Suggerimenti

Piante pensili da interno: [15 esempi + cura, irrigazione e substrato]

Le piante da interno sospese sono perfette per qualsiasi stanza della casa.

Indispensabile per rallegrare la nostra vita, purificare gli ambienti e decorare quell’angolo speciale dove potrebbe essere necessario fare qualche accorgimento per emulare una giungla tropicale o un clima caldo, con tanta luce naturale o mezz’ombra.

Sono fedeli, rilassanti, colorati, alcuni con foglie insolite e steli a cascata che, sebbene richiedano cure minime, attenzioni che non sono così complicate purché mettiamo il cuore nel nobile mestiere del giardinaggio.

Entrare nell’affascinante mondo delle piante pensili è un privilegio che condivideremo con voi, in un semplice tour dove impareremo tutto su 15 spettacolari piante da interno pensili che non vi deluderanno mai.

Coda d’asino

La coda d’asino , il cui nome scientifico è Sedum morganianum, è una pianta succulenta che appartiene alla famiglia delle Crassulaceae. La sua origine è messicana.

È anche conosciuto come Sheep’s Tail o Drunk’s Nose ed è davvero sensazionale coltivarlo in cesti appesi per decorare spazi molto speciali della tua casa. Pertanto, può essere un’ottima alternativa come pianta da interno sospesa.

È costituito da una successione di foglie praticamente cilindriche di una tonalità verde grigiastra che pendono grazie ai suoi lunghi steli con una bella caduta.

Queste caratteristiche  lo rendono una pianta da interno perfetta per gli inesperti. È anche molto, molto resistente

Non richiede grandi cure. È solo necessario coltivarlo in un vaso con un ottimo drenaggio, che dovresti posizionare in un luogo con una buona altezza quando i suoi steli raggiungono la piena crescita, per proteggere le sue foglie uniche.

Piccoli fiori rosa spuntano in primavera e in estate all’estremità degli steli , ma ciò accade raramente, a meno che non venga incoraggiato a tenerlo al riparo dal sole durante le giornate estive.

Un’altra caratteristica che lo identifica è che si riproduce molto facilmente, perché basta prendere una talea e incollarlo nel substrato inumidito. Presto nascerà un nuovo impianto che, in verità , sarà tranquillo autosufficiente e non richiederà grandi cure. 

Vediamo quali sono le esigenze minime di questa pianta americana capace di immagazzinare acqua nelle sue foglie uniche.

Temperatura

La coda d’asino è più alta di molte altre succulente nel compito di adattarsi alle alte temperature. Gli piace il caldo. Ma tollera anche temperature minime comprese tra 5 e 7 °C. 

Tuttavia, non è una cattiva idea aiutarlo a riposare in inverno , quando lo si dovrebbe tenere in zone piuttosto fresche che lo manterranno con le foglie piene d’acqua.

Leggero

indubbiamente,  Una priorità per lei è la necessità di una generosa luce indiretta. 

Anche se è vero che non sopporta l’esposizione a una forte luce solare, questa pianta richiede almeno 4 ore di sole indiretto. Se ciò non accade, noterai come le loro foglie si seccheranno fino a perdere la lucentezza e la forma. Non crescerà e sembrerà davvero molto pallido.

Substrato e Compost

Concimare il Sedum Morganianum circa due o tre volte l’anno, perché anche se è vero che il suo mantenimento è minimo, va stimolato affinché il suo fogliame sia fecondo.

Un fertilizzante eccellente aiuterà molto circa due volte l’anno. Ma se noti che è cresciuto molto , dovresti spostarlo in un vaso più grande.

E per quanto riguarda il substrato, cerca nel mercato uno per i cactus . Oppure creane uno con le tue mani, aggiungendo a un substrato universale, perlite e sabbia allo stesso modo.

Anche il rinnovo del supporto dovrebbe essere effettuato in un periodo di due o tre anni.

Ma la cosa più importante è davvero ottenere il meglio dagli scarichi, perché Le radici della coda dell’asino marciscono con totale facilità e velocità. 

L’eccesso di umidità è il tuo peggior nemico.

Irrigazione

Come abbiamo già spiegato, la grande capacità di immagazzinare acqua è direttamente proporzionale alla poca irrigazione che richiede.

Una volta ogni 15 giorni è la cosa prudente da fare in primavera o in estate . Altrimenti rovineresti le sue foglie. E il substrato deve sempre essersi asciugato, prima di iniziare una nuova irrigazione. Controllalo sempre con l’aiuto del tuo senso del tatto.

In inverno , la pianta va in eccesso e non cresce. Basta innaffiarlo una volta al mese. Niente di più. E qui è molto più importante che il drenaggio del vaso sia perfetto , ottenendo un filtraggio fluido dell’acqua in eccesso, senza che il terreno trabocchi.

Per quanto riguarda il tempo di riprodursi, aspettate l’arrivo della primavera e che le temperature siano miti . Le talee decolleranno rapidamente se il substrato è adatto.

Hanno grandi capacità di radicamento . Un buon momento per farlo è quando alcune delle sue foglie iniziano a cadere . Lì procede il trapianto .

A patto di coltivare in vaso sospeso ben drenato , si otterranno ottimi risultati che faranno invidia a tutti coloro che osserveranno questa bella pianta succulenta a bassa manutenzione e di altissimo valore ornamentale , grazie alla sua imponente presenza.

Tradescantia

Un’altra pianta nobile che può prosperare in vasi appesi oa livello del suolo data la sua condizione strisciante, è la Tradescantia (Tradescantia pallida) meglio conosciuta come luccichio o amore degli uomini.

Né richiede più attenzione o cura.

Originaria del Messico, ha avuto una straordinaria capacità di attraversare i confini e moltiplicarsi in tutto il mondo con grande adattabilità ad ambienti diversi dal suo luogo di origine.

È uno dei preferiti quando si tratta di ottenere contrasti colorati, grazie a  le sue foglie viola con bordi in una tonalità rosata unica e alcune infiorescenze rosa molto estive. 

Il suo taglio sospeso può essere utilizzato all’interno , purché si utilizzino vasi per creare effetti di tappezzeria in aree illuminate naturalmente.

Ideale per i principianti nell’affascinante mondo del giardinaggio , Tradescantia è a bassa manutenzione . Non chiede molto.

È davvero versatile.  Risponde molto bene se lo sottoponi a una crescita sospesa, o come esempio “copertura del suolo” nel tuo giardino di casa, creando tappeti perfetti con la sua chioma espansiva di radici che spuntano tra i suoi nodi, permettendogli di aderire bene alla superficie che invade.

Le specie più popolari, la tradescantia purpurea, la zebrina, la spathacea virginiana o la sella montana , sono fedeli alla loro fortezza di ferro .

 È anche un bene che tu sappia che ci sono più di 70 specie di questo genere, Quasi tutti provengono dal continente americano, dal Canada al nord all’Argentina al sud. Specie che hanno ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo, data la loro grande capacità di incrociarsi e creare ibridi in modo naturale.

C’è chi usa gli ormoni per stimolare il radicamento, ma in realtà la sua riproduzione per talea è di una risposta superiore in questa pianta, soprattutto nel periodo tra la primavera e l’autunno.

Temperatura

Valori minimi tra  Da 12 a 15 ° C saranno sufficienti per lo sviluppo. E bassa umidità. 

È talmente nobile che può adattarsi ai periodi di siccità , data la sua scarsa manutenzione, ma non può vivere tra nevicate o temperature inferiori a -3°C.

Leggero

Una buona luce naturale è essenziale nella sua lunga esistenza. Altrimenti, le loro foglie perderanno il loro aspetto, svaniranno fino a quando non sembreranno sbiadite e cadute.

In breve, luce abbondante per espandersi, crescere e fiorire. Ma va d’accordo anche meravigliosamente con l’ombra, purché non duri così a lungo.

Substrato e Compost

Usa fertilizzanti liquidi ogni 15 giorni nell’acqua di irrigazione , in primavera, se vuoi stimolarne la bellezza con un buon compost mentre la Tradescantia cresce.

Nel periodo dormiente della pianta, sarà super appropriato applicare fertilizzanti ogni tre settimane o poco più.

E tutte le parti improduttive della pianta le tolgono energia , quindi, con molta cura, esegui una potatura che non influisca sulla crescita dei suoi rami.

Irrigazione

in vaso,  il drenaggio dei fluidi è essenziale affinché l’acqua non ristagni nel substrato. Tra un’annaffiatura e l’altra il terreno deve essere sempre asciutto , al chiuso, come nei giardini e nei balconi.

Tieni sempre d’occhio questa variabile, o perderai un grande alleato.

Solo in estate innaffiare il substrato due volte a settimana e ogni dieci giorni o più nel periodo invernale.

E curare le malattie causate dalla presenza di elevata umidità, poiché i fusti marciscono così come le radici, a causa di una muffa grigia che ne invade anche le foglie. Rimuovi le aree malate e vedrai che si riprenderà rapidamente per mostrarti tutto il suo splendore viola.

Edera (Hedera Helix)

L’edera comune o Hedera Helix , insieme alla Canariensis o alle Canarie, sono varietà create appositamente dalla natura per essere coltivate indoor, dove le loro foglie dipinte di bianco e sfumature dorate si moltiplicano senza problemi in molte case del continente europeo. da, che richiede poco e dà molto.

Si è diffuso in Nord Africa, Isole Canarie, Giappone e Asia centrale. Può essere una buona opzione in casa come pianta da interno sospesa in casa, ma fai attenzione perché si espande facilmente.

Attualmente sono circa 15 i tipi identificati, dove, oltre al comune e alle Isole Canarie, spiccano specie come: Hedera colchica (Edera caucasica), Hedera maroccana, Hedera algeriensis (Edera algerina), Hedera nepalensis (Edera nepalese).

Questa pianta ornamentale , speciale per decorare gli ambienti, appartiene alla famiglia delle araliaceae e funziona molto bene anche all’aperto , ma non spreca mai le sue grandi potenzialità di modellarsi in giardini pensili verticali o orizzontali.

La sua capacità di adattamento è stata grande. È passato dalle serre, dove prima veniva tenuto al sicuro, alle zone calde dove ora crescono varietà nane o variegate.

Una delle sue principali attrazioni sono proprio le sue foglie verde scuro , che hanno da 3 a 4 lobi che formano figure ovali o ellittiche verso l’area del grappolo. Esistono anche tonalità macchiate, con strisce bianche o gialle , dette variegate.

Ha piccoli fiori che non contrastano con lo splendore delle sue foglie . Li vedrai tra la tarda primavera e l’inizio dell’autunno . E frutti o bacche tossici gialli, verdi o neri che raggiungono a malapena mezzo centimetro di diametro.

All’aperto, si comporta  come un efficiente rampicante capace di raggiungere grandi estensioni su fusti che possono superare i 15 metri,  grazie al fatto che hanno una natura legnosa infallibile che gli permette di comportarsi come un rampicante capace di ricoprire tutto: giardini, pavimenti, pareti o muri.

Ci sono anche alcune varietà che  superano i 40 metri di lunghezza nei loro steli. 

Vengono quindi utilizzati come piante di copertura per muri, sbarre, colonne, pendii o sottobosco.

Se hai intenzione di coltivarlo in casa, i vasi sospesi sono l’ideale. Non ti pentirai di esserti preso cura di lui a casa. Vuoi sapere come? Ecco alcune indicazioni pratiche.

Temperatura

Una temperatura compresa tra 15 e 21°C è perfetta, il che non toglie che non sia in grado di resistere, ad esempio, alla prova di resistere ai 5°C in inverno, o a massime fino a 32°C in estate. Piuttosto il contrario. Ivy è davvero resistente alle intemperie.

Attenzione però a non esporlo troppo a lungo a queste variazioni ambientali per lunghi periodi, perché le sue belle foglie soffriranno fino a quando non si seccano e muoiono.

Leggero

Ha davvero bisogno di poca luce. Ma gli piace la morbida luce naturale.

Se non è vicino a una finestra, non si lamenterà dei cambiamenti nella sua morfologia. No signore. Sopporterà ambienti calmi non così bui dove le sue foglie sbiadiscono per mancanza dell’incidenza dei raggi solari.

L’edera , senza dubbio, fa meglio se la esponi regolarmente al pieno sole o se stai in luoghi ombreggiati. E non viene ucciso dalle gelate, o dagli sbalzi di temperatura, perché si impone il coraggio della variegata specie. Dategli il sole per qualche ora al giorno e saprà ringraziarvi più di ogni altra cosa.

Substrato e Compost

Utilizzare un fertilizzante minerale almeno una volta al mese in primavera. In estate arriva anche questo aiuto, che l’ Edera apprezzerà molto.

Un terreno ricco di terriccio da giardino con una miscela equilibrata di torba e sabbia le sarà di grande sollievo, perché il drenaggio scorrerà senza problemi con conseguenze fatali per le sue radici.

Il pH del terreno ideale per la sua crescita è vicino a 6 e sarà molto meglio se puoi aggiungere uno strato di humus di lombrico o compost , quando la pianta supera i sei mesi di vita sotto il tuo riparo. Questa aggiunta sarà spettacolare per migliorare la sua crescita sana.

Irrigazione

Un sistema di irrigazione ottimale ed equilibrato è quello che mantiene umido il substrato senza ristagnare la sua morfologia, in particolare le sue radici.

Ad esempio, l’ inverno è la stagione in cui riceverà meno acqua. Una spruzzata sarà sufficiente finché il terreno si sarà completamente asciugato, cosa che di solito si verifica al massimo una volta alla settimana per le varietà da interno.

Fai spruzzi occasionali dei suoi rami in inverno ,

che sarà anche ben utilizzato da questa popolare pianta rampicante. Soprattutto quando inizi a notare che le sue foglie cambiano in una consistenza ruvida marrone o giallastra. Questo indica che hai solo bisogno di idratazione.

Ma quando arriva il caldo estivo, l’irrigazione dovrebbe essere aumentata con una frequenza stimata di 3 o 4 volte a settimana per dargli un’idratazione permanente.

Approfitta anche della potatura all’inizio della primavera e stimola così una crescita sana ed evita l’invasione inappropriata dei suoi fusti flessibili in muri, grondaie e persino tubi. Se non stai attento, si intrufola ovunque, all’altezza del suo nome.

Goditi questa pianta fedele alle tue idee decorative ristrutturanti in casa, con un impatto economico a basso costo data la sua minima manutenzione.

La colonna

La Columnea è un’altra pianta da interno appartenente alla famiglia delle Gesneriáceas, originaria delle zone della giungla del Centro America, ma che è riuscita anche a diffondersi in tutto il mondo, con più di 150 specie, tra ibridi compresi, che si adattano molto bene a vari ambienti.

Oltre alla popolare Columnea microphylla , spiccano le seguenti specie: Columnea hirta, Columnea kewensis, Columnea gloriosa, Columnea schiediana e Columnea aurantica.

La Columnea Microphylla è la specie che meglio si adatta come pianta ricadente, purché cresca in idonei vasi, oppure assume anche modalità di pianta strisciante con grande copertura del suolo, come fa la Columnea hirsuta.

I suoi steli sono lunghi e portano foglie rotonde sempreverdi opposte. Allo stesso modo, nella zona ascellare compaiono fiori colorati arancioni , rossi o viola, che hanno curiose forme tubolari.

Questo spettacolo visivo ha dato a La Columnea una meritata fama, sia in primavera che in estate, i cui massicci fiori arancioni e rossi appesi ai lunghi steli, ricordano il movimento nell’acqua del pesce “carpa dorata”, con un effetto traboccante che sembra far saltare fuori dal vaso questi allegri fiori tubolari così forti da poterci regalare i loro allegri colori anche in autunno.

A volte la fioritura dura fino all’arrivo dell’inverno.

Una caratteristica eccezionale è legata ai suoi steli malleabili e molto flessibili che nascono con una tale fermezza da consentire loro di crescere e poi cadere, come una cascata, un vero spettacolo visivo rinfrescante di cui si può sfruttare appieno.

Temperatura

Richiede di vivere in ambienti caldi, tra i 20 ei 22°C, ma nella stagione della fioritura la temperatura dovrebbe oscillare tra i 13 ei 16°C circa.

Le gelate sono il suo punto debole. La Colonna semplicemente non è nata per resistere a temperature inferiori a zero gradi Celsius. Cerca sempre di non esporlo oltre i 10°C, il suo limite inferiore.

Leggero

La Columnea Microphylla ammette di vivere serenamente in ambienti interni ben illuminati, purché l’incidenza dei raggi solari sia indiretta e di correnti secche o fredde.

Posiziona il vaso in una zona ombreggiata della tua casa e vedrai quanto velocemente si svilupperà la tua Columnea.

Substrato e Compost

In termini generali questa pianta viene quasi sempre coltivata in vasi alti o sospesi in modo da far avanzare completamente i suoi steli, perché crescono sempre fino a pendere diversi metri verso il basso. Ma questo contenitore in cui vivrà la tua Columnea deve essere preventivamente preparato con una miscela di terreno argilloso con torba.

In estate e in autunno è opportuno fornire un concime minerale che lo nutra. Cerca sul mercato quelli che non contengono calcio e applicalo ogni 30 giorni.

Il substrato, non dimenticare, è leggero e acido.

Il trapianto

Sommario

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *