamente agli interni , quindi basta un bel vaso e la voglia di prendersene cura.

E in quest’ultimo punto ti sosterremo un po’ dandoti tutte le strategie efficaci in modo che sia un compito abbastanza facile per te.

Come si applica l’irrigazione Kentia, con quale frequenza e quali sono i principali problemi associati a questa cura? È tutto ciò che esamineremo in seguito. Vai avanti.

Punti importanti quando si innaffia un kentia:
  • Frequenza di irrigazione: nelle giornate calde può essere compresa tra 2 e 3 irrigazioni settimanali, mentre nella stagione fredda questa frequenza si riduce ad una irrigazione ogni 4 giorni, circa.
  • Metodo di irrigazione: annaffiatoio da interno . Docciaesterna, gocciolatoio o flessibile.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: al mattino.
  • Individuare l’acqua in eccesso: marciume radicale, comparsa di malattie come l’ oidio .
  • Identificare la mancanza d’acqua: foglie chedalla punta ingialliscono a coprire l’intera struttura. A volte diventano anche marroni quando la siccità è avanzata.

Quali esigenze di irrigazione hanno le kentie?

L’equilibrio dell’umidità del substrato di kentia è fondamentale per mantenersi in salute in quanto sensibili alla mancanza d’acqua . A loro volta, è anche difficile per loro avere acqua in eccesso, poiché le radici sono molto inclini a marcire se sottoposte a molta irrigazione.

L’ideale è programmare le annaffiature in modo che il substrato sia sempre leggermente umido , evitando così gli eccessi. In ogni caso, le condizioni stesse della pianta ti “parleranno” di quanto sia sana. Se noti che qualcosa non va e pensi che sia associato a dei rischi, dovrai applicare le modifiche corrispondenti.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nella kentia?

Una delle piante che naturalmente fa scattare gli allarmi in caso di mancata tempestiva irrigazione è la kentia.

Le foglie cominceranno a mostrare le punte gialle ea poco a poco si ricoperranno interamente di marrone , nello stesso tempo che si seccano.

Ciò renderà il tuo cavallo sgradevole e indicherà che devi apportare modifiche per migliorare queste condizioni.

L’ideale è applicare una prima irrigazione in profondità e poi continuare con una frequenza di irrigazione che sia utilizzabile.

Quanto spesso dovremmo innaffiare la kentia?

I rischi di ogni kentia saranno diversi perché risponderanno alle particolari esigenze degli esemplari e alle condizioni in cui vivono. Tuttavia, possiamo stabilire parametri che tendono ad essere usuali per la stragrande maggioranza dei casi e che danno buoni risultati:

  1. Nelle giornate estive l’ irrigazione può essere stabilita un paio di volte alla settimana , e può essere aumentata fino a 3 volte se l’ambiente è molto caldo e l’acqua evapora velocemente. Non dimenticare che stando in ambienti chiusi tende a consumare l’acqua più lentamente ma, allo stesso tempo, il substrato immagazzina meno umidità.
  2. Quando arriva l’ inverno , le innaffiature possono essere normalmente ogni 4 giorni . Allo stesso modo, l’intera struttura dello spazio deve essere presa in considerazione perché influenzerà il consumo totale di liquidi.

Se la kentia viene messa a dimora all’aperto , non sarà necessario annaffiare nei periodi piovosi perché otterranno ciò di cui hanno bisogno dall’ambiente.

Qual è il modo migliore per innaffiare la kentia?

Se hai il tuo kentia in casa, il metodo di irrigazione con un annaffiatoio sarà l’opzione ideale . Verificare che il flusso dell’acqua sia adeguato in modo da non formare pozzanghere e aggiungere la quantità necessaria di acqua in modo che cominci a defluire dal fondo.

Potrebbe essere necessario posizionare un piatto per raccogliere l’eccesso e non causare alcun disordine, ma rimuoverlo il prima possibile. Se è una giornata particolarmente calda o la fai in una zona riscaldata, puoi spruzzare le foglie di tanto in tanto.

Per l’irrigazione all’aperto si può utilizzare un annaffiatoio, un sistema di irrigazione a goccia o il tubo, avendo cura che il fogliame non si bagni.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nella kentia?

Un eccesso di acqua nella kentia provocherà l’inesorabile marciume delle sue radici e, quindi, la morte dell’intera pianta. Ma questo non è l’unico problema poiché un ambiente ad alta umidità dà accesso alla porta per la comparsa di funghi che influenzeranno la struttura.

L’oidio sente un’attrazione speciale per la kentia e potrebbe farla finita in brevissimo tempo, quindi controlla che non ci siano pozzanghere. Una kentia ben curata sarà un bello spettacolo per gli occhi e per rinfrescare qualsiasi spazio, ecco perché dovresti trattarla con tanto amore.

L’irrigazione di Kentia, se la pianifichi bene, non deve darti molto lavoro, quindi approfitta delle informazioni che ti abbiamo dato qui e mettile in pratica d’ora in poi.

Fonti e riferimenti bibliografici

  • https://books.google.es/books?hl=es&lr=lang_es&id=te1_DwAAQBAJ&oi=fnd&pg=PT4&dq=rriego+de+la+kentia+(Howea+forsteriana)&ots=nxrH-XQxIB&sig=sEzUjxjODCGm
  • https://books.google.es/books?hl=es&lr=lang_es&id=n90WEAAAQBAJ&oi=fnd&pg=PT2&dq=riego+de+la+kentia+(Howea+forsteriana)&ots=vcGXAUtXe-&sig=0D3_x94uya-qcJ
Forse ti interessano anche:
  • Kentia Care: [terreno, umidità, potatura e problemi]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *