Suggerimenti

Innesti nelle piante orticole: cosa sono e come si fanno

Molto bene a tutti gli Agrohuerter. Oggi volevo commentare una pratica fino a poco tempo fa sconosciuta, l’innesto nelle colture orticole. Normalmente pensiamo agli innesti come a qualcosa di esclusivo delle specie arboree e questo non è il caso poiché attualmente sono molto usati nelle piante di pomodoro , angurie, meloni e molto lunghi ecc. Come sempre, iniziamo con i più basilari:

Che cos’è un innesto?

Sia un innesto nelle colture orticole che negli alberi è un metodo di propagazione vegetativa che consiste nell’unire una specie vegetale già consolidata (schema, portainnesto o piede) con la varietà da innestare (innesto) in modo che crescano insieme come un unico organismo. Per così dire, una pianta nasce dalla radice di un’altra.

Perché si fanno gli innesti negli orticoli?

Normalmente, con gli innesti nelle colture orticole, si cerca di combinare le proprietà benefiche delle due specie innestate, come segue:

Il portainnesto o modello è solitamente una specie resistente a determinati parassiti o malattie a cui la varietà innestata è suscettibile di contrarsi, o la sua resistenza all’ambiente è maggiore (specie autoctona, più rustica, più specializzata a determinati climi ecc…) fornendo la varietà innestata un supporto più vigoroso per crescere di più.

La parte superiore , che si innesta sul portainnesto, è solitamente una varietà commerciale, apprezzata, con un buon indice produttivo, che non si sviluppa bene in alcuni luoghi da sola perché suscettibile alle malattie del suolo in cui viene coltivata. coltiverai o alle esigenze climatiche dell’ambiente ricevente.

Unendo queste due dimensioni otteniamo una coltura resistente e produttiva.

Requisiti di un innesto in orticoltura:

Gli innesti nelle colture orticole sono possibili solo tra specie affini, strettamente imparentate tra loro, altrimenti i tessuti non sarebbero compatibili ed entrambe le piante morirebbero… ” per formarsi tra i due tagli, durante quel tempo, le condizioni di umidità e temperatura devono essere strettamente controllate per garantire che entrambe le parti si uniscano correttamente.

Umidità: I tessuti tagliati devono essere mantenuti in condizioni di umidità molto elevata in modo che non perdano acqua prima dell’innesto. Se per caso l’umidità dovesse calare, i tessuti verrebbero suberificati, impedendo l’unione.

Temperatura: La temperatura è la chiave per la formazione del “callo” tra le due specie. Si consiglia di mantenere una temperatura compresa tra 20 e 28ºC durante la fase di incollaggio.

Tecniche di innesto in orticoltura

Fare un innesto nelle piante orticole è complicato, ma tutto è per dimostrarlo, vi lascio le tecniche più utilizzate oggi per effettuare un innesto nelle specie orticole.

Innesto di approssimazione

Questa tecnica di innesto nelle colture orticole è quella più utilizzata dalle case commerciali, soprattutto negli innesti di zucca (portinnesto) con anguria. Consiste nell’unire le due varietà mediante il loro gambo. Nel portainnesto si pratica un’incisione verso il basso dalla prima foglia vera fino al centro del fusto e nella varietà innestata si fa lo stesso ma verso l’alto. Queste due incisioni vengono assemblate e tenute (con nastro isolante o colle speciali) fino a quando non si uniscono, il che è più facile perché le radici di entrambe le specie vengono conservate, il fusto non viene tagliato prima dell’unione. Infine si taglia il fusto della varietà innestata e si ha il risultato finale.

Innesto a punta o a cuneo

Tecnica molto utilizzata negli agrumi che consiste nel recidere il fusto della varietà da innestare al di sotto dei suoi cotiledoni, effettuando uno smusso (spiga) alla fine del taglio. Tagliare il gambo del portainnesto praticando una fessura tra i suoi cotiledoni fino all’interno del gambo verso il basso. Inserisci il plettro nella scanalatura, tipico sistema maschio e femmina, e fissalo con un morsetto, nastro adesivo o colla.

Innesto di giunzione

Questa tecnica è simile alla precedente con qualche differenza. Il motivo a smusso è tagliato sotto o sopra i cotiledoni. La varietà che si desidera inserire taglia con uno smusso dello stesso angolo del precedente in modo che abbia lo stesso diametro del motivo nel punto di taglio. Entrambi i germogli vengono uniti unendoli con uno speciale morsetto a forma di tubo.

Innesto attaccato

Tecnica che attualmente viene eseguita principalmente dalle macchine. Consiste nel tagliare la varietà da innestare in una spiga con una certa angolazione. Nella varietà portainnesto si effettuano due tagli, il primo rimuove uno dei cotiledoni e l’apice vegetativo e il secondo rimuove la radice. La varietà da innestare viene attaccata al taglio superiore, facendo coincidere i tagli. Mentre l’unione è stabilita, il radicamento del portainnesto avviene nel taglio inferiore.

Bene, la verità è che tutte le tecniche sono abbastanza complicate per i giardinieri che stanno iniziando, ma la conoscenza non avviene e spero che dopo aver letto questo tu possa almeno distinguere se la pianta che acquisisci proviene da un innesto o meno. Ci sarà tempo per eseguire l’innesto nelle colture orticole in seguito.

Ti auguro il meglio !

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *