Suggerimenti

Malattie e parassiti del pistacchio: controllo e prevenzione

Ciao agrouristi. In questo articolo vi racconteremo quali sono i principali parassiti e malattie dell’albero del pistacchio , meglio conosciuto come pistacchio . Inoltre, per darti tutte le linee guida per eliminarli e combatterli.

1. Peculiarità del pistacchio contro parassiti e malattie

Come già saprai, il clima giusto per coltivare i pistacchi deve avere estati lunghe, calde e secche , che ridurranno la comparsa di parassiti e malattie , a causa di queste alte temperature e della bassa umidità.

D’altra parte, e più in particolare in Spagna, essendo un albero coltivato da pochi anni, parassiti e malattie non si sono ancora adattati ad esso , quindi l’incidenza dei nemici naturali qui è più bassa che in altri paesi, come l’Iran o negli Stati Uniti, dove è coltivato da molto più tempo e, quindi, i problemi di parassiti e malattie sono più gravi. Tuttavia, è vero che l’incidenza di parassiti e malattie nelle piantagioni di pistacchi spagnoli è in aumento.

Come punto positivo, possiamo dire che il pistacchio è un albero di grande rusticità , il che significa che è in grado di sopravvivere in condizioni avverse e, quindi, non è così sensibile a parassiti e malattie come altri alberi da frutto. Ovviamente questo non li “sbarazza” ma è più resistente.

2. I parassiti del pistacchio

2.1. Insetto verde ( Nezara viridula L. )

Questi emitteri danneggeranno i frutti quando introducono il loro apparato boccale per nutrirsi della linfa.

Quali danni provoca l’insetto verde?

Quando questi emitteri si nutrono, lasciano nei frutti piccoli fori , attorno ai quali appariranno macchie nere irregolari . Inoltre, attraverso questi fori, gli alberi possono contrarre altre malattie come la Botriosfera.

Misure di prevenzione e controllo delle cimici dei letti verdi

Questi insetti svernano nelle piante avventizie e nelle foglie secche che circondano il raccolto e, una volta arrivata la primavera, escono per nutrirsi. Pertanto, è consigliabile rimuovere queste piante e foglie per prevenirne la comparsa.

Come controllo biologico misure , nemici naturali che sono i parassiti delle loro uova, come ad esempio T basalis rissolcus e Ooencyrtus , può essere introdotta . Esistono anche altre specie come Trichopoda pennipes che sono in grado di parassitare gli adulti.

Un’altra misura ecologicamente utilizzabile è l’ olio di paraffina , applicato a fine inverno in una soluzione di 5-7 cm 3 ogni 10 litri d’acqua. Possono anche essere dell’aglio repellente e dell’olio di neem .

2.2. Piral o Farina ( Plodia interpunctella )

È un tipo di lepidottero molto comune nella frutta a guscio e la cui incidenza si verifica principalmente quando i frutti vengono immagazzinati . Gli adulti non provocano danni, il problema arriva con le larve. Quando i pistacchi iniziano ad aprirsi, le femmine depongono le uova nelle zone in cui è stato aperto il guscio. Una volta che le uova si schiudono, le larve iniziano a nutrirsi, lasciando a loro volta una sorta di detriti setosi e danni come quelli nell’immagine seguente.

Misure di controllo e prevenzione per la tignola della farina

Come misure di controllo, la cosa principale è mantenere una buona ventilazione nei magazzini. Gli adulti possono anche essere catturati con trappole appiccicose prima che depongano le uova. Sono presenti anche parassiti delle larve di questa falena come Venturia canesces o Habrobracon hebetor , e delle uova, come Trichogramma pretiosum.

2.3. Pistacchio psilas ( Agonoscena pistaciae e A. targionii )

Queste due specie di Agonoscena sono insetti dell’ordine degli hemíptera, che si nutrono succhiando la linfa dei pistacchi sia allo stadio di ninfa che allo stadio di adulto. Le femmine depongono le uova sulla pagina inferiore della foglia durante la primavera, successivamente le uova si schiudono dando origine alle ninfe.

Come identificare le psilas del pistacchio?

La più alta incidenza di questo insetto va dal germogliamento a dopo il raccolto. Durante questo periodo bisogna guardare la pagina inferiore delle foglie giovani e cercare le uova (puntini giallastri molto piccoli). Può anche darsi che le uova siano già schiuse e che abbiamo delle ninfe , che saranno anch’esse di colore giallastro e potranno trovarsi sia nel fascio che nella pagina inferiore della foglia. Un altro indizio è che ci devono essere tracce di una sostanza cotonosa.

I sintomi che producono sono: ingiallimento, arricciamento e necrosi delle foglie

Misure di controllo e prevenzione della psilla al pistacchio

Per prevenire questo tipo di insetti si possono impiantare colture di copertura o siepi che servano da rifugio ai nemici naturali del parassita, sempre in modo non permanente in modo che non competano con il pistacchio e se le condizioni idriche e nutrizionali Permettilo.

La vespa Psyllaephagus pistaciae come parassitoide è l’opzione migliore per il controllo biologico, anche se possiamo includere anche predatori , come Chrysoperla carnea , la coccinella Oenopia conglobata o la cimice Antocoris nemoralis .

Nell’ambito del controllo ecologico, sarebbe anche consentito applicare silicato di alluminio , che funge da film protettivo per respingere queste psila dalla deposizione delle uova, e olio di paraffina.

2.4. Clitra o scarabeo ( Lambidostomis lusitanica )

Il clitra è un coleottero che si nutre delle foglie di pistacchio, le divora letteralmente, riuscendo addirittura a lasciare solo il nervo centrale. Da notare anche la sua rapida capacità di nutrirsi , soprattutto negli alberi giovani, con la quale può ritrovarsi nel giro di poche ore. Il periodo con la più alta attività di questo parassita è il mese di maggio.

Misure di prevenzione e controllo di Clitra

Alcune piante, come le crocifere, sono un rifugio per questo coleottero, quindi se rileviamo la presenza di questo tipo di piante nel nostro appezzamento, dovrebbero essere rimosse immediatamente. Per questo, possiamo ricorrere alla lavorazione del terreno in inverno come misura preventiva. Con questa tecnica, oltre ad eliminare queste piante, andremo a sotterrare le pupe del parassita ed evitare che escano nella stagione successiva.

Nel caso in cui la comparsa della peste sia in zone localizzate della piantagione, potremmo scuotere i rami dell’albero, ricoprendo il terreno circostante con plastica o simili, in modo che gli adulti possano essere facilmente raccolti quando cadono.

Per il suo controllo ecologico si possono utilizzare piretrine naturali , prodotti contenenti azadiractina o repellenti all’aglio in polvere .

3. Malattie del pistacchio

3.1. Verticillosi

La verticillosi è una malattia causata dal fungo Verticillium dahliae K. quando penetra nelle radici dell’albero. Ha causato numerosi disastri nelle piantagioni di pistacchio in California fino all’arrivo di portainnesti resistenti come Pistacia integerrima e l’ ibrido UCB1 , di cui abbiamo già parlato nell’articolo sulle varietà di pistacchio e portainnesto.

L’albero del pistacchio è particolarmente sensibile a questa malattia , essendo in grado di uccidere la pianta. È un fungo che è presente in alcuni terreni , soprattutto in quelli profondi e umidi, quindi il sistema di irrigazione avrà una grande influenza quando si tratta di controllare la malattia. Inoltre, Verticillium è in grado di sopravvivere nel suolo per più di 15 anni anche se non ha un ospite in cui vivere, il che lo rende molto più pericoloso. Per questo è interessante fare un’analisi pedologica in cui si analizza la sua presenza nel terreno prima di iniziare la coltivazione del pistacchio.

Quali sintomi hanno i pistacchi affetti da Verticillium?

Il fungo entra nell’albero quasi esclusivamente attraverso le radici, anche se, in misura minore, potrebbe entrare anche attraverso l’area, ad esempio attraverso una ferita sui rami. Ciò causerà un rallentamento nello sviluppo dell’albero e una diminuzione delle sue dimensioni.

Innanzitutto osserveremo come le foglie dei rami infetti mostreranno un ingiallimento dalla punta verso la parte più vicina alla loro unione con il ramo e, con il tempo, si seccheranno. Questi sintomi saranno particolarmente visibili a giugno, anche se in alcuni casi si potranno osservare anche in primavera.

Se la malattia continua a progredire, quando eseguiamo un taglio in uno dei rami principali, osserveremo qualcosa di simile a quanto mostra l’immagine seguente:

Se la verticillosi continua ad avanzare, l’albero di pistacchio finirà per seccarsi completamente e cadere a terra.

Misure di prevenzione e controllo del Verticillium

Per cominciare, diremo che non esiste un trattamento efficace al 100% che uccida il Verticillium , a differenza di altre malattie o parassiti, quindi tutte le pratiche sono a scopo di prevenzione o mitigazione della malattia.

La cosa più importante è fare un’analisi del suolo prima di iniziare la semina. Nel caso in cui il nostro terreno abbia il Verticillium, dobbiamo optare per varietà resistenti , come la Pistacia integerrima e l’ibrido UCB1 . Per maggiori informazioni su come scegliere la varietà, consulta il nostro articolo sulle varietà di pistacchio e portainnesto.

Come misure preventive o che contribuiscono a non soffrire di problemi di verticillosi sono:

  • Solarizzazione del suolo , questa tecnica consiste nel ricoprire il suolo con della plastica, riducendo temporaneamente la densità del fungo, ma, come abbiamo già detto, non scomparirà
  • Anche le tecniche di dryland e no-tilage riducono la diffusione
  • Mantenere un’alimentazione equilibrata , soprattutto evitando carenze di fosforo e potassio.

3.2. Botriosfera

Questa malattia è causata dal fungo Botryosphaeria dothidea , che si diffonde nell’aria e colpisce molte piante. Normalmente si verifica a causa dei danni di parassiti come le cimici dei letti e il suo sviluppo sarà maggiore all’aumentare delle temperature, associate ad un’elevata umidità .

Quali sintomi hanno i pistacchi colpiti dalla Botriosfera?

I sintomi più lievi di questa malattia appariranno a metà primavera, manifestandosi con lesioni sulle foglie e crescita lenta. Le foglie si scuriranno prima dell’essiccazione e vedremo comparire delle macchie marroni , per finire ad appassire nel mese di maggio.

Allo stesso tempo osserveremo il danneggiamento e l’oscuramento delle gemme , come quello mostrato nell’immagine seguente.

Se l’infezione continua, a metà estate appariranno dei punti neri sui frutti che si diffonderanno. I pistacchi inizieranno a raggrinzirsi e finiranno per scurirsi completamente . Entro la fine dell’estate, l’albero avrà perso la maggior parte delle sue foglie.

Misure di controllo e prevenzione della Botriosfera

Un buon modo per controllare questa malattia è attraverso la potatura selettiva , rimuovendo i residui il prima possibile per evitare che il fungo venga nuovamente trasmesso dalle spore.

Un’altra pratica è quella di evitare un’elevata umidità relativa , ad esempio rimuovendo le erbacce e irrigando a goccia in modo controllato , per evitare allagamenti. Con l’eliminazione delle erbe infestanti, aiuteremo anche a prevenire la comparsa di parassiti di Hemiptera , come le cimici dei letti, che fungono da vettori di questa malattia.

In altri paesi, come gli Stati Uniti, nell’area della California, l’uso di un biofungicida chiamato regalia sta funzionando bene.

3.3. Alternaria

È una malattia causata dai funghi Alternaria alternata, Alternaria tenuissima e Alternaria arborescens , che si diffondono nell’aria . Il periodo più pericoloso per gli alberi è da metà estate alla caduta .

Quali sintomi hanno i pistacchi affetti da Alternaria?

Osserveremo i primi sintomi sulle foglie, in quanto appariranno delle macchie tondeggianti marroni o nere , queste essendo più scure al centro e schiarendosi leggermente verso l’esterno.

Se la malattia continua a progredire, queste macchie diventeranno sempre più grandi fino a quando non si uniranno l’una all’altra e, alcune, diventeranno di un colore più nero.

Nei frutti verdi, ancora immaturi, appariranno macchie o piccole macchie nere ; mentre in quelli maturi compariranno anche delle macchie nere ma contornate da una tonalità granata . Nei casi più gravi, invece di questo tono granato, acquisirebbero un colore nero e alcuni frutti presenterebbero screpolature.

Come differenziare Alternaria da Botriosfera?

Poiché entrambe le malattie producono macchie marroni più o meno circolari, potremmo pensare che non saremmo in grado di distinguere l’una dall’altra. Tuttavia, differenziarli è molto semplice . L’alternaria causerà sporulazione al centro delle macchie, che lascerà le nostre dita macchiate se tocchiamo quelle aree, a differenza della Botriosfera, che non lascerebbe le nostre dita scure.

Misure di prevenzione e controllo dell’alternaria

Per controllare questa malattia, l’opzione migliore è combinare l’uso di fungicidi con alcune pratiche di gestione , come ad esempio:

  • Raccolta dei frutti appena maturi , poiché se il fungo è presente in essi, saranno fonte di infezione.
  • Effettuare potature leggere per aumentare l’areazione all’interno dell’albero, con successiva sigillatura delle ferite.
  • Eliminazione delle erbe infestanti dall’appezzamento per ridurre l’umidità e, in caso di colture coperte, sarebbe anche conveniente eliminarla.
  • Utilizzare l’irrigazione a goccia o interrata in modo controllato, evitando sistemi di irrigazione.
  • Se l’infezione è grave, anche interrompere l’irrigazione durante le prime due settimane di agosto può essere una buona opzione.

Inoltre, ci sono anche alcuni prodotti biologici che possiamo utilizzare, come l’oleato di potassio, la propoli naturale o l’equiseto .

3.4. Ruggine

La ruggine è una malattia trasmessa dall’aria causata dal fungo Pileolaria terbinthi . Come tutti i funghi, la sua incidenza aumenta con le alte temperature e l’umidità relativa.

Quali sintomi hanno i pistacchi affetti da ruggine?

Questa malattia produce necrosi delle foglie , dando origine a macchie di colore bruno o rossastro circondate da un bordo giallastro . Con il passare del tempo, queste macchie si scuriscono e si trasformano in una specie di polvere , fino a unirsi l’una all’altra.

Misure di prevenzione e controllo della ruggine

  • Potare i rami interessati , disinfettando correttamente gli attrezzi tra una pianta e l’altra, e la successiva rimozione di detti rami .
  • Rimozione di foglie o frutti che potrebbero essere infetti , compresi quelli caduti a terra, per prevenire la diffusione della malattia
  • Portare un’adeguata concimazione, evitando l’eccesso di azoto e la mancanza di potassio
  • Possono essere utilizzati anche prodotti biologici come l’oleato di potassio o l’ Equisetum arvense .

3.5. Septoria

Questa malattia è causata dai funghi Septoria pistacina, Septoria pistaciarum e Septoria pistaciae . La sua attività aumenta con le piogge della tarda primavera e dell’estate.

Quali sono i sintomi dei pistacchi colpiti da Septoria?

I sintomi prodotti da questa malattia sono macchie necrotiche rossastre che, in genere, anche con il tempo, rimarranno isolate l’una dall’altra senza aumentare troppo le proprie dimensioni. Anche se, con il passare del tempo, quello che aumenterà è il numero di spot .

Septoria Misure di prevenzione e controllo

  • Potatura dei rami con sintomatologia e rimozione di foglie e frutti caduti , con successiva eliminazione di tutti i residui.
  • Come nel caso della ruggine, effettuare una concimazione adeguata , evitando eccessi di azoto e carenza di potassio
  • Applicazioni di trattamenti al rame, oleato di potassio o Equisetum arvense .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *