Suggerimenti

Coltivazione dei semi di soia: la guida completa alla coltivazione, alla coltivazione e alla raccolta dei semi di soia

Che ci crediate o no, quando ho iniziato a coltivare la soia, è stato il primo tipo di fagiolo che abbia mai assaggiato. A quel tempo, circa 10 anni fa, l’edamame stava facendo le bizze come antipasto. Ho deciso di provare a coltivarli perché pensavo che sarebbero stati un ottimo spuntino pomeridiano. Ho imparato rapidamente che non sono uguali agli altri tipi di fagioli perché hanno esigenze e necessità di cura uniche. Il mio primo raccolto è stato povero, ma il gusto era fuori dal mondo. Non c’è niente di meglio del gusto dell’edamame appena colto.

Nonostante un primo round difficile, ho deciso di reimpiantare i fagioli. I semi di soia, a mio parere, richiedono un grande sforzo per essere mangiati, soprattutto quando si tratta di sbucciare i fagioli dai loro baccelli. Ho scoperto che la ricompensa ne valeva la pena, e mangiarli uno ad uno rendeva il lavoro divertente.

Il vostro giardino apprezzerà anche la soia. I bellissimi fiori bianchi della soia attirano gli impollinatori come farfalle nel giardino. I fagioli sono anche incredibilmente nutrienti e un’eccellente fonte di proteine per vegetariani e vegani.


Varietà di soia

Ci sono molte varietà di soia che si possono piantare nel giardino di casa. Vi chiedete quale sceglierete? Ecco alcune varietà popolari e i loro usi preferiti.

  • Tohya – Soia a maturazione precoce che produce baccelli su piante corte e robuste. Ideale per mangiare fresco.
  • Kuroshinju – Una varietà molto nutriente di soia, soprannominata “Perla nera” perché i fagioli diventano neri quando sono cotti. I baccelli sono facili da raccogliere e i fagioli hanno un sapore più pieno e dolce rispetto alle altre varietà.
  • Chiba Green – Prodotto a base di grossi fagioli grassi adatti ad essere consumati freschi o cotti. Le piante crescono più alte di alcune altre varietà, ma sono ancora abbastanza compatte.
  • Midori Giant – Produce molti fagioli che è meglio mangiare freschi. La sua abitudine alla crescita ad arbusto non richiede alcun sostegno.
  • Hokkaido nero – I fagioli neri da soli sono in realtà più facili da digerire rispetto agli altri semi di soia. Sono molto freschi o per fare il tè giapponese.
  • Shirofumi – I fagioli hanno un sapore dolce e un profilo di sapore di nocciola. I baccelli devono essere raccolti rapidamente per evitare che i fagioli si secchino.
  • Black Jet – Un’altra varietà di soia nera. I baccelli crescono su piante alte e cespugliose. È una varietà unica, perfetta per il giardiniere che vuole provare qualcosa di nuovo.


Piantare la soia


Requisiti del sole e del suolo

La coltivazione della soia è simile a quella di altri tipi di fagioli. Prediligono il pieno sole e preferiscono un terreno neutro o leggermente acido con un pH compreso tra 6,0 e 6,8. Sono adatti per essere piantati nelle zone 2-11 come annuali.


Quando piantare la soia

Le colture di soia hanno bisogno di una lunga e calda stagione di crescita per prosperare e non amano essere esposte al gelo. Dovrebbero essere piantati direttamente quando il terreno si è riscaldato e non c’è più il rischio di gelo all’orizzonte. La germinazione è rapida, come per altri tipi di fagioli.


Semina diretta

Aggiungere il fertilizzante all’area di piantagione prevista e seminare direttamente i semi. Come altri tipi di fagioli, i semi di soia non crescono bene quando vengono trapiantati a causa delle loro radici poco profonde. Piantate i fagioli 2-3 settimane dopo l’ultima gelata, quando la temperatura del suolo si aggira intorno ai 60 °F. Piantate i semi ad una profondità di 1 o 2 cm.


Spaziatura

Spaziare i fagioli a circa 4-6 cm di distanza l’uno dall’altro, con 24 cm tra le file. Se si utilizza il metodo di giardinaggio per piede quadrato, piantarne 9 per piede quadrato.

I semi di soia crescono simili ai fagioli di cespuglio, quindi non c’è bisogno di ingabbiarli o inchiodarli. Tuttavia, alcune persone preferiscono essere di sostegno, soprattutto coloro che vivono in zone ventose.


Prendersi cura dei semi di soia

Vi chiedete cosa fare una volta che la soia è germogliata? Ecco alcuni consigli per aiutarvi.


Protezione del raccolto di soia

Se c’è una cosa che dovete sapere sulla coltivazione della soia, è tenerla al caldo. Se si verifica una gelata casuale dopo la semina, utilizzare coperture antigelo per proteggere i semi di soia. Non lasciateli esposti, soffriranno se congelano.


Irrigazione

L’annaffiatura regolare è importante per i fagioli. Dare alle piante la stessa quantità d’acqua è particolarmente importante quando la soia inizia a produrre fiori e baccelli.


Tappezzeria

La pacciamatura aiuta a mantenere il terreno caldo, a trattenere l’umidità e a ridurre la crescita delle erbe infestanti, quindi andate avanti e pacciamate la base delle vostre piante di soia.


Diserbo

Fate attenzione quando estirpate i semi di soia. Non dimenticate che ai fagioli non piace essere trapiantati. Perché? Le loro radici sono poco profonde e non amano essere disturbate. Un’erbaccia aggressiva può influenzare le radici delle piante.


Concimazione

Non c’è bisogno di nutrire i vostri semi di soia con fertilizzanti a base di azoto una volta che sono stati piantati. Basta essere sicuri di modificare la vostra area di piantagione con il fertilizzante prima di piantare, e di nuovo nel bel mezzo della stagione.


Semina della tenuta

I fagioli, in generale, sono una coltura ideale per la semina in successione. La soia non fa eccezione alla regola. Stendete le vostre piantine per un raccolto continuo di baccelli freschi. Dovrete mantenere le vostre piante abbastanza vicine tra loro perché la soia richiede un lungo periodo di crescita calda. Aspettate una settimana o due dopo la prima semina e piantate un altro set di semi.


Rotazione delle colture

Evitate di coltivare la soia dove avete piantato i fagioli l’anno precedente per evitare la diffusione di malattie.


Problemi e soluzioni per la soia

Mi chiedo cosa potrebbe andare storto con la soia. Secondo la mia esperienza, non tanto. La maggior parte dei problemi si verifica nelle grandi aziende agricole che coltivano soia per scopi commerciali. Ma ecco alcuni problemi che il giardiniere dilettante può incontrare.


Problemi

  • Nessun baccello – Non vedete nessun baccello formarsi sulla vostra soia? Se notate dei baccelli che cadono dalla vostra pianta, non preoccupatevi. È naturale. Ma se non avete più baccelli da raccogliere, c’è un problema. I fattori ambientali possono contribuire alla situazione della capsula. Troppa umidità può promuovere malattie e ritardare la crescita delle piante. La mancanza di umidità è un altro colpevole, così come la troppa ombra. Mentre i semi di soia amano il calore, il calore estremo può anche causare la caduta della pianta o impedire la produzione di baccelli.
  • Cialde vuote – Questo può richiedere solo pazienza da parte vostra. La soia non è una coltura per il giardiniere impaziente. Può essere necessario più di un mese prima che le gondole si riempiano una volta che sono sul posto. Se avete aspettato e avete ancora dei baccelli vuoti, potreste avere a che fare con uno squilibrio del terreno.


Bug

Probabilmente avete più problemi con i mammiferi che si nutrono nel vostro giardino che con gli insetti. Ai cervi e ai piccoli mammiferi piace masticare i baccelli come spuntino.


Scarafaggio messicano

Nel giardino della casa non ci sono troppi parassiti della soia di cui preoccuparsi. Potreste avere problemi con i coleotteri di soia messicani, ma raccoglierli o spruzzarli con una soluzione fatta in casa può aiutarvi a controllare un’infestazione.


Afidi

Gli afidi sono facili da gestire perché i piccoli insetti non possono essere tenuti nel fogliame una volta spruzzati con un forte flusso d’acqua dal tubo del giardino. Dopo la spruzzatura, trattare le piante regolarmente con olio di neem.


Cavalletta

Le cavallette amano masticare le foglie, che diventano gialle e cominciano ad arricciarsi. Usano uno spray fatto in casa per sbarazzarsene. Sono più comuni nei climi meridionali.


Funghi

Purtroppo, i semi di soia sono soggetti a numerose malattie fungine come l’oidio, il marciume delle radici, l’antrace, la sordità cercosporea e la sclerotinia. Ma con un po’ di cautela, si possono evitare.

Tenere le piante ben distanziate per evitare l’affollamento. Le piante troppo vicine tra loro possono favorire condizioni di umidità e quindi essere più suscettibili alle malattie. Si dovrebbe anche evitare l’irrigazione alta e alta.

È anche possibile selezionare le varietà resistenti. Assicuratevi di ruotare le colture, di arare il terreno in inverno e di tenere i vostri giardini liberi dalle erbacce.


Ustione batterica

Il fuoco batterico è causato da batteri che si diffondono attraverso il vento e l’acqua. Penetra attraverso le ferite della soia, rendendo essenziale il controllo dei parassiti. Vedrete delle macchie marroni sui bordi delle foglie, che diventeranno rosse e cadranno dalla foglia. Raccogliere le tarme resistenti, dissodare in autunno e in primavera e utilizzare un fungicida a base di rame per controllarle.


I partner di soia

Piantare in un’azienda permette di coltivare piante belle fianco a fianco. I migliori compagni per una pianta sono quelli che si aiutano a vicenda a prosperare, o almeno non competono per le sostanze nutritive. Questi sono i migliori e peggiori compagni di soia.


I migliori compagni

  • Mais
  • Zucca
  • Patate
  • Cetrioli
  • Fragola
  • Sedano
  • Salato estivo


I peggiori partner

Evitare di piantare semi di soia accanto a piante della famiglia degli alliuri come :

  • Cipolla
  • Aglio
  • Erba cipollina


Raccolta e stoccaggio della soia

I semi di soia vengono solitamente raccolti quando sono immaturi e i fagioli non sono ancora completamente secchi all’interno del baccello, da 70 a 160 giorni dopo la semina. Le dimensioni sono un buon indicatore di quando è il momento di raccogliere l’edamame. Una volta che i baccelli sono lunghi qualche centimetro e un po’ grassi, possono essere raccolti. Basta assicurarsi che le capsule siano un po’ paffute. Altrimenti, si possono raccogliere i baccelli che sono vuoti, senza fagioli all’interno.

Se volete fare un prodotto a base di soia come il tofu, dovrete lasciar maturare completamente i fagioli prima di raccoglierli, in modo da poter raccogliere i fagioli secchi. Aspettare che le foglie diventino gialle e i baccelli marroni. A quel punto i semi saranno asciutti e pronti per essere conservati.

I baccelli di Edamame possono essere conservati per una settimana in un contenitore ermetico nel frigorifero. Si possono anche congelare i semi di soia. Assicuratevi di sbiancare prima i baccelli. I fagioli possono essere conservati in un luogo asciutto per un anno. Possono anche essere conservati per essere piantati l’anno successivo.

Cucinare sempre l’edamame prima di mangiare. I fagioli non devono essere mangiati crudi.


Ricette a base di soia

Ti stai chiedendo come usare la soia in cucina? Ecco alcune idee di ricette per stimolare la vostra immaginazione culinaria.

Soia gialla piccante, lenticchie e carote al curry. Sapevate che si possono usare i fagioli di soia essiccati come qualsiasi altro fagiolo? Provate questo confortante curry vegetariano in un freddo pomeriggio d’inverno.

Falafel di soia – Mi piace usare i ceci per i miei falafel, ma ecco una ricetta che usa invece la soia.

Tofu fatto in casa – Fai il tofu a casa con questa semplice guida su come farlo.

Tempeh fatto in casa – Realizzato con soia fermentata, questo piatto vegano preferito è più gustoso e migliore per voi del normale tofu.

Cosa ti piace fare con il tuo edamame raccolto? Preferisco mangiarli scottati con un po’ di sale. Si abbinano molto bene anche con il sushi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *